Nuovi Modelli

Ferrari Purosangue
Boom di ordini: i nuovi clienti dovranno aspettare anni

Ferrari Purosangue
Boom di ordini: i nuovi clienti dovranno aspettare anni
Chiudi

La Purosangue è un modello senza precedenti nella storia della Ferrari. E senza precedenti si sta rivelando anche la domanda, nonostante un prezzo (390 mila euro) decisamente più elevato di quello della concorrenza (Lamborghini Urus, Aston Martin DBX, Bentley Bentayga o Rolls-Royce Cullinan). Infatti, stando a quanto rivelato dal management, la nuova Rossa ha registrato "ordini significativi" ancor prima della presentazione ufficiale avvenuta ieri a Lajatico (Pisa): tuttavia, l'interesse "è esploso" a maggio, quando è stata annunciata la scelta del V12 aspirato per la propulsione. "Ha una richiesta che non ci aspettavamo", ha spiegato il responsabile commerciale Enrico Galliera. "Di solito quanto presentiamo le serie limitate vanno subito in sold out, mentre le auto di serie vedono gli ordini aumentare gradualmente. Qui la situazione è diversa: la domanda è altissima".

Ferrari Purosangue: l'abbiamo vista (e toccata) dal vivo

Esclusività prima di tutto. La Ferrari non ha intenzione di modificare una strategia commerciale da sempre incentrata sull’esclusività per spingere la produzione e rincorrere da domanda. L’obiettivo rimane quello di dare seguito al motto del fondatore Enzo: "Ferrari produrrà sempre un'auto in meno di quante ne chiede il mercato". Non sarà facile vedere la Purosangue nelle mani di calciatori, influencer o altro: "Al momento si stanno privilegiando clienti già consolidati e non vogliamo dare la vettura a speculatori", ha precisato Galliera. Prima saranno soddisfatti gli acquirenti storici delle vetture di Maranello, poi potranno essere serviti anche i tanti nuovi clienti che hanno già manifestato il loro interesse a guidare una Ferrari più rassicurante rispetto ai bolidi tradizionali. "Ogni proprietario Ferrari - ha messo in chiaro il manager - vuole avere una Purosangue e dobbiamo premiarli, perché sono quelli che hanno reso la Ferrari quello che è oggi". 

Volumi controllati. Galliera non ha fornito dati precisi sulle prenotazioni, ma un numero dimostra le “grandi opportunità” di mercato aperte dal nuovo modello. Questa settimana arriveranno in Italia circa 2 mila clienti che hanno già confermato il loro impegno all’acquisto: sono solo una parte degli ordini già registrati e che coprono la produzione per almeno i primi due anni. Un altro numero, anche questo non confermato, sottolinea l’accoglienza riservata alla Purosangue: si parla di una lista d'attesa che potrebbe aver raggiunto già i 4 anni. Se fosse vero, si tratterebbe di tempi estremamente più lunghi rispetto a una situazione “normale” che già vede la Ferrari costretta a lavorare di cesello per garantire un adeguato equilibrio tra attese dei clienti, valore dell’auto e richieste di mercato. E ci riescono anche grazie a un’attenta disciplina produttiva. “Ci impegniamo con i nostri clienti e, nonostante la richiesta, manterremo il controllo dei volumi, qualcosa che è coerente con il nostro Dna, con la missione del fondatore, che è rimanere estremamente esclusivi. E l'unico modo per rimanere esclusivi è quello di controllare la domanda e l'offerta", ha sottolineato Galliera. Per preservare l'esclusività, la Ferrari si è impegnata a mantenere le vendite della Purosangue intorno al 20% del totale delle consegne durante i 4/5 anni del ciclo di vita. Dunque, la produzione complessiva dovrebbe attestarsi intorno agli 11.000 veicoli.

Nuove opportunità ma non altri Suv. La Purosangue, le cui consegne partiranno nel secondo trimestre per l’Europa e nel terzo per gli Stati Uniti, apre alla Ferrari nuovi orizzonti come affermato dall’amministratore delegato Benedetto Vigna: “Questa auto è come nessun'altra, è unica e apre un nuovo segmento di mercato”. Per ora, però, non sono previste ulteriori novità nel campo dei veicoli a ruote alte. “Di solito quando apriamo un nuovo segmento è per starci, ma vedremo quale sarà il futuro”, ha spiegato il responsabile dello Sviluppo prodotto, Gianmaria Fulgenzi, precisando che non sono state prese decisioni in merito. Ferrari non si aspetta neanche un effetto “cannibalizzazione” su altri modelli e non solo per i limiti auto-imposti alla produzione, ma anche perché “buona parte della gamma è già sold-out”. “Abbiamo modelli che continueremo a produrre per i prossimi due anni, ma con gli ordini già chiusi", ha aggiunto Galliera. Al momento la Ferrari accetta prenotazioni solo per Roma, 296 Gtb, 296 Gts e, ovviamente, Purosangue.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Ferrari Purosangue - Boom di ordini: i nuovi clienti dovranno aspettare anni

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it