Sicurezza

Manutenzione
I controlli da fare sull'auto dopo il lockdown

Manutenzione
I controlli da fare sull'auto dopo il lockdown
Chiudi

L’emergenza sanitaria per coronavirus non è ancora finita, ma già dal 4 maggio abbiamo assistito a un allentamento delle restrizioni alla circolazione e i primi dati mostrano chiaramente come l’automobile sia la protagonista indiscussa degli spostamenti durante la cosiddetta Fase 2. Molte aziende, tuttavia, richiameranno in sede i propri dipendenti solo a partire dal 18 maggio, cioè a metà mese. Per questi, dunque, si avvicina il momento in cui, con molta probabilità, dovranno rimettersi al volante. Dunque, come fare per evitare di ritrovarsi con un’auto non pronta proprio al momento del bisogno? Ecco una serie di consigli per effettuare un piccolo check-up.

livello-olio

Primo: i livelli. Il primo controllo da fare è quello dei livelli. Dopo aver aperto il cofano, è necessario verificare che il livello del liquido refrigerante nella vaschetta semitrasparente sia compreso tra i due riferimenti del minimo e del massimo. Dopodiché, bisogna estrarre l’astina del livello olio, pulirla con uno straccio, rimetterla a posto ed estrarla nuovamente per controllare se il livello del lubrificante è giusto in base ai riferimenti sull’astina. Anche se è meglio fare questo controllo una decina di minuti dopo aver spento il motore, la verifica a freddo è comunque indicativa: se la traccia è sotto il livello minimo, lo sarà presumibilmente anche a caldo. E fate attenzione ad alcuni modelli di auto che non hanno l’astina, ma prevedono un indicatore sul cruscotto: in tal caso, fate riferimento al libretto di uso e manutenzione. Una volta effettuate queste verifiche iniziali, avviate il motore e lasciatelo girare al minimo, cercando di capire se emette rumori anomali. L’eventuale stridio di una cinghia, dovrebbe sparire poco dopo. Per fare tutto ciò bastano meno di 10 minuti e uno straccio pulito.

pressione01

Secondo: i pneumatici. Dopo aver verificato i livelli, è il momento di dare uno sguardo alle gomme. Procuratevi un manometro e controllate la pressione di ciascun pneumatico, ruotino compreso, se presente. Per i valori di riferimento potete consultare il libretto di uso e manutenzione o guardare la targhetta che, di solito, si trova sul montante centrale lato guida. Lo strumento da usare, se non ne avete uno, lo potete comprare sia dai ricambisti sia nei centri commerciali e online. Non ne serve uno professionale e le cifre in gioco si aggirano intorno ai 15 euro. Se una delle ruote è sgonfia, e non avete la possibilità di usare un compressore, ve la potete cavare egregiamente con una pompa a pedale oppure azionando il compressorino del kit di riparazione (meglio se a motore in moto). Ristabilita la pressione corretta, ricordatevi di resettare il sistema di monitoraggio della pressione pneumatici, ove previsto.

car-battery-testing-multimeter_M

Terzo: la batteria. Il nemico principale delle lunghe soste, tuttavia, è la perdita di energia da parte della batteria. Possiamo testimoniare che, se l’accumulatore è particolarmente stanco oppure a corto di carica, basta anche una settimana di sosta per mandarlo al tappeto. Il motivo è preso spiegato: l’auto assorbe una piccola quantità di energia anche da ferma. Se la si usa ogni giorno, si riesce a compensare la perdita; se la si lascia inattiva a lungo, il saldo è sempre negativo e quando si riavvia lo spunto non è più sufficiente. Come si fa a capire lo stato di salute della batteria? Un metodo è quello di misurare la tensione con un multimetro digitale e anche in questo caso non serve uno strumento professionale: lo si può acquistare con ventina di euro. Una volta collegati i puntali al polo positivo e a quello negativo della batteria, se leggete valori superiori ai 12,3 Volt, potete ragionevolmente contare su uno stato di carica di circa il 60%. Se il numero è tra 12 e 12,3, fate attenzione: l’energia residua potrebbe non essere sufficiente ad avviare il motore, soprattutto se un diesel. Se invece leggete valori uguali o al di sotto dei 12 Volt, l’accumulatore è scarico e ha bisogno di una bella ricarica attraverso un apposito caricabatteria per auto. Occhio alle vetture con start&stop oppure ibride, che potrebbero avere una batteria AGM: in questo caso è caldamente consigliato un caricatore computerizzato con programma dedicato. Se avete un garage, il dispositivo vi servirà anche da mantenitore di carica durante le soste: costa tra i 50 e gli 80 euro, a seconda del modello. Se non avete una rimessa privata e lasciate la macchina per strada, potete avviare il motore impegando un'altra batteria collegata con i classici cavi, oppure usando una stazione booster. Un’ultima avvertenza: prima di collegare il caricatore (o anche il booster), leggete il libretto di uso e manutenzione della vostra vettura per sapere se è necessario scollegare qualcosa prima di somministrare corrente. Su molti modelli, per esempio, è richiesto il distacco del sensore start&stop prima di avviare la carica.

