Walter de Silva svela come avrebbe realizzato l'erede della 156 se l'Audi avesse acquistato la Casa di Arese - Quattroruote.it

Walter de Silva

Ecco l’Alfa che ho disegnato per l'Audi

Il grande designer non ha mai dimenticato il primo amore, il marchio italiano. E quando il gruppo Volkswagen, di cui dirigeva lo Stile, tentò di acquistarlo da Sergio Marchionne, lui concepì un’intera gamma. Oggi ha ridisegnato in esclusiva per Quattroruote il modello core, l’erede della 156

di Roberto Lo Vecchio |

In questo articolo

Come un novello Gatsby, de Silva, indotto a lasciare l’Alfa Romeo alla fine degli anni 90, ha cercato di riconquistarla, quasi un decennio più tardi. Con alle spalle la ricchezza e la potenza di un colosso mondiale come il gruppo Volkswagen, di cui nel frattempo era diventato capo dello Stile.

Wolfsburg manifestò a più riprese interesse per lo storico marchio italiano e sul finire del primo decennio del nuovo secolo la trattativa con la Fiat sembrò farsi più concreta. Tanto che il gruppo tedesco e il suo chief designer misero nero su bianco, ovviamente in segreto, almeno cinque modelli, che avrebbero composto la gamma Alfa, da farsi su base Audi.

Sappiamo tutti come finì: Marchionne chiuse la porta in faccia ai tedeschi e il piano saltò. Oggi Quattroruote è in grado di raccontarne i retroscena. Ma soprattutto di mostrare, in anteprima assoluta, il modello centrale di quella gamma, l’erede della 156. De Silva l’ha ridisegnata in esclusiva per Quattroruote Premium: scarica il bozzetto in alta definizione!

Per visualizzare questo contenuto nel migliore dei modi ti suggeriamo
di aggiornare il tuo browser all’ultima versione disponibile.

Aggiorna il browser