Nuovi Modelli

Toyota
La Corolla Cross debutta in Giappone

Toyota
La Corolla Cross debutta in Giappone
Chiudi

La Toyota ha rilasciato nuove informazioni sulla Corolla Cross nella variante riservata al mercato giapponese, dove sarà disponibile con prezzi a partire da 1,99 milioni di yen (circa 15.400 euro al cambio attuale) per il modello benzina e da 2,59 milioni di yen (circa 19.900 euro) per la Hybrid. Si tratta di un prodotto inedito che affianca le altre varianti della Corolla, costruita dal 1966 a oggi in oltre 50 milioni di esemplari: è la prima volta che la fortunata serie viene declinata in versione Suv. Per il momento non è ancora certo il suo arrivo in Europa, dove si inserirebbe tra la RAV4 e la Yaris Cross.

Sotto i 4,5 metri con uno stile dedicato. La Corolla Cross adotta la piattaforma modulare Tnga ed è lunga 4,46 metri, ovvero 19 centimetri in meno rispetto alla Wagon disponibile anche in Italia, con la quale però non condivide gli elementi principali del design. Lo stile è stato infatti sviluppato in maniera indipendente con grandi passaruota allargati, gruppi ottici a sviluppo orizzontale e una presa d'aria frontale che si allarga verso il basso. Le superfici di plastica grezza su paraurti, fiancate e passaruota sono tipiche del segmento. Gli interni riprendono l'impostazione delle altre varianti della Corolla, mentre il bagagliaio offre 487 litri (440 con ruota di scorta standard) con cinque posti a disposizione.

Oltre 25 km/l (sulla carta) con l'ibrido. Per il Giappone sono previste due motorizzazioni: un benzina 1.8 con cambio Cvt e la Hybrid 1.8 nelle varianti a due e quattro ruote motrici E-Four con motore elettrico aggiuntivo. La Toyota non ha pubblicato le schede tecniche complete, ma ha confermato che nel ciclo Wltc (Worldwide Harmonized Light Vehicles Test Cycle) la Hybrid due ruote motrici è in grado di percorrere 26,2 km/l.

COMMENTI

  • Lasciatela in oriente, che è meglio
  • Dubito che la importino in Europa taglierebbe le gambe al Rav4 e alla Yaris Cross.
  • Modello che potrebbe essere strategico su molti mercati, anche nostrani. Continuo a sperare in una versione Lexus - un marchio che per stare sul mercato ha bisogno di prodotti all'altezza, lussuosi ma anche pratici e funzionali; non degli scherzi della natura quali la UX.
  • Niente male come design, siamo nella fascia Qashqai, se la importeranno anche in Europa, avrà un buon successo. La Rav4 invece è troppo grande e squadrata per gli europei.