COMMENTI

  • Avvertenza per i possessori di auto con sistema start & stop Sul libretto di istruzioni della mia auto non si fa menzione del "distacco del cavetto start & stop" Ho eseguito la ricarica con un carica/mantenitore di qualità medio alta di un marchio molto diffuso che esegue la ricarica utilizzando programmi specifici per le batterie di ultima generazione e senza staccare i morsetti stessi della batteria. Bene, la ricarica è andata a buon fine ma il sistema start & stop non entra più in funzione ( visto che lo disattivo io tramite pulsante quando uso l'auto, mi ha fatto un favore ) ma avendo percorso due tragitti di una ventina di chilometri a distanza di una settimana uno dall'altro, non posso ancora verificare se è un problema causato dalla ricarica, oppure, come letto da più parti, è un blocco attivato in autonomia dalla centralina che ritiene la batteria non sufficientemente ricaricata per ripristinare lo start & stop.
  • FOTO


    VIDEO

    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19610/poster_001.jpg La Yamaha Sports Ride Concept diventa T40 http://tv.quattroruote.it/news/video/la-yamaha-sports-ride-concept-diventa-t40 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19665/poster_001.jpg Apre Garage Italia Milano, il nuovo atelier di Lapo Elkann http://tv.quattroruote.it/news/video/apre-garage-italia-milano-il-nuovo-atelier-di-lapo-elkann News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19688/poster_017.jpg Il making of del Calendario Pirelli 2018 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-making-of-del-calendario-pirelli-2018 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20579/poster_005.jpg Ferrari 488 Pista, primo test a Fiorano! http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-488-pista-primo-test-a-fiorano- News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20600/poster_002.jpg Al volante della Porsche Mission E Cross Turismo http://tv.quattroruote.it/news/video/al-volante-della-porsche-mission-e-cross-turismo News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21060/20181025_200301.jpg Primo incontro con la Volkswagen T-Cross http://tv.quattroruote.it/news/video/vw-t-cross-mp4 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22072/thumb mini 2.jpg Mini Clubman John Cooper Works: mai così potente http://tv.quattroruote.it/news/video/mini-clubman-john-cooper-works-mai-cos-potente News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/22535/2019-ford-mustang-mach-e-00312.jpg Ford Mustang Mach-E: ecco com'è http://tv.quattroruote.it/news/video/ford-mustang-mach-e-ecco-com- News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22651/THUMB.png Ferrari Roma, l'analisi stilistica: tutti i dettagli del design spiegati in esclusiva http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-roma-lanalisi-stilistica-tutti-i-dettagli-del-design-spiegati-in-esclusiva News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22925/FAST LAP CORVETTE.jpg Il giro di pista della Chevrolet Corvette C8 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-giro-di-pista-della-corvette-c8 News

    Servizi Quattroruote

    quotazione

    Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

    Non ricordi la tua targa? Clicca qui

    logo

    assicura

    Assicurazione? Scopri quanto puoi risparmiare

    Trova il preventivo più adatto alle tue esigenze in 4 semplici passi!

    In collaborazione con logo

    finanziamento

    Cerca il finanziamento auto su misura per te!

    Risparmia fino a 2.000 €!

    In collaborazione con logo

    usato

    Cerca annunci usato

    Da a

    listino

    Trova la tua nuova auto

    Vuoi vedere il listino completo? Oppure Scegli una marca

    provePdf

    Scarica la prova completa in versione pdf

    A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!

    Cerca