Sicurezza

Incidente del bus sull'A16
La revisione era fasulla

Incidente del bus sull'A16
La revisione era fasulla
Chiudi

Colpo di scena nelle indagini sul pullman precipitato nel luglio del 2013 dal viadotto "Acqualonga" sull'autostrada A16. Secondo la Procura di Avellino, i documenti che attestano il superamento regolare della revisione, il 26 marzo 2013, sarebbero stati contraffatti, redatti cioè in data successiva all’incidente e l'esame non sarebbe mai stato eseguito.

Dipendenti infedeli. Com’è accaduto? La notizia, pubblicata dal quotidiano “Il Mattino”, ricostruisce il percorso seguito dagli inquirenti, che sarebbero arrivati a questa conclusione dopo aver disposto una perizia calligrafica sulle carte. Secondo la Procura, due dipendenti della Motorizzazione di Napoli, Vittorio Saulino, funzionario tecnico e Antonietta Ceriola, assistente amministrativa, sarebbero entrati nei sistemi informatici per far risultare superato un esame tecnico mai avvenuto, in modo da avvalorare l’autorizzazione a circolare per il bus della Mondo Travel precipitato dal viadotto di Acqualonga. I due dipendenti della Motorizzazione sono così stati iscritti nel registro degli indagati per omicidio colposo plurimo e disastro colposo. Quello che sconcerta, però, è il fatto che Antonietta Ceriola era già finita agli arresti nel 2012 assieme ad altre 11 persone per una brutta storia di patenti vendute e, contrariamente a quanto si possa pensare, si trovava ancora al suo posto negli uffici della Motorizzazione di Napoli.

Cosimo Murianni

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Incidente del bus sull'A16 - La revisione era fasulla

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it