Formula 1 Ferrari: ricorso contro la penalità inflitta a Vettel

Davide Reinato Davide Reinato
Formula 1
Ferrari: ricorso contro la penalità inflitta a Vettel
Chiudi
 

Non sembrano volersi placare le polemiche contro il circus della Formula 1 dopo la penalità inflitta ieri a Vettel che gli ha negato la vittoria conquistata in pista. La Scuderia Ferrari ha deciso di ricorrere in appello e avrà adesso 96 ore per presentare un reclamo ufficiale alla Federazione, che potrà accogliere o rigettare la richiesta.

L’episodio incriminato. 48° giro del GP del Canada, quello che ha fatto saltare dalla sedia ogni appassionato: Vettel, in testa alla gara e tallonato da Hamilton, perde il controllo del posteriore della sua SF90 alla curva 3 e taglia andando sull’erba. Rientra e, una volta, ripreso il controllo della monoposto, riesce a tenere la sua posizione. La manovra però non piace ai giudici che decidono all’unanimità di assegnare la penalità di cinque secondi al pilota tedesco. Sebastian taglia per primo il traguardo, ma la vittoria passa nelle mani di Lewis Hamilton.

Il disappunto di Vettel. Appena tagliato il traguardo, il pilota ha lanciato un lungo messaggio via radio e poi ha deciso di non portare la sua SF90 sotto il podio, in segno di protesta. Poco più avanti, ha anche regalato un altro gesto che ha confermato tutta la sua rabbia: è andato davanti alla monoposto di Hamilton, ha preso il cartello con il numero 1 e gli ha piazzato davanti quello destinato alla seconda posizione. Un disappunto condiviso con la squadra, che ha deciso di presentare ricorso. A confermarlo è stato Mattia Binotto, team principal della Scuderia di Maranello: “Pensiamo che Seb non avrebbe potuto fare nulla di diverso rispetto a ciò che ha fatto, motivo per cui abbiamo deciso di appellarci alla decisione degli steward”.

I perché della penalità. Oltre ai 5 secondi aggiunti al tempo di gara, la Federazione ha anche tolto 2 punti dalla Superlicenza a Sebastian Vettel per aver tenuto un comportamento pericoloso in pista. I commissari, infatti, hanno deciso di penalizzare Vettel proprio per il suo rientro repentino in pista senza curarsi dell’arrivo dell’avversario dietro di lui. Il fatto che Hamilton abbia dovuto frenare per evitare un possibile contatto, ha ulteriormente avvalorato la tesi della direzione gara, che all’unanimità ha confermato la sanzione al tedesco della Ferrari. Secondo i giudici, infatti, Vettel avrebbe potuto tenere la sinistra e lasciare a Hamilton ancora più spazio per questioni di sicurezza.

