Sport

DS E-Tense FE19
Per le vie di Roma con il simulatore della Formula E

DS E-Tense FE19
Per le vie di Roma con il simulatore della Formula E
Chiudi

In Tv sembra tutto facile, una passeggiata di salute. Io, invece, in una mezz’ora scarsa al volante della DS E-Tense FE19 fra le strade di Roma, avrò fatto almeno mezzo milione di euro di danni. Perché i circuiti cittadini, è risaputo, nascondono mille insidie. Lo sanno bene i piloti di Formula 1, che in mezzo ai muretti ci viaggiano in tre occasioni su ventuno (Monaco, Baku e Singapore), ma ancor meglio i colleghi della Formula E, il campionato elettrico la cui peculiarità è proprio quella di gareggiare soltanto in tracciati ricavati su strade normalmente aperte al traffico: tredici tappe stagionali. E ogni anno se ne aggiungono di nuove con piste totalmente sconosciute ai piloti.

Come criceti in gabbia. Ecco allora che il simulatore - i danni sopracitati sono quindi quantificabili coi soldi del Monopoli… -, per i piloti della Formula E, assume un significato differente. Che questo strumento sia ormai imprescindibile nel motorsport è già noto da un pezzo. Basti pensare alla Formula 1 dove talentuosi piloti, in attesa di un sedile vero, macinano migliaia di chilometri come criceti in gabbia per cavar fuori un numero impressionante di dati da dare in pasto agli ingegneri. Lavoro svolto a priori, ma anche in tempo reale, con il Gp virtuale simulato al quartier generale mentre è in corso il Gp reale dall’altra parte del mondo.

2019-DS-Formula-E-03

Si corre con rFactor Pro. La stessa cosa accade a Versailles, a pochi chilometri da Parigi, nella sede del reparto motorsport del Gruppo PSA, dove da poco si è insediata anche la DS Performance con il suo team di Formula E. In un buio stanzino di pochi metri quadri c’è la scocca della monoposto, con tre video proiettori ad alta definizione che sparano il software rFactor Pro su un enorme pannello semi circolare davanti agli occhi del pilota. Il simulatore è statico e non dinamico perché qui, gli obiettivi, sono differenti rispetto alla Formula Uno. Dar modo al pilota, come detto, di prendere dimestichezza con piste inedite, che altrimenti vedrebbero soltanto nel primo turno di prove. E prendere dimestichezza con un circuito cittadino, credetemi, è molto più difficile che memorizzare un tracciato permanente. Ma l’aspetto più importante riguarda lo sviluppo degli svariati scenari software da utilizzare in gara, per far fronte ad ogni mutamento della corsa.

Una monoposto per gara. Se in Formula Uno la strategia è fondamentale, specie quella legata ai pneumatici, nella Formula E lo è altrettanto in virtù del target primario di ogni team: portare a termine la gara senza rimanere a secco di energia. A partire da questa stagione, infatti, è cambiato tutto: le monoposto di seconda generazione, battezzate Gen 2, hanno batterie dalla capacità doppia (52 kWh) rispetto alle Gen 1, i motori sono più potenti (200 kW in modalità gara, 250 di picco massimo) e non c’è più il “car swap” come nelle stagioni passate, cioè due monoposto per ciascun pilota con cambio a metà gara perché non c’era energia a sufficienza per arrivare in fondo con una sola vettura. Adesso ogni round dura 45 minuti più 1 giro e quei 52 kWh te li devi far bastare fino alla bandiera a scacchi.

2019-DS-Formula-E-20

Nuove strategie. E qui arriva l’importanza delle strategie software (circa 70 diverse per ogni e-Prix) da usare in base ad ogni evenienza. Perché se sei in testa hai un certo passo gara, se ti trovi nel pacchetto di mischia un altro, se esce una safety car consumi molto meno e se devi attaccare ti occorre il massimo dell’energia; in più ci sono il Fan Boost e l’Attack Mode, due trovate da videogame che regalano Kw di potenza in più per un determinato lasso di tempo, e di riflesso tolgono energia. Senza considerare la pioggia, il vento, far fronte a un problema tecnico. Tutto dev’essere calcolato con estrema precisione perché anche un solo kWh può far la differenza fra la vittoria e un ritiro.

Con l'auto di Vergne. A Versailles ho provato il simulatore con la mappa software di Jean-Eric Vergne, campione della stagione 2017/2018 e fresco vincitore del sesto round 2019 di Sanya, in Cina. E il tracciato, ovviamente, non poteva essere altro che la pista di Roma, su cui si svolgerà il settimo round il prossimo 13 aprile. Una volta calato nell’angusto abitacolo mi è stato richiesto di guidare e basta. Che può sembrare un’affermazione banale non fosse che un pilota di Formula E, oltre a premere due pedali e girare un volante, deve fare molto altro. Le monoposto Gen 2 infatti, a detta degli ingegneri DS, hanno raddoppiato le funzioni al volante e le conseguenti azioni che il pilota deve compiere durante la gara. Un tripudio di pulsanti, manopole e bilancieri, quasi tutti deputati ad attuare particolari strategie per la rigenerazione dell’energia in frenata e rilascio, dall’intensità del recupero alla modalità veleggio. Anche perché bisogna ricordare che proprio il powertrain (motore elettrico, inverter e trasmissione, parte del retrotreno) e la relativa logica di funzionamento, sono l’unica area in cui ogni costruttore può metterci del suo. Telaio e aerodinamica (Spark Racing Technology e Dallara), batteria (McLaren Technologies) e pneumatici (Michelin), invece, sono uguali per tutti.

