Nuovi Modelli

BMW M
Al via i test di una sportiva elettrica

BMW M
Al via i test di una sportiva elettrica
Chiudi

Entro la fine del 2022, nell'anno dei 50 anni del suo reparto sportivo, la BMW presenterà la XM, prima M elettrificata e primo progetto nato dal foglio bianco dai tempi della M1. Sembrava non potessero esserci altre sorprese, in un periodo così denso di novità. Eppure la Casa tedesca ha appena confermato che la divisione M ha avviato i test per una sportiva totalmente elettrica.

Oggi le M Performance elettriche, domani la M "pura". Nei listini del marchio di Monaco sono già presenti la iX M60 da 619 CV e la i4 M50 da 544 CV, mentre la i7 M70 da 660 CV seguirà nel 2023: queste vetture abbinano la propulsione elettrica a un allestimento che riprende la filosofia dei modelli M Performance endotermici, che si posizionano su un gradino inferiore rispetto alle M vere e proprie. Ora, invece, abbiamo la conferma dell'arrivo di una sportiva ad elettroni e la foto ufficiale dice molto sulle intenzioni della BMW: quella che si vede, infatti, è un prototipo basato sulla i4 M50.

Il muletto non dice tutto. In realtà, non bisogna automaticamente pensare a una futura iM4: i test, infatti, sono dedicati al telaio, al powertrain e ai software di controllo e le carreggiate modificate del muletto indicano la presenza di componenti sperimentali anche sul fronte delle sospensioni. I rinforzi sull'asse anteriore e la disposizione dei radiatori, poi, sfruttano l'esperienza maturata con la M4 sei cilindri turbo. In definitiva, non sappiamo quale sia l'aspetto finale della M elettrica, che potrebbe dunque essere totalmente inedito.

M xDrive a quattro motori. Per il momento sappiamo che i tecnici M stanno lavorando su uno schema a trazione integrale con ben quattro motori elettrici e un sistema di controllo della dinamica di guida di nuova generazione, che in pochi millisecondi può gestire la ripartizione della coppia in base alle condizioni di guida. La scelta di un motore per ruota genera grandi potenzialità dal punto di vista del controllo della coppia e dell'assetto, oltre a promettere prestazioni elevatissime, ma implica anche una maggiore complessità e ingombri superiori del powertrain stesso. Per i progettisti, il compito più difficile è quello di definire l'anima del prodotto: trasferire lo spirito dei modelli M in un'auto elettrica ad alte prestazioni è una sfida complessa e il risultato sarà fondamentale per soddisfare sia i clienti attuali del marchio, sia coloro che per la prima volta si avvicineranno alla gamma. Ovviamente è presto per parlare di cavalli, coppia, autonomia e prestazioni, ma se con due motori le M elettriche sono già oltre quota 600 CV, è facile immaginare numeri da capogiro per il pacchetto quadrimotore.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

BMW M - Al via i test di una sportiva elettrica

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it