Primo contatto

Porsche Taycan
Al volante della prima elettrica di Stoccarda - VIDEO

Porsche Taycan
Al volante della prima elettrica di Stoccarda - VIDEO
Chiudi

Che la Porsche Taycan andasse forte me lo aspettavo e, in un certo senso, lo davo per scontato. Ma in una maniera così smodata, sinceramente no. Una partenza da fermo con la Turbo S da 761 cavalli è un’esperienza che a memoria non ho mai provato prima, anche con dodici cilindri e la medesima potenza dietro alla testa. Lo stacco iniziale è realmente brutale. Anche se sono preparato alla partenza, i muscoli del mio collo nulla possono contro la veemenza dei 1.050 Nm e non riesco a trattenere quel sorriso inebetito che, solitamente, ti si stampa in faccia alla prima accelerazione longitudinale di un tostissimo rollercoaster. Noto con piacere, peraltro, che il cosiddetto Porsche electric sport sound, funziona: grazie al sistema (disattivabile) che enfatizza i rumori del powertrain elettrico, con il launch control attivo avverti un suono simile a quello di un propulsore termico che sta regimando prima della partenza. E si percepisce anche, piuttosto nettamente, il cambio marcia. Il segreto della Taycan, infatti, è la trasmissione a due velocità, con il primo rapporto che le consente accelerazioni brucianti (0-100 in 2,8 secondi, come la 911 GT2 RS) e il secondo per allungare, potendo, fino a 260 orari. Per chiudere il tema prestazioni, c’è anche da sottolineare un altro aspetto non affatto scontato: la consistenza di rendimento. Le elettriche patiscono molto le massime prestazioni ripetute, perdendo efficienza per via del surriscaldamento delle componenti. La Taycan, durante un test, è stata capace di ripetere l’accelerazione 0-200 km/h (9,8 secondi!) per ventisei volte consecutive perdendo appena 8 decimi di secondo fra lo sprint iniziale e l’ultimo tentativo.

Porsche Taycan: su strada con la Turbo S

Doppia anima. Ma quello che rende veramente diversa la Taycan da tutte le altre elettriche non è soltanto l’accelerazione, volendo sono capaci tutti di creare un dragster a batteria. Mi riferisco piuttosto al feeling che ti trasmette la vettura, un qualcosa di tutt’altro che artefatto ma puro e appagante: uno sterzo preciso e prodigo d’informazioni, un pedale del freno solido e modulabile, un comparto telaistico di altissimo livello, capace di regalare un confort degno di una berlina di questa classe ma che può trasformarsi, ruotando il pomello al volante su Sport Plus, in un handling degno di Porsche con la P maiuscola. Sulla Taycan, sebbene ci siano 23 quintali che gravano sulle sue spalle, non hai mai la sensazione, piuttosto diffusa sulle elettriche, di avere a che fare con una vettura impacciata. Merito del baricentro basso, senza dubbio, ma a prevalere sono le sane doti telaistiche della vettura.

Interni retro-tech. Dentro, l’ambiente è futuristico quanto le forme esteriori, del tutto simili a quelli della concept Mission E che ha prefigurato la Taycan. Il display Oled della strumentazione è stupendo: sottilissimo, ricurvo, con alcune funzioni touch e un design che richiama, naturalmente, la classica strumentazione Porsche a cinque strumenti circolari. Uno schermo retro-tech dalla definizione strepitosa, che però patisce il medesimo problema della 911: la corona del volante ostruisce, in parte, le estremità del pannello. Trovo fuori luogo, inoltre, il tasto d’accensione: a sinistra, non poteva essere altrimenti, ma con un design più adatto a un elettrodomestico che a una Porsche; un qualcosa di più ricercato sarebbe stato apprezzabile. Del resto, la plancia è un tripudio di schermi: quello centrale dell’infotainment è affiancato, più in basso, da un secondo display touch con feedback aptico per la climatizzazione e altre funzioni, pratico da usare. Inoltre, è possibile avere un secondo display di fronte al passeggero, il quale può gestire la navigazione o l’intrattenimento, ma non le funzioni deputate alla dinamica di marcia. In più, ci sono il supporto dell’assistente vocale intelligente attivabile con il comando “Hey, Porsche” e il catalogo Apple Music (e naturalmente Apple CarPlay) con milioni di brani; manca ancora all’appello, invece, Android Auto.

