Scenari

Roberto Cingolani

Maratona Green Deal

Il ministro della Transizione ecologica è convinto che l’elettrificazione vada portata avanti in modo graduale, senza ideologie di sorta. Perché il contributo delle fonti rinnovabili è insufficiente, mancano le infrastrutture e vanno ridotti al minimo i costi sociali. Il primo obiettivo è un altro: svecchiare il parco auto

di Filippo Buraschi, Laura Confalonieri |
  • Per il ministro, imporre un’elettrificazione di massa è impensabile: bisogna costruire per gradi un Paese nuovo, proteggendo l’ambiente e conservando lo Stato sociale.
  • Il primo step è sostituire in tempo rapido milioni di auto con omologazione fino all’Euro 3 con quelle Euro 6 o ibride.
  • Al tempo stesso, servono 20 mila colonnine di ricarica e investimenti sulla rete per 4,5 miliardi di euro per assecondare la crescente diffusione delle vetture a batteria. Solanto così, secondo Cingolani, si può affrontare la transizione verso l'elettrico.

Per visualizzare questo contenuto nel migliore dei modi ti suggeriamo
di aggiornare il tuo browser all’ultima versione disponibile.

Aggiorna il browser