Formula E - Nel 2021 la prima gara in notturna - Quattroruote.it
Sport

Formula E
Nel 2021 la prima gara in notturna

Formula E
Nel 2021 la prima gara in notturna
Chiudi

Anche il Mondiale di Formula E avrà la sua gara in notturna nel 2021: l'ePrix di Ad-Diriyah, in Arabia Saudita, si svolgerà per la prima volta sotto le luci artificiali.

Impianto a LED a basso consumo. Il doppio appuntamento della Formula E in Arabia Saudita è fissato per il 26 e 27 febbraio del 2021, rispettivamente come terza e quarta prova del campionato. Entrambe le gare prenderanno il via alle 20 locali e la pista sarà illuminata da un moderno impianto a LED a basso consumo, in grado di garantire un risparmio del 50% rispetto a un impianto tradizionale. Inoltre, nello spirito green della Formula E, tutto l'impianto sarà alimentato da energie rinnovabili. Alberto Longo, ceo della Formula E, ha detto con orgoglio: "Sono certo che assisteremo a delle gare spettacolari per una competizione mai vista prima. Prima ancora di pensare alla gara in notturna dal punto di vista sportivo, ci siamo prima assicurati di mantenere lo standard di sostenibilità che ci ha sempre caratterizzati".

Non una semplice gara. Khalid Bin Sultan Al-Abdullah Al-Faisa, direttore della Federazione automobilistica saudita, ha spiegato le motivazioni dietro la scelta di correre l'ePrix in notturna: "L'Arabia Saudita ha intrapreso un viaggio per abbracciare le energie rinnovabili e sostenibili, quindi la Formula E rappresenta per noi più di una semplice corsa, ma è una vera e propria partnership che guarda al futuro delle energie sostenibili".

COMMENTI

  • Sì Vin, su questo hai ragione, in effetti non ho mai assistito a una gara di Formula E. Ero anche tentato di andarci (di fatto mi piace tutto ciò che ha delle ruote e un motore), e avevo quasi pensato di andare a Roma o in Svizzera (Berna o Zurigo). Però io abito a Monza, e ricordo che una di queste era concomitante con una gara (forse era l'ELMS) di quelle vetture che puzzano e fanno casino (sicuramente più lunga, la gara intendo)... Comunque trovo giusta la scelta di fare telaio e aerodinamica uguali per tutti e powertrain no (forse sarebbe giusto anche per le batterie...) che può portare alla ricerca in questo campo. Proprio perchè, e qui mi riferisco alle vetture elettriche di serie, le percorrenze sono limitate e i tempi di ricarica eccessivi, come è eccessivo il peso (e anche il costo) delle vetture stesse. E le corse (dove magari si fa ricerca senza preoccuparsi troppo dei costi) possono venire in aiuto. Anche se, magari, nel singolo evento, la energia necessaria è prodotta da generatori diesel. (sono d'accordo che sarebbe meglio in questo caso non enfatizzare troppo l'aspetto "green")
  • Falsi e ipocriti, a Parigi (e sono certo pure a Roma, Berlino etc) tutto l'evento del GP è alimentato da decine e decine di generatori diesel che oltre a produrre corrente elettrica per gli impianti ricaricano pure le monoposto. Ora qui ci si aggiunge pure l'illuminazione notturna (a basso consumo e da energia rinnovabile seee!) .......
     Leggi risposte