Sicurezza

Tesla
Stop... col "rolling stop"

Tesla
Stop... col "rolling stop"
Chiudi

Allo stop ci si ferma: punto. Si può riassumere così il messaggio che l’Nhtsa ha mandato alla Tesla con l’ultima disposizione di richiamo. La Casa californiana, infatti, è finita nuovamente nel mirino dell’agenzia federale statunitense per la sicurezza nei trasporti a causa del suo sistema di guida assistita, il Full Self Driving (Fsd) in versione Beta, e in particolare per la funzione "rolling stop": quella, cioè, che consente di superare in automatico i segnali di arresto senza che l’auto si fermi del tutto (ma solo a precise condizioni di velocità e di traffico).  

Procede da sé, ma solo se... Il "rolling stop" era stato introdotto nell’ottobre del 2020 con un aggiornamento del software (codice 2020.40.4.10) dell’Fsd e, entro i primi giorni di febbraio, verrà spazzato via con un intervento da remoto, operato direttamente dalla Casa tramite il rilascio over-the-air di un nuovo firmware (codice 2021.44.30.15). In tutto, saranno rimesse in regola poco meno di 54 mila vetture, tra Model S e Model X costruite tra il 2016 e il 2022, Model 3 2017-2022 e Model Y 2020-2022. La funzione "rolling stop" – si legge dal rapporto dell’Nhtsa – va abilitata attraverso i settaggi del Fsd, si attiva a velocità non superiore ai 9 km/h, se non vengono rilevati pedoni, ciclisti o auto in movimento vicino all’intersezione e deve essere impiegata su strade con limite di velocità di 30 miglia o meno: solo se tutte queste condizioni sono soddisfatte, la Tesla attraversa lo stop senza prima giungere a un completo arresto; in caso contrario, l'auto si ferma.

Assistenza (rischiosa) alla guida. Nonostante queste accortezze, per l’Nhtsa superare un incrocio senza prima fermarsi del tutto è comunque un comportamento che "può aumentare i rischi d’incidente" e perciò l’agenzia ha costretto la Tesla a fare un passo indietro: il secondo in pochi mesi dopo quello sui videogiochi a bordo e la funzione Passenger Play. Il 10 gennaio scorso c’è stato un confronto tra l’ente per la sicurezza e il costruttore di Palo Alto sui parametri operativi della "rolling stop", dopodiché, in data 20 gennaio, la Tesla ha disposto un richiamo volontario per disabilitare la funzione. A oggi, comunque, non sono noti casi di incidente relativi al "rolling stop".

COMMENTI

  • Grande ipocrisia.... mi fido molto di più di una tesla che in determinate condizioni supera lo stop andando a 5 all'ora che di un guidatore umano, lasciato al suo "libero arbitrio"...
     Leggi le risposte
  • Infatti proprio non se ne sentiva la necessità, di un simile dispositivo. In Italia ce l'abbiamo nel DNA che allo stop non ci si deve fermare ... 😄