Prove Speciali

Super confronto
Con gli alettonazzi non si scherza - VIDEO

Super confronto
Con gli alettonazzi non si scherza - VIDEO
Chiudi

Il dizionario spiega che la deportanza “è una portanza negativa, ossia agente verso il basso”. Per molti di noi appassionati è, più praticamente, quella forza invisibile che schiaccia l’auto verso il basso per farla andare il più forte possibile in curva. Stiamo parlando di quella carica generata da soluzioni di diversa fattura e natura: splitter, nolder, flick, louver, air courtain; sono i termini inglesi strappati al motorsport che raccontano il pacchetto aerodinamico di una sportiva. Noi, di fronte all’aggressività della Lamborghini, della Porsche e della Mercedes-AMG che ci siamo ritrovati davanti, abbiamo esclamato: "Che alettonazzi!".

Le migliori supercar da trackday: episodio 1

Tutti giù per terra. Ebbene, di "alettonate" ne abbiamo messe assieme tre per una sfida epocale che finora nessuno ha osato tentare: Lamborghini Huracán STO, Mercedes-AMG GT Black Series e Porsche 911 GT3, modelli che nascono dalle corse e che fanno della downforce la loro ragione d’essere, a corollario di doti telaistiche e propulsive di elevatissimo spessore. Per raccontarvele nel miglior modo possibile, abbiamo preparato una miniserie video di tre episodi attraverso cui abbiamo provato ad analizzare ogni dettaglio e ogni sfaccettatura utile a comprendere la grandezza di tre modelli destinati alla storia delle sportive. Sappiate, tra l’altro, che una di queste (scoprite quale nei video) ha mancato il nuovo record assoluto del Vairanoring Pro di soli 219 millesimi di secondo. Primato detenuto dalla Pagani Huayra BC.

Le migliori supercar da trackday: episodio 2

Regina dei trackday. Prima che gridiate allo scandalo perché la Porsche 911 GT3 è la meno potente di tutte e ha meno alettoni, vi anticipiamo che non ha sfigurato affatto e anzi ha dato parecchio filo da torcere alle altre due. Certo, la più indicata per la sfida sarebbe stata la GT3 RS che è ancora in fase di sviluppo (e lì di alettonazzi ce ne sono in abbondanza, tra cui un'ala posteriore gigantesca e attiva), ma l’occasione era troppo ghiotta per lasciare fuori dal confronto un player di rilievo come Porsche. Anche perché questa GT3, pur essendo "liscia" e non la più estrema RS, nasce per i medesimi scopi delle rivali Lamborghini e Mercedes-AMG: rappresentare la base di partenza per un modello da corsa (nella fattispecie la GT3 Cup del monomarca Porsche) e allo stesso tempo uno strumento accordato alla perfezione per gli appassionati di trackday. Di cui è la regina incontrastata dall’anno in cui venne presentata la prima generazione, la 996 (1999).

Le migliori supercar da trackday: episodio 3

Evoluzione ultima. Lamborghini e Mercedes-AMG hanno invece una genesi differente. Nel caso dell'italiana, i tecnici di Sant’Agata Bolognese hanno trasferito su un modello stradale tutta l’esperienza maturata nel motorsport con la già esistente Huracán Super Trofeo Evo, la macchina che dal 2018 anima l’omonima single make series che si svolge in Europa, Usa, Asia e Medio Oriente. L’acronimo di Super Trofeo Omologata, in questo caso, ha un effettivo valore perché di fatto tutto il bodykit di carbonio prevede soluzioni aerodinamiche del tutto simili a quelle del corrispondente modello da competizione. Il V10 5.2 aspirato, invece, è l’ultima variante da 640 cavalli che viene impiegata sulla Huracán GT3 che compete nei campionati internazionali GT.

2021-alettonazzi_lamborghini_huracan_sto_mercedes_amg_gt_black_series_porsche_911_gt3-07

Con l’albero piatto. Vale più o meno lo stesso discorso per la AMG GT Black Series, sesto modello della gamma più estrema di Affalterbach. Il pacchetto aerodinamico deriva strettamente da quello impiegato sulle AMG da corsa di categoria GT3, ma se queste ultime impiegano il V8 4 litri biturbo M178 standard, lei monta l’esclusivo M178 LS2 con albero motore piatto, che conferisce un’erogazione e soprattutto un suono assai diversi. Questi tre pazzeschi oggetti, insomma, sono accomunati dalle tecnologie e dalle soluzioni più vicine alle competizioni su cui oggi si possa mettere le mani, se volete una targa appesa dietro. Telaio, aerodinamica e powertrain sofisticatissimi capaci di regalare emozioni e prestazioni fuori dalla norma. Buona visione.

COMMENTI

  • Alla fine tutto torna. Il V8 con albero a gomiti piatto resta la dimostrazione che a Stoccarda sia Mercedes con la AMG che Porsche con la 918 guardano a sid delle Alpi quando si tratta di fare auto e motori da corsa. È normale, dato che in Europa i Paesi con il know how per realizzare le auto della massima formula erano, sono e restano solo due: Gran Bretagna ed Italia. Il resto fa presenza, come il prezzemolo...
     Leggi le risposte
  • Non mi aspettavo una Porsche così lenta. E' stata massacrata dalla Mercedes...
  • Tutte pazzesche, io personalmente ritengo che la Porsche abbia un'aura mitica, superiore alle altre due, per la storia che ha, e la purezza di forme. Rimane comunque un'auto di classe, le altre due sono fast and furious. Ho guidato sia la 911 che la AMG GT "normali" e devo dire che la 991 ti mette subito a tuo agio alla guida:percepisci gli ingombri e ti calza a pennello, mentre la AMG con quel cofano lascia più interdetti. Inoltre, idealmente, la concorrente spirituale di AMG Black ed STO, così track focused, sarebbe sicuramente la GT3 RS, di cui sarà interessante vedere e confrontare i rilevamenti. Vogliamo, infine, parlare del livello di prestazioni della GT3, parametrandolo anche al prezzo? A 176.000 € è una bomba a prezzo di "saldo", rispetto ai 308.000 di Lambo e 378.000 di Mercedes.
  • Complimenti per il servizio, tanto tecnico quanto passionale. L'unica cosa che aggiungerei sarebbe una tabella con tutti i dati proiettati durante i video(lap time, accelerazione longitudinale e laterale...)
  • "Alettonazzi". Una volta Quattroruote si distingueva anche a livello linguistico, adesso è un disastro: tra l'abuso dello slang anglo-meneghino alle forzature come quella del titolo (roba da depliant di tuning da due soldi), c'è da mettersi le mani nei capelli. Se non altro le vetture non sono elettriche, ecco. Ma non mi viene nemmeno voglia di cliccare e vedere i video.
     Leggi le risposte
  • Viste da dietro si fa fatica a distinguere la Mercedes dalla Porsche. Davvero quelli della stella hanno fatto un'operazione di clonazione del design al limite della querela per plagio. .....
  • Sì non si scherza perché molto facile prendere sonore pernacchie al di fuori della pista. Ma può essere utile in un caso, ad esempio in campeggio per agganciarci l'amaca