Sport

Formula 1
70 anni di Gran Premi: Senna e Prost, i grandi rivali

Formula 1
70 anni di Gran Premi: Senna e Prost, i grandi rivali
Chiudi

Di quanti epici duelli si sono nutriti i 70 anni della Formula 1? Impossibile contarli: eppure, nessuno è rimasto impresso nella memoria collettiva quanto quello tra Ayrton Senna e Alain Prost. Due campioni leggendari, molto diversi tra loro, capaci di scorrettezze oggi impensabili pur di prevalere, ma dotati di un grande rispetto reciproco. Ripercorriamo la loro rivalità sportiva nel quarto capitolo del nostro speciale, che potete trovare anche nel Dossier allegato ai numeri di luglio di Quattroruote e Ruoteclassiche.

Il francese. La carriera di Prost inizia prima di quella di Senna. Del resto, è un po’ più anziano: Alain nasce nel 1955, Ayrton nel ’60. Prost approda alla F.1 nel 1980 al volante della McLaren-Ford: poi, per tre anni cerca di regalare alla Renault il titolo mondiale. Ma, pur essendo stata proprio la Régie ad aver portato il turbo nei Gran Premi, non ci riuscirà: sarà la BMW a fregiarsi del primo alloro iridato ottenuto con un motore dotato di questo sistema di sovralimentazione (nel 1983, con la Brabham e Piquet). Dal 1984 Prost torna alla McLaren: ci resterà fino alla fine dell’89, guidando auto sempre spinte da motori formidabili, prima della Tag-Porsche, poi della Honda. Nell’84 perde il titolo per mezzo punto nei confronti del compagno di squadra Niki Lauda; nell’85 e ’86 conquista i suoi primi due Mondiali. Sembra imbattibile, se non fosse per l'arrivo di un astro nascente.

speciale-formula-1-testo-01

Ayrton Senna

Il brasiliano. Quando Prost già lotta con Niki per la corona, Ayrton Senna da Silva è un debuttante in F.1. Capace, però, di far vedere subito quanto vale. Al GP di Monaco dell’84 lascia tutti a bocca aperta disputando una gara pazzesca sotto un diluvio al volante di una vettura di secondo piano, la Toleman-Hart. Non vince per un soffio: la corsa viene interrotta per la pioggia proprio quando Ayrton sta per raggiungere quello che sarà il vincitore, Alain Prost con la McLaren. La beffa è che, a causa della ridotta distanza coperta, viene assegnato un punteggio dimezzato ai piloti classificati: e Prost, come abbiamo detto, a fine stagione perderà il titolo proprio per mezzo punto. Senna, comunque, è riconosciuto da tutti come il vincitore morale del Gran Premio e un vero talento naturale. Passa le tre stagioni successive alla Lotus, team ormai non più di primissima fascia, con la quale riesce a vincere sei gare tra l’85 e l’87. Nell’88 approda alla McLaren-Honda, dove trova come compagno di squadra proprio Alain Prost.

Il dominio. In quella stagione si apre un ciclo che vedrà la squadra di Ron Dennis e i motori della Honda sostanzialmente imbattibili. La MP4/4, progettata da Gordon Murray e Steve Nichols, è una monoposto perfetta. Ha il telaio di fibra di carbonio, un passo più lungo di 4 cm rispetto alle vetture delle stagioni precedenti, le sospensioni anteriori pull-rod con il triangolo inferiore infulcrato direttamente al telaio, quelle posteriori push-rod, gli ammortizzatori Showa a gas. Cuore della vettura è il sei cilindri a V di 80° della Honda, con basamento di ghisa, doppi alberi a camme e due turbo IHI: è l’ultimo anno dei propulsori sovralimentati, poi banditi, e la riduzione della pressione di sovralimentazione consentita limita la potenza a circa 685 CV. La coppia domina la stagione, vincendo 15 delle 16 gare in programma: Senna è campione con tre punti di vantaggio. In realtà, Prost ne avrebbe ottenuti di più (105 contro 94), ma ne deve scartare un maggior numero perché, ai fini dell’assegnazione del titolo, contano soltanto i risultati di 11 gare su 16. Fino a quel momento, la rivalità tra i due è ancora gestibile.

Il duello. Se c’è un istante a cui si può far risalire la frattura è probabilmente il GP di San Marino del 1989: la domenica in cui Berger rischia la vita tra le fiamme, uscendo di pista con la Ferrari al Tamburello. I due alfieri della McLaren hanno un patto di non aggressione alla prima curva, ma un’incomprensione o un gesto dettato dalla furbizia lo fa saltare. Quanto basta per far venir meno la fiducia: ognuno, a quel punto, corre solo per sé. Il primo epilogo arriva al GP del Giappone, gara che può essere decisiva per il titolo: in una chicane, Senna e Prost si agganciano ed escono di pista. Il brasiliano rientra e vince, ma viene squalificato per essere stato spinto e aver tagliato la curva. Ayrton è furibondo, ha parole pesanti contro la Federazione internazionale, ma, alla fine, il Mondiale va a Prost. Che, a fine stagione, stanco di questa convivenza difficile lascia la McLaren per la Ferrari, dove fa coppia con Nigel Mansell. Il secondo atto è conosciuto: ancora a Suzuka, ancora una gara decisiva, ancora Senna e Prost, questa volta su fronti diversi, in lotta per l’iride. Ma il brasiliano non vede l’ora di restituire la scortesia al francese: lo butta fuori alla prima occasione e il titolo, questa volta, è suo. Dirà: “Le corse son fatte così, a volte finiscono subito dopo il via, a volte a sei giri dalla fine”. Casualità, che, però, talvolta un pilota può aiutare.