2019-Porsche-Taycan-04

L'autonomia. Al capitolo mobilità, la Taycan pare non cavarsela affatto male. Dalla sua ha una batteria molto capiente (93,4 kWh) e consumi che, in relazione alle elevatissime prestazioni, risultano del tutto accettabili: per la Turbo S vengono dichiarati fra i 24,5 e i 25,7 kWh/100 km nel ciclo Wltp e, durante il test di circa trecento chilometri che mi ha portato da Oslo a Göteborg, sul computer di bordo ho letto esattamente queste cifre. Di riflesso, parlando di autonomia (ho sempre letto attorno ai 310-330 km con l’80% di batteria), non credo sia un miraggio arrivare, con una guida attenta, attorno ai 400 dichiarati; ma questo ce lo dirà il nostro Centro prove quando metteremo la Porsche sotto i ferri.

Ricarica a 800 volt. Quanto ai tempi di attesa per il pieno di energia, la Taycan è l’unica elettrica al mondo a poter sfruttare appieno la potenza delle colonnine Ionity, grazie alla ricarica a 800 Volt e 270 kW; ciò consente, per avere un’idea, di ripristinare 100 km di autonomia in cinque minuti, oppure di passare da 5 all’80% di batteria in soli 22,5 minuti. All’atto pratico, in Italia questi benefici sono ottenibili soltanto nelle due stazioni super veloci attualmente operative (Valdichiana, Arezzo, e la neonata Carpi, Modena). Presso una colonnina fast da 50 kW i tempi salgono a 1 ora e 23 minuti (5-80% di batteria), mentre con la carica a corrente alternata servono approssimativamente nove ore per un pieno. Per rendere la vita più facile al cliente, oltre al route planner integrato nel navigatore che pianifica il viaggio intrecciando i dati dell’autonomia con la disponibilità delle colonnine, c’è il Porsche Charging Service, un’app che consente di rifornirsi ovunque con un’unica fatturazione mensile.

COMMENTI

  • E dopo aver sollevato ampie e motivate critiche alle prestazioni autocertificate nell'articolo sulla Tesla al Nurburgring, ecco riportare, senza citare la fonte, il "test" casalingo di Porsche...
  • Probabilmente questo continuo rincorrersi sulla Nordschleife ti fa perdere di vista il mondo reale, quello di tutti i giorni … la Porsche al pari dei altri produttori d’automobili elettriche e no ne è la prova certa. Queste aziende dimenticano o semplicemente non sono a conoscenza del fatto, che la maggior parte dei oltre 130’000 punti di ricarica in europa dispone di una capacità di 22kW/h AC e le attuali vetture sono capaci d’utilizzare una ricarica di soli 11 kW/h, Jaguar e Mercedes 7,4 kW/h WOW !! Quanto pare, a detta delle aziende, il caricatore di bordo da 22 kW è piuttosto costoso, vuoi vedere che lo pagheranno a prezzo d’oro, mah … in gran parte dei paesi europei è possibile utilizzare una ricarica da 22 kW/h a casa, indubbiamente un gran vantaggio nel quotidiano … l’Audi E-Tron nel 2020, ovviamente pagando un sovrapprezzo come dubitarne, offrirà la possibilità di ricaricare con 22 kW/h … e poi vedi che la nuova Renault Zoe offre la ricarica AC 22 kW/h di serie, ma quel caricatore non costava una barca di soldi o hanno semplicemente dimenticato d'integrare il sistema a 22 kW/h ??
  • Chissà perché si evita sempre ed inevitabilmente sottolineare due caratteristiche fondamentali , oltre il prezzo naturalmente ! Peso : 2300 kg….. , autonomia : sulla carta dicono 530 km con singolo ciclo di ricarica…, quindi autonomia reale: 350 km ,se va tutto bene , in pianura , piede leggero , niente aria condizionata/riscaldamento ecc ?
     Leggi risposte
  • secondo me hanno sbagliato a fare una supersportiva ,stesso errore della tesla copiato come dei fresconi ,invece di model s ,o supersportive da accellerazioni pazze e inutili la gente vuole suv elettrici a grande autonomia .
     Leggi risposte
  • Pensavo che la "Milingo" fosse pro auto elettriche in generale... invece sembra essere tifosa di Tesla soprattutto. Speriamo sia solo una tifosa "disinteressata".
     Leggi risposte
  • Inutili dragster, persino da elettriche, le porsche. Attenzione, perché, per tirar fuori sta lepre in salmì dal cilindro, han "tassato" perfino i dipendenti. Credo che fra un annetto il termine finanziario "azzardo morale" potrebbe arricchirsi di un nuovo episodio...
     Leggi risposte
  • Duemilatrecento chili... AHAHAHAHAHAHAH
  • Bye bye rottami americani ❤️❤️❤️
     Leggi risposte
  • Nelle ferrovie è da decenni che si producono locomotori elettrici con rapporti specifici in funzione del tipo di servizio che debbono svolgere. Chiarisco con un esempio: agli inizi degli anni ottanta le FS misero in servizio la prima locomotiva elettrica italiana a controllo elettronico e non reostatico (lascio alla curiosità dei lettori di informarsi sul loro significato), il gruppo E 632/633; bene, questa locomotiva fu declinata in due gruppi, appunto la E 633 e la E 632. In altre parole e semplificando, si trattava della stessa identica macchina in cui cambiava unicamente il rapporto di riduzione a valle dei tre motori elettrici posizionati nei tre carrelli di cui era dotata. Una aveva un rapporto "lungo" ed era destinata alla trazione dei treni passeggeri che abbisognano di alta velocità ma non sono pesanti, l'altra di un rapporto "corto" in cui viene privilegiata la forza di trazione a discapito della velocità, situazione tipica del servizio merci. Naturalmente nel caso della trazione ferroviaria, in cui è noto a priori il tipo di servizio che deve essere svolto, è più semplice ed economico costruire due macchine uguali che differiscono solo per il rapporto di riduzione che realizzarne una sola dotata dei due rapporti. Nel caso delle auto, essendo molto variabile il numero di persone da trasportare, il traffico da affrontare, il percorso da fare può risultare comodo avere il cambio; ovviamente ciò è da mettere in relazione anche al tipo di vettura ed al target di clientela che si vuol raggiungere.
  • In FE il cambio non ha nel complesso portato a vantaggi (tutt'altro) e tale soluzione è stata abbandonata. Quindi le perplessità di Guglielmone son più che legittime
     Leggi risposte
  • Ma possibile ce ci sia un cambio meccanico a 2 velocità? E' la prima volta che lo sento, mi pare una assurdità su una elettrica.
     Leggi risposte
  • Due velocità meccaniche? Che brutto ....
     Leggi risposte
  • FOTO


