Nuovi Modelli

Alfa Romeo Stelvio
Svelata la serie limitata 6C Villa d'Este

Alfa Romeo Stelvio
Svelata la serie limitata 6C Villa d'Este
Chiudi

L'Alfa Romeo Stelvio si arricchisce di una nuova serie limitata che celebra la gloriosa storia del marchio: si tratta della Stelvio 6C Villa d'Este, un allestimento che si pone all'apice della gamma, Quadrifoglio esclusa, offrendo contenuti esclusivi e finiture specifiche. Questa edizione speciale si ispira all'omonima variante della 6C 2500 SS carrozzata Touring Superleggera, chiamata Villa d'Este dopo il successo all'edizione 1949 del celebre concorso d'eleganza italiano e costruita in appena 36 unità. A testimoniare la particolare attenzione per questo modello è la tiratura prevista: solo 85 esemplari per il mercato italiano, con meccanica 2.2 diesel 210 CV, cambio automatico e trazione integrale Q4. Il prezzo di listino è pari a 73.100 euro.

2021-alfa-romeo-stelvio-6c-villa-d-este-004

La personalizzazione. Per rendere unica la Suv del Biscione sono state introdotte soluzioni stilistiche diverse da quelle di tutti gli altri allestimenti: è stata infatti scelta la tinta esterna Rosso Etna tristrato abbinata alle cornici cromate dei cristalli e ai cerchi di lega da 21", mentre gli interni propongono l'accostamento bicolore nero e beige con rivestimenti di pelle estesi alla plancia. Quest'ultima, al pari dei poggiatesta, è impreziosita dal ricamo della scritta "6C Villa d'Este", mentre i sedili regolabli elettricamente vantano impunture specifiche. La dotazione di serie include anche i paddle al volante d'alluminio, una dotazione di Adas di livello 2, i sensori di parcheggio anteriori e posteriori, la retrocamera, il portellone elettrico e la ricarica a induzione per smartphone. 

COMMENTI

  • Non capisco tanta enfasi per delle cuciture e per degli interni di colore diverso. Si fa prima a dire cosa ha questa auto di quello che non ha per competere con chi davvero sa fare impresa fatta di passione,conoscenza e qualità. mi rattrista tutto ciò se poi penso alla Lancia mi viene da paingere nel vedere tanta gloria buttata nel cesso. Se sono riusciti a rendere piacevoli e qualitativamente buone auto come Skoda e Seat perchè il gruppo Fiat negli anni non ci è riuscito con Alfa e Lancia?
  • Imbarazzante omaggio (un paio di cuciture) ad un'auto leggendaria! Andrebbero vietate operazioni del genere
  • Ma cosa può mai interessare a chi cerca un'alfa romeo delle impunture o dei colori e bicolori ? Sono anni che aspettiamo su stelvio e giulia i fari led matrix o laser che siano ! La Porsche ha turato fuori un ennesimo gioiello, la Caienne coupe' Gt. Aumentando di 100 CV la potenza e modificando telio e sospensioni. La Stelvio-Giulia è sempre uguale offrendo eccezionalmente la radio e l'aria condizionata. La stessa GTA è improponibile come nuovo modello. Ma a cosa servono ? Solo per la pista ! Con questi annunci si da l'udea che all'alfa romeo sono proprio a corto di idee. Mi aspetto che il prossimo grande evento sia che uscirà una tiratura limitata di giulia con i paddle in madreperla.
  • Poteva essere una serie speciale e’ semplicemente un flop …. Peccato altra occasione persa !!!
  • "6C"...evviva una 6 cilindri ho pensato, e invece no, ha solo gli interni beige! peccato, l'ennesima versione senza niente di nuovo.
  • Un´auto "ammazzata" dal management FCA. Un prodotto veramente valido dal punto di vista tecnico (la avessero avuta i tedeschi nella loro gamma!) distrutto da politiche di marketing, vendita a dir poco scellerate se non inesistenti. Recentemente ho provato a configuare la Stelvio con il configuratore e ho visto che, ad esempio, per gli interni, é rimasta solo la possibilitá di averli neri e rossi (solo per una versione). Il beige e il grigio chiaro sono spariti, cosí come anche la scelta delle modanature.
  • Per usare la denominazione "6C" era meglio usare il motore della Quadrifoglio... Visto tra l'altro la serie limitata...
     Leggi le risposte
  • assurda la citazione "6c" quando il motore è un 4 cilindri: mi ricorda tanto il termine "Giulietta Sprint" utilizzato, a mio avviso molto impropriamente, alcuni anni fa per una serie speciale della berlina 2 volumi. Temo che si sia giunti alla canna del gas
     Leggi le risposte
  • Sprecare tanto pedigree, tamta storia per un SUV, per giunta, inserendo nella denominazione della serie "6C" che per Alfa Romeo è stato qualcosa di molto importante
  • Stanno grattando il fondo della pentola ...ho letto i dati di vendita Alfa Romeo a tutto luglio in italia ... 7150 autovetture..
     Leggi le risposte
  • Solite "serie speciali" tutte chiacchiere e distintivo. E poi, sprecare il distintivo 6C Villa d'Este per una 4 cilindri a gasolio, che sarà uno dei migliori SUV in circolazione ma è pur sempre un bubbolone 4 cilindri a gasolio, mi sembra veramente troppo. E che cavolo, tutto ha un limite
     Leggi le risposte
  • Sprecare il nome Villa D'Este per un SUV è una bestemmia. Un non senso. Per Alfa Romeo sembra che basti sparare a caso, va tutto bene, pur di fare un bel polverone ed evitare di fare modelli decenti. E avanti con le serie speciali, andando a disturbare il passato: almeno quello lasciatelo stare, rischiate di rovinare anche lui. Saluti.
  • E' tozza, manca di slancio...
  • Un gran peccato, una occasione persa. Nata in ritardo,pur validissima meccanicamente, lo stile è poco emozionante e privo di personalità,mio parere. D'altra parte i numeri parlano chiaro, non vendono. Speriamo che la prossima avrà un maggio appeal.