Primo contatto

Mercedes-Benz Classe S
Alla guida (assistita) della nuova generazione - VIDEO

Mercedes-Benz Classe S
Alla guida (assistita) della nuova generazione - VIDEO
Chiudi

Forse la sigla W223 non vi dice molto, ma gli affezionati della Stella hanno già capito che stiamo parlando della nuova Mercedes Classe S, e per descriverla è inutile fare tanti giri di parole: è l’auto più comoda che abbia mai guidato. Non la più sportiva, non la più ecologica, non la più opulenta. Semplicemente la più comoda mai passata per le mie mani, e probabilmente anche la più sicura, visto che nel suo DNA, ci sono già i geni dei Livelli 3 e 4, ovvero la guida completamente assistita dai microchip e ai sensori di bordo, ma non ancora regolamentata. Comunque, nel centro prove della Mercedes di Immendingen una piccola dimostrazione l’ho avuta: in una S500 di serie guidata da un giovane ingegnere abbiamo viaggiato per una dozzina di km in mezzo a una corrente di traffico creata per l’occasione senza che il guidatore  dovesse toccare il volante oppure i pedali, ma soprattutto senza nemmeno guardare in avanti. 

Abbiamo guidato la nuova Mercedes Classe S, l'auto più comoda al mondo

Io penso a tutto. L’andatura è fluida, senza correzioni approssimative con lo sterzo, sbalzi di velocità o frenate brusche. Se il traffico rallenta, l’auto rallenta e riparte automaticamente, se c’è un ostacolo l’auto lo evita, o se non è possibile spostarsi di corsia, si ferma. “Per ora abbiamo l’autorizzazione per testare questo sistema fino a 60 km/h - mi dice l'ingegnere girandosi con disinvoltura verso di me - quindi in una condizione tipo coda in autostrada. E potremo anche salire con la velocità non appena sarà definita la guida autonoma in Europa”. La Classe S sa fare veramente tutto da sola, e per farlo usa quattro radar, un Lidar, quattro telecamere (ce n’è anche una posteriore che vi avverte, per esempio, se arriva un veicolo di soccorso coi lampeggianti accesi) e i sensori ultrasonici di prossimità su tutto il perimetro. Mi viene subito da chiedere “Ma chi paga se il sistema si sbaglia?”, e qui l’affermazione è categorica: quando il Livello 3 sarà omologato, la Casa risponderà anche del più piccolo danno. Se ne riparlerà tra un anno, quando dovrebbero essere pronte le linee guida europee.

Io parcheggio da sola. Ma saliamo di un altro livello e arriviamo al 4, quello che nella scala SAE indica un veicolo completamente autonomo, in grado di viaggiare senza nemmeno il guidatore a bordo. A cosa serve? Beh, per esempio potrei arrivare con la mia Classe S in un aereoporto, lasciarla in un’apposita area davanti vicino alle partenze e, con un'app, spedirla al parcheggio da sola (e allo stesso modo richiamarla a me, altro che navetta da aspettare per mezz’ora dal parcheggio remoto). Ora, magari per alcuni clienti della Classe S il problema non si pone perché al volante hanno un autista col cappello e a queste cose ci pensa lui, ma la cosa funziona, e l’ho vista coi miei occhi. Serve un parcheggio appositamente attrezzato, ovviamente, ma con semplici telecamere connesse alla vettura attraverso un centro dati gestito da Mercedes. E se il livello 4 non vi dà alcuna soddisfazione, da guidare com’è? Ve lo raccontiamo nel video.

COMMENTI

  • bella davanti , un pò meno dietro forse... per me deludente la plancia.. Anni luce lontana dalla paciosa eleganza della 560 SEL (V 126) . Arridatemi la 560 SEC !!!!!! :-)
  • Dal servizio mi é stata trasmessa l´idea, che sia l´auto piú comoda, non perché sia la piú silenziosa o altro, ma perché non si guida: fa tutto lei. A questo punto, per me, viene meno il concetto di auto e anche il desiderio di possederla. Comunque gli interni non mi comunicano quel lusso, che le precedenti versioni della classe S mi trasemttevano. Tutta quella plastica "piano black", o le bocchette centrali in stile Citroen di aspetto molto economico, nonché la plastica cromata é anni luci dal lusso discreto e ci classe della classe S degli anni 80-90.
  • Ripropongo un ragionamento già espresso quando la Classe A ha inaugurato il "nuovo corso" Mercedes per quanto riguarda infotainment e strutturazione generale degli interni, il cosiddetto MBUX. Siamo in una fase di passaggio, di transizioni accelerate. Ciò che oggi è nuovo e stupisce, potrebbe invecchiare (malissimo) in soli 3/4 anni. Anche qui, pure nel contesto di un'auto straordinaria, vedo chiaramente soluzioni destinate a un tasso di obsolescenza micidiale. Perché mortificare così un bene durevole, che può vivere tranquillamente 12-15 anni se ben manutenuto? L'invecchiamento precoce e programmato, con soluzioni "usa e getta", è il vero trait d'union della attuale produzione automobilistica. Vale un po' per tutti.
  • Parlare di Bentley e Rolls mi sembra andare un po' fuori tema...mi fermerei a Serie 7 ed A8. La S è sempre stata il punto di riferimento del suo segmento, anticipando tutti e guidando il mercato per anni. Io ne ho possedute un paio, e non è necessario avere l'autista per apprezzarne le qualità. Al solito, dipende da ciascuno di noi, dalle proprie esigenze e dal proprio lavoro: se odio l'aereo e il treno e devo spesso attraversare l'Italia per lavoro, beh farlo con una S ti cambia la vita e...la schiena. Provare per credere.
     Leggi le risposte
  • Semplicemente, la miglior automobile al mondo. Come sempre, peraltro.
     Leggi le risposte
  • Speriamo questo contribuisca a sbloccare un po' la legislazione ingessata in Europa.
  • E meno male che le case tradizionali sono indietro a guida autonoma... Solite fake spacciate da fanatici ciarlatani...
     Leggi le risposte
  • Finalmente una calandra non pacchiana (non come le ultime BMW, per intenderci), pur essendo pensata prevalentemente per i mercati asiatici. Peccato solo per il posteriore "discendente" comune a tutte le tre volumi Mercedes degli ultimi anni che proprio non riesco a farmi piacere. Per il resto, solita grande macchina.