    VIDEO

    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/22366/poster_001.jpg Giro pista - Porsche Cayenne Turbo: ecco il tempo a Vairano http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-in-pista/video/giro-pista-porsche-cayenne-turbo-ecco-il-tempo-a-vairano Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22287/thumb porsche.jpg Porsche Taycan: su strada con la Turbo S http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/porsche-taycan-su-strada-con-la-turbo-s Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22221/IMG_0263.JPG Porsche Taycan: distruggerà la Tesla? (791 CV) http://tv.quattroruote.it/eventi/francoforte-2019/video/porsche-taycan-distruggera-la-tesla-791-cv Eventi
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22133/Thumb Taycan.jpg Porsche Taycan: l'abbiamo guidata in anteprima. http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/porsche-taycan-l-abbiamo-guidata-in-anteprima- Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/22123/poster_001.jpg Giro di pista - Porsche 718 Cayman 2.0: ecco il tempo a Vairano http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-in-pista/video/giro-di-pista-porsche-718-cayman-2-0-ecco-il-tempo-a-vairano Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/22017/poster_001.jpg Giro di pista - Porsche 911 Carrera S: ecco il tempo a Vairano http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-in-pista/video/giro-di-pista-porsche-911-carrera-s-ecco-il-tempo-a-vairano- Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22013/poster_6313ab6b-30ee-417a-b02b-7edc7b0544fa.jpg Nuova Porsche 911(992): a lezione da Paolo Massai http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-su-strada/video/porsche-911-a-lezione-da-paolo-massai Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21775/Thumb Porsche 911.jpg Porsche 992: come te nessuna mai http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-su-strada/video/porsche-992-come-te-nessuna-mai Prove
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/21761/poster_001.jpg Teaser: Porsche 911: ecco le prime immagini della nostra prova http://tv.quattroruote.it/mondo-q/flash/video/teaser-porsche-911-ecco-le-prime-immagini-della-nostra-prova Mondo Q
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21389/WhatsApp Image 2019-03-05 at 14.47.09.jpeg Nuova Porsche 911 Cabriolet (992), voi prendereste la cabrio o...? http://tv.quattroruote.it/eventi/ginevra-2019/video/911-mov Eventi

    Servizi Quattroruote

    quotazione

    Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

    Non ricordi la tua targa? Clicca qui

    logo

    assicura

    Assicurazione? Scopri quanto puoi risparmiare

    Trova il preventivo più adatto alle tue esigenze in 4 semplici passi!

    In collaborazione con logo

    finanziamento

    Cerca il finanziamento auto su misura per te!

    Risparmia fino a 2.000 €!

    In collaborazione con logo

    usato

    Cerca annunci usato

    Da a

    listino

    Trova la tua nuova auto

    Vuoi vedere il listino completo? Oppure Scegli una marca

    provePdf

    Scarica la prova completa in versione pdf

    A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!

    Cerca