Nuovi Modelli

Totem
In arrivo una versione off-road della GT Electric

Totem
In arrivo una versione off-road della GT Electric
Chiudi

Una Totem GT a ruote alte? Perché no? Il restomod elettrico dell'Alfa Romeo Giulia GTA potrebbe presto avere una versione "Safari": l'azienda fondata da Riccardo Quaggio, infatti, ha siglato una partnership con la Oilstainlab, una società californiana specializzata in restauri migliorativi. Famosa per aver trasformato delle Porsche 911 d'antan in supercar a motore centrale, l'officina fondata dai fratelli Iliya e Nikita Bridan ha esperienza anche sulle auto italiane: la Alpine Alfa Romeo GTV6, la versione rialzata della celebre coupé del Biscione che vi abbiamo presentato nella nostra area in abbonamento Q Premium, è infatti una loro creazione. Proprio da quest'ultima potrebbero venire ripresi alcuni dettagli che caratterizzeranno la futura Alfa off-road della Totem.

Fuoristrada elettrica. Dalla collaborazione tra le due aziende potrebbe nascere una Giulia GTA pronta per l’off-road. La Totem rimarrà sicuramente fedele alla propria filosofia d’elettrificazione e il powertrain, con tutta probabilità, sarà lo stesso che sulla GT Electric promette 500 CV di potenza massima e fino a 400 km d’autonomia. A differenza della due porte con carrozzeria di fibra di carbonio, che arriverà nel 2022 con un prezzo di 430 mila euro (personalizzazioni escluse), la nuova elettrica tout terrain sarà probabilmente caratterizzata da un assetto rialzato e da altri dettagli derivati dal mondo delle fuoristrada, come i pneumatici tassellati.

L’Alfa californiana. Come già anticipato, le modifiche che la Oilstainlab apporterà all’elettrica italiana potrebbero riprendere quelle già viste sulla Alpine Alfa Romeo GTV6, sulla quale l’atelier californiano ha installato un kit coilover regolabile che ha consentito di alzare di ben 16 centimetri l’assetto della coupé di Arese. Per proteggere la meccanica di questo restomod (che, però, conserva il powertrain endotermico contraddistinto dall’iconico 2.5 V6 Busso), i fratelli Bridan hanno sviluppato delle piastre protettive per il sottoscocca e paraurti di metallo. Sulla GTV6 d’Oltreoceano, inoltre, sono presenti anche pneumatici off-road, luci supplementari, un alettone e una ruota di scorta montata al posteriore: un accessorio praticamente immancabile per ogni "Safari" che si rispetti.

COMMENTI

  • non vedo la ragione per incoraggiare operazioni del genere: vadano a proporre loro modelli inediti con simili tuning, senza andare ad intaccare il lavoro e l'inventiva altrui. questa è una giulia gt snaturata, che nulla ha a che vedere con il modello al quale sottrae l'originale identità: operazione improponibile a chiunque rispetti (non dico ami) l'automobile e la sua storia
  • non riesco ad immaginare qualcuno che spenda 430.000 per una cosa del genere...
     Leggi le risposte