2019-DS-Formula-E-06

Non chiamatelo videogame. Pur se statico, il simulatore della DS E-Tense FE19 riproduce le medesime forze della monoposto reale per quel che riguarda carico dello sterzo, impianto frenante (by wire) e acceleratore. Perciò attenzione a non chiamarlo videogame perché qui sembra di guidare una macchina da corsa vera. Il freno, per prima cosa, o ci carichi sopra decine di chili di spinta o la monoposto finirà dritta in barriera; ma basta un pizzico di pressione in più per arrivare al bloccaggio perché l’Abs non è previsto. In uscita di curva occorre modulare l’apertura dell’acceleratore perché la coppia è tanta e il sovrasterzo è dietro l’angolo, specie in uscita dalle curve lente. E di parti tortuose, a Roma, ce ne sono parecchie. Come per esempio il tornantino dove non è sufficiente incrociare le braccia per voltare (e lo sterzo è parecchio pesante) e qui capisci la difficoltà di far girare nello stretto una monoposto lunga 5,16 metri. Per il resto è tutto un saltare sui cordoli facendo attenzione a non salire sui marciapiedi, capire come uscire il più forte possibile dalle curve sfruttando tutta la pista ma facendo attenzione ai muretti che sono dannatamente vicini. Tutte complicazioni che, nella vita reale, sono amplificate dalla presenza di 22 monoposto con altrettanti agguerriti piloti. Non fatevi scappare quindi l’e-Prix di Roma, in programma sabato 13 aprile alle ore 16:00, in diretta su Italia 1 ed Eurosport 1.

COMMENTI

FOTO


VIDEO

https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21771/Schermata 2019-05-22 alle 18.42.56.png DS 3 Crossback, la comprereste al posto di un’Audi? http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-su-strada/video/prova-ds3-mp41 Prove
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21739/poster_de098aa5-5dfb-4414-8c18-b311e4e46143.jpg Teaser - DS3 Crossback: ecco le prime immagini della nostra prova http://tv.quattroruote.it/mondo-q/flash/video/teaser-ds3-crossback-ecco-le-prime-immagini-della-nostra-prova Mondo Q
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20979/poster_003.jpg La tecnica vista da Roberto&Roberto: come funzionano i LED matrix? http://tv.quattroruote.it/eventi/parigi-2018/video/ungaro-e-boni-07-led-matrix-mov Eventi
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20951/poster_004.jpg Ecco la DS3 Crossback elettrica, la E-Tense! http://tv.quattroruote.it/eventi/parigi-2018/video/ds3-e-tense-mp4 Eventi
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20950/poster_006.jpg Arriva la DS3 Crossback, ed è subito SUV! http://tv.quattroruote.it/eventi/parigi-2018/video/citroen-ds3-crossback-ok-mp4 Eventi
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20105/poster_007.jpg La DS 7 CrossBack protagonista del dossier Q Suv e Crossover http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-su-strada/video/la-ds7-crossback-protagonista-del-dossier-suv-e-crossover Prove
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20062/poster_005.jpg Teaser: la novità DS7 presto in prova! http://tv.quattroruote.it/mondo-q/flash/video/teaser-la-novit-ds7-presto-in-prova- Mondo Q
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/19822/20171204_162442-iloveimg-resized-iloveimg-cropped.jpg DS 7 Crossback, al volante della prima Suv di lusso francese! http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/premiere-ds-7-crossback-mp4 Première
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/18979/poster_001.jpg Il giro di pista della DS3 Performance Black Special a Vairano http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-in-pista/video/il-giro-di-pista-della-ds-3-performance-black-special-a-vairano Prove in pista
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/18954/poster_394684a2-5460-46a0-a217-e5ce651e6bb9.jpg Abarth 595 vs DS 3 Performance vs Mini JCV: meglio avere più potenza o meno peso? http://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/prove-in-pista/video/confronto-ds3-500-mini Prove in pista

SERVIZI QUATTRORUOTE

Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

Non ricordi la tua targa? Clicca qui >

logo

ASSICURAZIONE? SCOPRI QUANTO PUOI RISPARMIARE

Trova il preventivo più adatto alle tue esigenze in 4 semplici passi!

In collaborazione con In collaborazione con Facile.it

CERCA IL FINANZIAMENTO AUTO SU MISURA PER TE

RISPARMIA FINO A 2.000 €!

Calcola il tuo tagliando

QTagliando

Cerca annunci usato

LA STORIA AUTOMOBILISTICA A PORTATA DI MANO

Oltre 1500 recensioni di attività commerciali del mondo automotive

SCARICA LA PROVA COMPLETA IN VERSIONE PDF

Costo di una singola "prova su strada": 3,59 euro (IVA inclusa). Pagamento da effettuare con carta di credito.