Nuovi Modelli

Mercedes-AMG
680 CV ibridi per la C 63 S E Performance

Mercedes-AMG
680 CV ibridi per la C 63 S E Performance
Chiudi

La Mercedes-AMG C 63 si rinnova e compie un passaggio epocale verso l'elettrificazione. Come ampiamente anticipato dai vertici di Affalterbach non si vive di solo V8, che rimane comunque sui modelli al top del listino come la GT 63 S E Performance da 843 CV: per la Classe C si completa il passaggio alle sole unità quattro cilindri per tutte le versioni benzina e diesel. Dopo la C 43 mild hybrid da 422 CV è ora la volta della C 63 S E Performance, che sfrutta un nuovo powertrtain plug-in hybrid da 680 CV e 1.020 Nm e sarà da subito proposta in versione berlina e Station Wagon.

Più lunga e più larga di tutte le altre. Nonostante l'apparente somiglianza con la C 43, la nuova C 63 è caratterizzata da elementi estetici e aerodinamici specifici. Il frontale è più lungo di 50 mm a causa del diverso design delle prese d'aria, inoltre i parafanghi anteriori sono stati allargati per ospitare pneumatici più larghi: la carreggiata è stata maggiorata di 76 mm e persino il passo risulta più lungo di 10 mm rispetto alle altre versioni. Per la prima volta viene introdotto anche un sfogo d'aria orizzontale sul cofano motore, dove è stato inserito anche in anteprima assoluta il logo circolare nero AMG. Nel frontale sono nascosti anche due Air Panel attivi che modificano la loro posizione in base al fabbisogno del sistema di raffreddamento, mentre in coda troviamo un piccolo alettone integrato e il diffusore con i quattro terminali di scarico rettangolari. Di serie sono previsti cerchi da 19", mentre in opzione sono disponibili quelli fucinati da 20". L'abitacolo propone sedili sportivi (con quelli Performance ridisegnati in opzione), volante performance AMG con display integrati e le grafiche personalizzate dell'Mbux, della strumentazione e dell'head-up display.

170 CV in più del modello uscente per la plug-in hybrid. Il salto rispetto alla V8 uscente (e alle concorrenti BMW e Audi) è enorme: la precedente generazione della C utilizzata il V8 4.0 biturbo nella variante S da 510 CV e 710 Nm, mentre la nuova combina il noto quattro cilindri 2.0 turbobenzina M139 - qui portato a 476 CV e 545 Nm e dotato di turbina maggiorata e motore elettrico di supporto alla sovralimentazione alimentato dal sistema 400 Volt di bordo - a un motore elettrico da 204 CV sull'asse posteriore con cambio due marce dedicato (con la seconda inserita sopra i 140 km/h). Per la trasmissione è confermato l'automatico AMG Speedshift Mct 9G doppia frizione, inoltre è previsto l'asse posteriore sterzante. La batteria a 400V da 6,1 kWh e 89 kg segue la filosofia sviluppata in Formula 1: l'ibrido è pensato in funzione delle prestazioni e si ricarica rapidamente per avere sempre tutta la potenza disponibile, mentre l'autonomia a emissioni zero è limitata a 13 km. A bordo è presente un caricatore da 3,7 kW ed è particolarmente importante la presenza di un sistema di raffreddamento diretto a liquido (14 litri) che tocca singolarmente le 560 celle interne e non l'intero pacco dall'esterno. In questo modo, la batteria lavora alla temperatura ideale di 45 gradi indipendentemente dai cicli di carico e scarico. La Mercedes-AMG dichiara per la C 63 S un tempo di 3,4 secondi per toccare i 100 km/h da fermo e una velocità massima autolimitata di 250 km/h (con pacchetti opzionali per salire a 280 per la berlina e 270 per la Wagon). Il consumo medio omologato è pari a 6,9 l/100 km e 156 g/km.

22C0305_025

Assetto e freni al top. La AMG ha colto l'occasione per girare a suo favore il passaggio all'ibrido. Pur dovendo fare i conti con il peso aggiuntivo dell'elettrico e delle batterie, il salto dal V8 al quattro cilindri in linea ha infatti permesso di ridurre di quasi 50 kg il peso sull'asse anteriore, favorendo così la distribuzione dei pesi. Di serie sono previsti il sistema Ride Control AMG con sospensioni attive derivato dalla AMG GT Black Series e l'impianto frenante AMG do materiale composito con pinze anteriori a sei pistoncini, mentre il sistema carboceramico è proposto in opzione. La disposizione degli elementi del powertrain è inoltre concentrata verso il basso per favorire il baricentro, mentre la trazione integrale 4Matic+ mantiene il collegamento fisico tra gli assi anche in presenza del motore elettrico posteriore. 

Otto modalità di guida. La nuova C 63 S E Performance offre ben otto modalità di guida del Dynamic Select AMG: Electric, Comfort, Battery Hold, Sport, Sport+, Race, Slippery e Individual, pensate per poter coprire tutte le possibili condizioni d'uso del veicolo. Questi setup influenzano la risposta del powertrain, la gestione dei motori, la trasmissione, l'assetto e il sound dello scarico. La vettura si avvia sempre in modalità Comfort con il solo motore elettrico (con boost limitato al 25% in accelerazione), ma nell'abitacolo viene comunque diffuso il "ruggito" di una messa in moto classica. In Electric è possibile raggiungere i 125 km/h, mentre con Battery Hold l'accumulatore viene mantenuto al 75%. In Sport e Sport+ il boost del motore elettrico raggiunge rispettivamente il 65 e l'80%, mentre in Race tutti i sistemi sono impostati per le massime prestazioni in pista. Il guidatore può inoltre scegliere tra quattro livelli di recupero dell'energia in rilascio con un tasto sul volante, con mappe preimpostate specifiche in base alle modalità di guida. È possibile inoltre selezionare manualmente quattro modalità per la trasmissione, tre modalità per l'assetto e per lo sterzo e quattro livelli (Basic, Advanced, Pro e Master) per i controlli di trazione e stabilità del pacchetto AMG Dynamics. 

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Mercedes-AMG - 680 CV ibridi per la C 63 S E Performance

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it