COMMENTI

  • E triste constatare che purtroppo ce' sempre una sbavatura di Vettel quando ce pressione...ma ultimanente tutta questa puntuale severità sembra sempre concentrata sulle macchine di colore rosso...in tanti anni che seguo la F1..ne ho viste di tutti i colori...Ma questa regola di come rientrare in pista parere mio è stata troppo interpreta...per non concedere agli spettatori pensieri maluziosi...Non so sulla base al di quali dati si può dare una penalità del genere a un pilota che comunque ha difeso la sua posizione...come se non fosse piu concesso...se non fosse vero poi che sia giustificata dall'aver perso il controllo della monoposto...e senza analizzare dati piu consistenti...magari della telemetria ...ne sentire le giustificazioni dei piloti dopogara...inutili a questo punto i ricorsi storici...e anche quelli piu recenti..e celebrare la battaglia di sorpassi di Villeneuve è Arnoux nel 1979...adesso per quello che hanno fatto sarebbero squalificati a vita! Anche per me questo mondiale è gia' finito...speriamo per l'anno prossimo
  • E triste constatare che purtroppo ce' sempre una sbavatura di Vettel quando ce pressione...ma ultimanente tutta questa puntuale severità sembra sempre concentrata sulle macchine di colore rosso...in tanti anni che seguo la F1..ne ho viste di tutti i colori...Ma questa regola di come rientrare in pista parere mio è stata troppo interpreta...per non concedere agli spettatori pensieri maluziosi...Non so sulla base al di quali dati si può dare una penalità del genere a un pilota che comunque ha difeso la sua posizione...come se non fosse piu concesso...se non fosse vero poi che sia giustificata dall'aver perso il controllo della monoposto...e senza analizzare dati piu consistenti...magari della telemetria ...ne sentire le giustificazioni dei piloti dopogara...inutili a questo punto i ricorsi storici...e anche quelli piu recenti..e celebrare la battaglia di sorpassi di Villeneuve è Arnoux nel 1979...adesso per quello che hanno fatto sarebbero squalificati a vita! Anche per me questo mondiale è gia' finito...speriamo per l'anno prossimo
  • Il peso politico della Ferrari è inesistente Binotto sembra pronto per celebrare una messa non per nuotare in una vasca di scuali in più aggiungi che il campionato è finito prima di cominciare. Guarderemo i GP del prossimo anno
     Leggi risposte
  • tutti gli addetti ai lavori del mondo del motorsport, compresi alcuni che qualche titolo mondiale lo hanno vinto, sono dalla parte di Vettel, (persino in inghilterra)...a me questo basta e avanza, il resto sono solo chiacchiere da Bar...
     Leggi risposte
  • Ma esiste ancora la F1? A forza di mettere tutto a pagamento, negli anni c'è stata un'ampia disaffezione. Gli fa compagnia la moto GP. Sarei curioso di sapere quanto ci guadagnano gli sponsor con un platea così ridotta di potenziale clientela.
  • È interessante leggere quante persone si eccitano ad andarsene contro ogni cosa sia italiana. È la rivelazione di quale sia lo schifo di questo paese. Addirittura qualcuno ne fa un mestiere, diventando giornalista e scrittore impegnato a girare il mondo al fine di schifare tutto quello che riguarda questo paese.
     Leggi risposte
  • il regolamento dice che chi esce di pista nel rientravi deve dare la precedenza a chi dalla pista non è uscito. Precisa che per ottemperare a questo è sufficiente (dato che è una gara e non la viabilità ordinaria) lasciare uno spazio libero pari alla lunghezza della vettura tra sè e chi sopraggiunge. Vettel non l'ha fatto: punto. Hamiulton fu analogamente penalizzato (di 25 secondi) per esattamente la stessa cosa (anzi, forse un po' meno) di 25 secondi a SPA 2008, con la Ferrari di Raikkonen. E perse la gara nonostante fosse passato per primo sotto l bandiera a scacchi. La vittoria di assegnata alla Ferrari di Felipe Massa.
     Leggi risposte
  • Mio cuggino ha rilasciato in 'intervista su ruttomotor dove dice che vettel non attraversa tutta la strada andando in direzione opposta appena vede Hamilton e che è tutto un gomblotto. Fae, il figlio di max Marley, lo metteranno a capo dell'ufficio stampa della Fia (non in fiorentino...)
     Leggi risposte
  • Quello che colpisce è che trai giudici c'è un ex pilota professionista, che dovrebbe sapere che quando un'auto di formula 1 va sull'erba con le gomme calde, queste diventano come una calamita facendosi "aderire addosso" qualsiasi cosa ci sia nel prato, rendendo i primi metri che la macchina percorre sull'asfalto come sul ghiaccio , quindi ingovernabile. E' imbarazzante che un ex pilota concorra ad una punizione simile, Perdipiù non si va al supermercato, ma si arriva lanciati a grande velocità, con la macchina in quell'istante senza aderenza. Forse Seb secondo i commissari in quei pochi istanti avrebbe dovuto controllare la macchina, guardare gli specchietti, pensare di fare la traiettoria migliore e magari mettere ...la freccia!! La conferma si ha comunque dalla gran parte di ex piloti, come si legge dai post di chi mi ha preceduto, gente che ricorda una formula 1 vera, di grandi duelli, e grandi emozioni. Non una F1 fatta di politica, regole assurde e menate varie. e questo lo dico a prescindere che Vettel sia pilota Ferrari o meno. Vi ricordate il duello Villeneuve-Arnoux a Digione? E' rimasto negli annali come uno dei duelli più belli di sempre, al limite,ma emozionante. Oggi che gli avrebbero fatto? Credo li avrebbero sospesi per un anno..
  • A tutti, ripeto : staevene comunque buonie manzi. Tanto a fine anno non dovrete recriminare quei sette punti...
