Sport

F.1, GP Bahrain
Red Bull, è pole position per Verstappen

F.1, GP Bahrain
Red Bull, è pole position per Verstappen
Chiudi

Max Verstappen ha conquistato la pole position del Gran Premio del Bahrain, prima prova del Mondiale di Formula 1 2021. L'olandese della Red Bull è riuscito a fermare il cronometro sull'1:28.997, staccando di oltre tre decimi la prima delle due Mercedes, quella di Lewis Hamilton. In seconda fila, nella gara di domani, troveremo l'altra W12 di Valtteri Bottas proprio davanti alla Ferrari di Charles Leclerc. Ottima quinta posizione per l'AlphaTauri di Pierre Gasly, per una manciata di millesimi davanti alla McLaren di Daniel Ricciardo.

Una pole meritata. Dopo aver segnato il giro più veloce nelle tre sessioni di libere, Verstappen ha tirato fuori il coniglio dal cilindro, conquistando anche la pole position nelle prime qualifiche dell'anno. L'olandese ha commentato dicendo: "Devo dire che il primo tentativo in Q3 non è stato il massimo, ma sapevo di poter fare di più. La vettura è veloce, spero di poter fare una gara pulita e domani vedremo come andrà". Il poleman di giornata si è anche reso protagonista di un curioso siparietto con David Coulthard, che oggi compie 50 anni. Max ha portato una torta all'ex pilota scozzese, dandogliela poi in faccia prima di darsi alla fuga nella pit-lane.

Mercedes battuta. Il team di Brackley, dal 2014 al 2020, ha sempre piazzato una delle sue vetture in pole in Bahrain e questa volta ha dovuto rinunciare. "Max è stato bravissimo" ha detto Hamilton una volta sceso dalla vettura. "Io ho dato tutto quello che potevo, ho tirato fuori il massimo dalla macchina. Dopo i test abbiamo lavorato sull'aerodinamica, ma oggi non mi aspettavo nulla di più". Anche Bottas ha ammesso di aver avuto qualche problema di troppo in questo weekend inaugurale: "Nelle libere ho faticato con il bilanciamento e non mi sono potuto preparare al meglio. Ho sprecato un set di gomme nuove per poter passare la Q1 e alla fine, quindi, non ho potuto giocarmela alla pari con gli altri".

Passo avanti per la Ferrari. Come ci aspettavamo, è stata un'ora di qualifiche serrata che ha riservato parecchie sorprese. La Scuderia Ferrari conferma il suo passo in avanti sul fronte delle performance, con Charles Leclerc che è riuscito a prendersi un piazzamento in seconda fila, in quarta posizione. Carlos Sainz ha avuto una sessione particolarmente movimentata e nel corso della Q2 ha visto spegnersi dal nulla la power unit della sua Ferrari: un problema di natura elettrica poi risolto, ma che sicuramente non ha aiutato lo spagnolo nella sua prima qualifica da pilota del Cavallino. Carlos alla fine ha chiuso ottavo, con un tempo che fa comunque morale. Entrambi i piloti hanno chiuso in testa in Q2, dopo aver fatto segnare i migliori tempi con la gomma rossa, quella che utilizzeranno per partire domani in un primo stint di gara aggressivo. A confermare la ritrovata performance della power unit del Cavallino c'è sicuramente l'Alfa Romeo Racing: Antonio Giovinazzi ha chiuso con il dodicesimo tempo, mentre Raikkonen con il quattordicesimo.

Honda spinge i suoi team. Il cauto ottimismo dei motorizzati Honda comincia a prendere forma, perché oltre la pole di Verstappen c'è da segnalare la grande prestazione della Scuderia AlphaTauri. Il team di Faenza ha chiuso in quinta posizione con Gasly, per una terza fila molto interessante. Una strategia azzardata con la scelta delle gomme ha portato Tsunoda a non passare il taglio della Q2 e domani partirà dalla P13. Peccato anche per Sergio Perez, primo degli esclusi in Q2, che si ritrova a partire dall'undicesima posizione. I buoni punti per il messicano sono ancora alla portata, specie se teniamo conto del suo ottimo passo gara mostrato nelle prove di ieri.

Top & Flop. Chi può sorridere dopo questa prima qualifica dell'anno è certamente Fernando Alonso: lo spagnolo della Alpine è riuscito a conquistare la nona posizione, dopo aver avuto qualche difficoltà durante le libere. Il due volte campione del mondo di F.1 ha surclassato il più giovane compagno di squadra, Esteban Ocon, che non è andato oltre il sedicesimo tempo. Deludente la prestazione di Sebastian Vettel, che domani scatterà addirittura dalla diciottesima posizione sulla griglia. Il suo compagno di squadra alla Aston Martin, Lance Stroll, partirà invece decimo. La Haas chiuderà lo schieramento di partenza domani, con Mick Schumacher penultimo, davanti a un non certo brillante Nikita Mazepin, autore di ben due testacoda che non hanno certo aiutato il team americano in questa prima prova cronometrata dell'anno.

Guarda i risultati delle qualifiche del GP del Bahrain

COMMENTI