Nuovi Modelli

Kia EV6
Cinque curiosità sull'elettrica

Kia EV6
Cinque curiosità sull'elettrica
Chiudi

La Kia EV6 è un’auto interessante. E non solo perché si tratta del primo modello a batteria della Casa coreana sviluppato sulla piattaforma nativa E-Gmp a 800 Volt (utilizzata già dalla cugina Hyundai Ioniq 5: infatti, è una crossover dal design originale molto gradevole da guidare, sia nella versione a trazione integrale (equilibrata, e dotata di un secondo motore a corrente all’avantreno), sia in quella meno potente a trazione posteriore, comunque vivace. In più, la segmento D coreana vanta parecchi dettagli curiosi. Noi ne abbiamo individuati cinque.

Il vano anteriore. Ce l’ha pure la EV6, come altri modelli a batteria. Ma il "secondo bagagliaio" della coreana non è così grande come ce lo aspettavamo, in particolare quando è presente il motore elettrico che realizza la trazione integrale. In quest’ultimo caso, infatti, il vano si riduce a soli 20 litri, buoni per ricoverare il cavo di ricarica. Optando invece per la versione a trazione posteriore (con una sola unità motrice), si può contare su 52 litri, che consentono di stivare anche qualche altro oggetto.

2021-kia-ev6-017

Per evitare il surriscaldamento... La ricarica wireless, di per sé, non è certo una news assoluta, tanto che abbiamo imparato ad apprezzarla anche sui modelli a combustione. Sulla EV6, però, vanta una particolarità, ossia un sistema di ventilazione tramite fessure sul piano d’appoggio, che evita il surriscaldamento del dispositivo.

2021-kia-ev6-033

Ecosostenibile. Accanto ai dettagli premium, i progettisti della EV6 hanno tenuto in considerazione anche la sostenibilità ambientale. Così, per esempio, sono state studiate finiture di pelle "Veg", trattate con oli vegetali, mentre altri elementi, come i rivestimenti dei sedili e i tappetini, sfruttano plastica riciclata derivata dall’utilizzo di oltre 110 bottigliette d’acqua da mezzo litro.

2021-kia-ev6-053

V2L. Il sistema di ricarica flessibile della EV6 vanta anche la funzione "vehicle-to-load" (V2L), in grado di fornire fino a 3,6 kW di potenza elettrica dalla batteria dell’auto ad altri dispositivi, tramite un adattatore, che trasforma la spina di ricarica in una presa di corrente. Così è possibile alimentare qualsiasi apparecchio, dagli elettrodomestici - come un phon o un frigorifero - al notebook, dalla televisione a una e-bike. Ma si potrà pure effettuare la ricarica da veicolo a veicolo, fornendo energia a un’altra auto a corrente rimasta a "secco".

2021-kia-ev6-038

Climatizzatore "piccolo". L’ingegnerizzazione dell’impianto Hvac (riscaldamento, ventilazione e aria condizionata) nelle parti interne ed esterne all’abitacolo ha permesso di ridurne gli ingombri del 55% rispetto a un clima tradizionale, riservando ancora più spazio ai passeggeri e ricavando un cassetto portaoggetti piuttosto capiente. Inoltre, il potente ed efficace impianto di climatizzazione, pur dotato di tasti a sfioramento, ha mantenuto le pratiche e intuitive manopole per la regolazione delle temperature. Come dire, bene la razionalizzazione e il design, ma senza dimenticare la proverbiale praticità coreana.

COMMENTI

  • Sto pensando di comprarla vista la possibilità di ricarica veloce
  • Auto tecnicamente ottima ma con uno stile troppo manga che oltretutto invecchia subito.