Sicurezza

(In)sicurezza stradale

Il grande flop dei seggiolini antiabbandono

L’incredibile storia dei fondi stanziati dallo Stato per incentivare l’acquisto degli allarmi. Ma rimasti in buona parte inutilizzati

di Mario Rossi |

In questo articolo

  • A fine 2019 lo Stato stanzia 22,5 milioni di euro per incentivare l’acquisto dei dispositivi di allarme: il singolo contributo ammonta a 30 euro.
  • Il 20 febbraio 2020 è online l’apposito portale che, tramite Spid, consente di prenotare il bonus o di ottenere il rimborso.
  • Il 6 marzo 2020 entra in vigore l’obbligo di utilizzo. Nelle prime due settimane chiedono l'incentivo 140 mila persone. Poi, però, le registrazioni si fermano.  

Per visualizzare questo contenuto nel migliore dei modi ti suggeriamo
di aggiornare il tuo browser all’ultima versione disponibile.

Aggiorna il browser