speciale-formula-1-testo-02

Jean Alesi e Alain Prost con la Ferrari F1-91

Verso il destino. Il 1991 vede Senna conquistare il suo terzo titolo, mentre Prost, con una Rossa in difficoltà, non va oltre il quinto posto nel Mondiale. Nel ’92, la stella della McLaren si appanna: sorge il sole della Williams con motore Renault, che mette a segno una doppietta iridata con Mansell e Patrese, mentre Prost si prende un anno sabbatico. Nel ’93 lo troviamo sulla Williams, la macchina vincente che voleva, con Damon Hill, figlio del grande Graham, come scudiero: arriva il suo quarto titolo, mentre Ayrton, con una McLaren orfana del motore Honda (è spinta da un più modesto Ford), fa quello che può, arrivando comunque secondo nella classifica iridata. Si dice oggi che il suo passaggio alla Ferrari, quando ancora Prost correva con le Rosse, fosse cosa fatta, ma che fu proprio il francese a opporsi con tutte le sue forze. In ogni caso, al via del Mondiale del ’94 Alain non si presenta: sazio di vittorie, abbandona la tuta da pilota, restando fino a oggi in Formula 1 con ruoli differenti (titolare di un team, manager, consulente di lusso). Alla Williams il suo posto viene preso proprio da Senna. Fino al tragico epilogo del 1° maggio a Imola. Nella memoria resterà per sempre il messaggio che Ayrton manda via radio proprio in quella fatidica gara al suo rivale per eccellenza, presente nelle vesti di commentatore: “Alain, I miss you”, mi manchi. Nessun pilota si sente un campione vero se non ha un rivale alla propria altezza con cui misurarsi.

Legga la terza puntata                                                                           Leggi la quinta puntata

COMMENTI




FOTO


VIDEO

https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19610/poster_001.jpg La Yamaha Sports Ride Concept diventa T40 http://tv.quattroruote.it/news/video/la-yamaha-sports-ride-concept-diventa-t40 News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19665/poster_001.jpg Apre Garage Italia Milano, il nuovo atelier di Lapo Elkann http://tv.quattroruote.it/news/video/apre-garage-italia-milano-il-nuovo-atelier-di-lapo-elkann News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/19688/poster_017.jpg Il making of del Calendario Pirelli 2018 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-making-of-del-calendario-pirelli-2018 News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20579/poster_005.jpg Ferrari 488 Pista, primo test a Fiorano! http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-488-pista-primo-test-a-fiorano- News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/20600/poster_002.jpg Al volante della Porsche Mission E Cross Turismo http://tv.quattroruote.it/news/video/al-volante-della-porsche-mission-e-cross-turismo News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/21060/20181025_200301.jpg Primo incontro con la Volkswagen T-Cross http://tv.quattroruote.it/news/video/vw-t-cross-mp4 News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22072/thumb mini 2.jpg Mini Clubman John Cooper Works: mai così potente http://tv.quattroruote.it/news/video/mini-clubman-john-cooper-works-mai-cos-potente News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/videos/22535/2019-ford-mustang-mach-e-00312.jpg Ford Mustang Mach-E: ecco com'è http://tv.quattroruote.it/news/video/ford-mustang-mach-e-ecco-com- News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22651/THUMB.png Ferrari Roma, l'analisi stilistica: tutti i dettagli del design spiegati in esclusiva http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-roma-lanalisi-stilistica-tutti-i-dettagli-del-design-spiegati-in-esclusiva News
https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/290/193/edidomus/thumbnails/22925/FAST LAP CORVETTE.jpg Il giro di pista della Chevrolet Corvette C8 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-giro-di-pista-della-corvette-c8 News

Servizi Quattroruote

quotazione

Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

Non ricordi la tua targa? Clicca qui

logo

assicura

Assicurazione? Scopri quanto puoi risparmiare

Trova il preventivo più adatto alle tue esigenze in 4 semplici passi!

In collaborazione con logo

finanziamento

Cerca il finanziamento auto su misura per te!

Risparmia fino a 2.000 €!

In collaborazione con logo

usato

Cerca annunci usato

Da a

listino

Trova la tua nuova auto

Vuoi vedere il listino completo? Oppure Scegli una marca

provePdf

Scarica la prova completa in versione pdf

A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!

Cerca