  • secondo Autosport nella decisione(unanime)dei commissari l'elemento fondamentale e' che Vettel,rientrato in pista,sterza a sinistra per seguire la curva,dimostrando cosi' di aver a questo punto ripreso il controllo,ma subito dopo muove il volante verso destra:questo dimostrerebbe la volonta' di chiudere Hamilton.
     Leggi risposte
  • Johnny Herbert, ha giudicato l’episodio contestando una F1 troppo soft: “E’ da pazzi, non puoi più correre… le corse si sono ammorbidite… sbagliato sbagliato sbagliato”. Tanto a Jean Eric Vergne quando a Jason Plato, è piaciuto il gesto plateale di Vettel a invertire l’ordine delle tabelle assegnate ai primi tre, per il pilota inglese: “Pessima, pessima decisione dei commissari di Formula 1. Fantastico Seb a invertire le tabelle dei piazzamenti”.
  • IL LEONE MANSELL: DECISIONE IMBARAZZANTE L’idea del Leone d’Inghilterra, Nigel Mansell, inevitabilmente non si discosta dalle valutazioni dei suoi colleghi e commenta: “E’ ridicola la penalità di 5 secondi, Seb è stato bravo a non andare contro il muro. Nessuna aderenza sull’erba! Non c’era spazio in pista lì. Grande guida di Lewis. Cosa avrebbe dovuto fare Seb? Pazzi, la macchina è finita fuori e a quel punto era un passeggero. Molto, molto, imbarazzante. Nessuna gioia nel guardare questa gara, due campioni che guidano in modo splendido, finirà in un risultato bugiardo”.
  • Secondo Mario Andretti, “la funzione dei commissari è di penalizzare manovre palesemente pericolose, onestamente non errori derivanti da un gareggiare duramente. Quanto accaduto nel Gran Premio del Canada non è accettabile a questo livello del nostro grande sport”.
  • Alexander Wurz va oltre, per dire: “La mia osservazione sul ritorno in pista di Vettel: il suo casco si sposta per guardare nello specchietto solo dopo la correzione sul volante! Che sia scivolato così a lungo è nelle leggi della fisica. La mancanza di spazio per Lewis è la caratteristico dei circuiti cittadini. Cos’è successo al #LasciateliCorrere? È stato un momento discutibile? Sì! Una penalità? Non a mio avviso”.
  • Martin Brundle approfondisce ulteriormente la dinamica dell’errore di Sebastian e giudica così l’operato dei commissari: “Per me si è trattato assolutamente della decisione sbagliata, se fossi stato nella stanza dei commissari avrei lasciato correre. Seb ha commesso un errore, questo l’ha portato sull’erba. Lewis non l’ha fatto e ha fatto la traiettoria di gara. Ma non vedo nient’altro che Vettel avrebbe potuto fare, non ha un freno a mano!”
  • Damon Hill, su Twitter, ha commentato: “La mia personale visione è che avrebbe potuto lasciare più spazio, ma abbiamo perso dei giri finali grandiosi a causa della penalità. C’era sufficiente dubbio per lasciarli continuare. Ricordate Dijon!” Digione dell’epico duello Villeneuve-Arnoux, quasi blasfemo citare tanta arte del volante in questa Formula 1.
  • leggere che pirro e un incompetente e che vettel per controllare la macchina deve sterzare a destra cioè nel senso opposto alla direzione della pista, cioè verso l'esterno della curva, cioè verso Hamilton, cioè verso il muro.... e vabbè
     Leggi risposte
  • "Sebastian!...let Lewis pass...for the championship!!"
  • Cit. "La regola dice che rientrando in pista è doveroso lasciare spazio alla macchina che arriva da dietro, ma è evidente che Vettel fosse in correzione una volta planato dall'erba sull'asfalto, impegnato a tenere la macchina in pista perdendo meno velocità possibile. E che non stava rientrando lentamente dopo un'escursione sull'erba, ma riprendeva il tracciato da un sovrasterzo in chicane. Qui bisogna decidersi: o si fa i ragionieri parola per parola su regole discutibili, o si rispetta la semplice essenza delle corse." Null'altro da aggiungere.
  • Beh una soluzione io ce l'avrei! Appurato che il mondiale è bello che andato, farei di tutto per qualificare le macchine sempre per il terzo e quarto posto e così anche in gara, in modo da rendere il mondiale di una noia mortale (come quello vinto da Button e e Barrichello con le Brawn GP... che nessuno ricorda). La Mercedes non potrebbe fregiarsi di un mondiale vinto in tal modo e la Ferrari nel frattempo risparmierebbe sullo sviluppo per concentrarsi al prossimo anno condizionando e "ricattando" anche sui nuovi regolamenti. Almeno potremo sempre dire che abbiamo perso volutamente e non sul campo, ecchecca...xxo
     Leggi risposte
  • Copio e incollo quanto sostiene una testata specializzata sulla F1: ".... la Ferrari secondo regolamento può ricorrere contro la decisione subita, ma non contro la penalità inflitta. Dal documento Federale difatti alla Rossa è concesso l’appello al punto 38.1 delle norme vigenti (l’incidente in sé), ma non al 38.3 (i 5 secondi di penalty). ..... E infatti il risultato finale del GP è stato già omologato dalla FIA." .......... Ergo, se il ricorso verrà presentato, sarà una diatriba per eventualmente riscuotere qualche credito futuro, il risultato della gara resta quello di ieri...
     Leggi risposte
  • Purtroppo il peso politico della Ferrari ormai è questo. Vettel sotto pressione avrà anche commesso un piccolo errore ma ci stava probabilmente era al limite per tenere a bada Hamilton. Però la penalità inflittagli è un vero schifo. Ricciardo ha fatto il matto ieri e non gli hanno fato niente. Vettel rientra in pista come può - non può certo scomparire - e lo penalizzano. Non so quale parere abbia dato ieri Pirro ma certo che se ha avallato le scelte di ieri è un vero incompetente per non dire altro. Il ricorso Ferrari non servirà a niente dato che Hamilton potrà sempre dire che sul finale non ha tentato l'attacco perché sapeva che poteva vincere srestanto dietro il tedesco. Poi vedere Hamilton che a fine gara salta in braccio ai meccanici e sentire i commenti di Toto Wolff... lasciamo perdere
  • leggi tutto

