Sport

Formula 1
Mercedes, Hamilton ha firmato per il 2021

Formula 1
Mercedes, Hamilton ha firmato per il 2021
Chiudi

Ora c'è l'ufficialità: Lewis Hamilton continuerà a correre per la Mercedes anche per la prossima stagione. Il sette volte campione del mondo di Formula 1 ha finalmente siglato il nuovo contratto che prevede un anno, più un'opzione di rinnovo per il 2022.

Insieme almeno un altro anno. Lewis è arrivato in Mercedes nel 2013 e da quel momento ha sempre firmato degli accordi triennali. Proprio la durata del contratto e il compenso sono stati oggetto di lunghe trattative durante questi mesi. Il sette volte campione del mondo, infatti, ha prima atteso la riorganizzazione del team – con l’ingresso di Ineos nella proprietà e la conferma di Toto Wolff al timone – poi ha ribadito le sue richieste. Alla fine, come sempre, si è arrivati a un compromesso: Hamilton avrà un compenso di circa 35 milioni di euro per la stagione 2021, con opzione di rinnovo per quella successiva da esercitare entro la fine dell’anno.  "Sono eccitato all'idea di continuare a correre con la Mercedes", ha detto Hamilton. "Insieme abbiamo raggiunto risultati incredibili e non vediamo l'ora di fare ancora meglio.

Nasce anche una fondazione. Dopo una lunghissima trattativa, l'accordo tra Lewis Hamilton e la Mercedes si è concretizzato. Oggi, nel dare l’ufficialità della notizia, Markus Schafer – membro del board di Daimler AG – ha affermato: "Siamo lieti di poter continuare a collaborare insieme al pilota di maggior successo della Formula 1. Lewis non è solo un pilota di incredibile talento. Lavora molto duramente per ottenere i suoi risultati ed è estremamente affamato di vittorie. Ma Lewis è anche una personalità cordiale che si preoccupa profondamente del mondo che lo circonda e vuole essere parte attiva per il miglioramento. Insieme a lui, ci apprestiamo a dare vita a una nuova fondazione per lavorare sull’inclusione e sulle diversità nel mondo della Formula 1”. A tal proposito, Lewis ha aggiunto: “Mi onora annunciare il lancio di questa fondazione dedicata alla diversità e all'inclusione. Mi sento ispirato da tutto quello che potremo costruire insieme e, al tempo stesso, non vedo l'ora di andare in pista a marzo".

COMMENTI

  • Se non avesse firmato non credo fosse andato in un'altro team per rischiare la vita per non vedere il podio?Con il blocco regole sviluppo motori ecc,non è come "una volta" dove uno andava in team per portare esperienza e farlo crescere.
  • Come dice Roberto la storia dell'impegno sulla diversità ed inclusione in F1 fa abbastanza ridere. In uno sport dove se non porti in dote milioni non puoi nemmeno avvicinarti ad un sedile...
  • e io che mi aspettavo che cambiasse team, giusto per dimostrare che è così forte da poter vincere anche senza Mercedes. E poi la storia dell'impegno sull'inclusione in F1. Alla fine metterà la faccia in varie iniziative, senza sganciare soldi (che li dovranno mettere altri). È l'ennesimo personaggio famoso che si "impegna" per fare in modo che altri finanzino o agiscano per un'iniziativa. Lasciasse il suo sedile ad un pilota appartenente a qualche categoria sfavorita, sarebbe un vero gesto di inclusione.
     Leggi le risposte