Cronaca

Mostre
Le strade della metropoli viste dal tram

Mostre
Le strade della metropoli viste dal tram
Chiudi

Da Prati a Centocelle, passando per i Parioli, San Lorenzo e Prenestino. È un viaggio da una parte all’altra di Roma il tragitto dello storico tram 19, la linea su ferro più lunga della capitale. Oltre 14 km di rotaie che attraversano la città dal centro alla periferia. Quartieri alto-borghesi e periferie multietniche sono unite dal tracciato di questa linea, nata nel 1975, lungo un percorso lento e variegato fatto di identità e ambienti diversi: impiegati in giacca e cravatta si alternano a operai, pensionati ed extracomunitari. Qui più che su qualunque altro mezzo pubblico, Roma si mostra nelle sue mille sfaccettature. Il tram è il protagonista della mostra “Capolinea 19”, in programma presso la galleria di arte contemporanea LaStellina, al Pigneto. Un’esposizione in cui s’intrecciano arte e letteratura: da una parte i quadri di Sergio Ceccotti, dall’altra i testi di Edoardo Albinati.

Storie e immagini di Roma. Ceccotti ritrae su tela la quotidianità delle strade di Roma in cui transita il tram: la vita nei palazzoni umbertini di piazza Risorgimento, le file di alberi che costeggiano le caserme lungo viale delle Milizie, gli ampi spazi di piazza Ungheria, i negozietti nelle strade dietro a Villa Gordiani. Un racconto per immagini al quale Stella Bottai, curatrice della mostra, ha associato le parole del libro “19” di Albinati, che narra i diversi viaggi sul tram che lo scrittore intraprende, descrivendo personaggi, cartelloni pubblicitari, strade e ricordi. Un’associazione tra pittura e scrittura nata in modo fortuito, che restituisce al visitatore una bella narrazione della città. La mostra, patrocinata dal Municipio V, è visitabile fino al 18 aprile, dal lunedì al venerdì, dalle 17.30 alle 20.

Manuela Boggia

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Mostre - Le strade della metropoli viste dal tram

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it