    FOTO

    VIDEO
     -
     -

     -
     -

     -
     -

     -
     -

    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19456/poster_001.jpg Il record della Stelvio Quadrifoglio al Ring http://tv.quattroruote.it/news/video/il-record-della-stelvio-quadrifoglio-al-ring News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19477/poster_001.jpg Alfa Romeo Giulia: i crash test IIHS http://tv.quattroruote.it/news/video/alfa-romeo-giulia-i-crash-test-iihs News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19479/poster_001.jpg Il crash test Euro NCAP della Range Rover Velar http://tv.quattroruote.it/news/video/il-crash-test-euro-ncap-della-range-rover-velar News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19610/poster_001.jpg La Yamaha Sports Ride Concept diventa T40 http://tv.quattroruote.it/news/video/la-yamaha-sports-ride-concept-diventa-t40 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19600/poster_001.jpg LS+ Concept, l'autonoma secondo Lexus http://tv.quattroruote.it/news/video/lexus-ls-concept News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19665/poster_001.jpg Apre Garage Italia Milano, il nuovo atelier di Lapo Elkann http://tv.quattroruote.it/news/video/apre-garage-italia-milano-il-nuovo-atelier-di-lapo-elkann News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19688/poster_017.jpg Il making of del Calendario Pirelli 2018 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-making-of-del-calendario-pirelli-2018 News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20579/poster_005.jpg Ferrari 488 Pista, primo test a Fiorano! http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-488-pista-primo-test-a-fiorano- News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20600/poster_002.jpg Al volante della Porsche Mission E Cross Turismo http://tv.quattroruote.it/news/video/al-volante-della-porsche-mission-e-cross-turismo News
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21060/20181025_200301.jpg Primo incontro con la Volkswagen T-Cross http://tv.quattroruote.it/news/video/vw-t-cross-mp4 News

    RIVISTE E ABBONAMENTI

    Il nuovo numero di Quattroruote vi aspetta in edicola e in edizione digitaleUn appuntamento da non perdere, che vede il proprio punto di forza nelle prove su strada, impreziosite da analisi ancora più approfondite su prestazioni, dotazioni tecnologiche e confort delle auto e personalizzate per i diversi modelli.

    Quattroruote

    Abbonati a Quattroruote!

    Sconti fino al 41%!

    SCOPRI TUTTE LE OFFERTE

    UTILITÀ

    SERVIZI QUATTRORUOTE

    Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

    Non ricordi la tua targa? Clicca qui >
    Targa
    Cerca