Sport

F.1, GP Portogallo
Vittoria di forza per Hamilton, Verstappen secondo

F.1, GP Portogallo
Vittoria di forza per Hamilton, Verstappen secondo
Chiudi

Lewis Hamilton ha vinto il Gran Premio del Portogallo, terzo round del Mondiale di Formula 1 2021. Il sette volte campione del mondo conquista così la sua vittoria numero 97 in carriera, mettendosi alle spalle il diretto rivale per il campionato - Max Verstappen - e il suo compagno di squadra, Valtteri Bottas.

Le parole del vincitore. Ha prima subito un duro sorpasso di Verstappen, poi ha approfittato di una sbavatura del rivale per restituirgli il favore. Poco dopo si è sbarazzato con aggressività anche del compagno di squadra, facendolo sprofondare psicologicamente. Ancora una volta, Lewis Hamilton ha dimostrato di non volersi risparmiare: "A livello mentale, è stata una gara molto dura", ha ammesso l'inglese della Mercedes. "Sono partito bene, ma ho perso la posizione su Max e non ero per niente contento. Poi ho sfruttato un suo errore per attaccarlo. Non c'è il tempo per pensare a nulla adesso, dobbiamo già pensare alla prossima gara".

Così in Top 10. La McLaren ha messo una pezza a un fine settimana iniziato male. Lando Norris aveva già dato il primo colpo di reni ieri, strappando una settima posizione, e oggi ha concluso l'opera recuperando fino al quinto posto e confermandosi il primo degli inseguitori sui piloti di Mercedes e Red Bull. Ottima anche la gara di Ricciardo: l'australiano ha rimontato dalla sedicesima alla nona posizione finale, recuperando punti importanti in ottica campionato costruttori. La Ferrari ha avuto un passo simile alla McLaren e queesto ha portato Charles Leclerc a chiudere sesto, a quattro secondi da Norris. La Rossa ha però pagato le temperature più alte in pista e ha sofferto con le gomme medie, tanto che Carlos Sainz sul finale ha perso posizioni fino a uscire dalla zona punti, tagliando il traguardo solo in undicesima posizione. Ottimo weekend anche per la Alpine: il team transalpino è riuscito a fare un bel passo avanti portando le due vetture in zona punti, con Ocon settimo e Alonso ottavo. Un po' deludente la gara dell'AlphaTauri, con Gasly che è riuscito ad agguantare il punto della decima posizione all'ultimo giro, al termine di un weekend particolarmente difficile.

I risultati completi della gara sul nostro Speciale F.1

COMMENTI

  • Credo che al di la del pessimismo di Roger Waters, quest'anno in quasi tutti i GP ci possa essere almeno una parvenza di lotta per la vittoria con la Red Bull, poi è molto probabile che alla fine dell'anno "Luigino" si porterà comunque a casa il bottino pieno. ........ Bene McLaren, e come detto altre volte, quando si lavora seriamente poi i risultati arrivano, Zak Brown, Andreas Seidl e soprattutto James Key, hanno dimostrato che si può risorgere dalle ceneri pur se la situazione finanziaria della "baracca" non fa dormire la notte. ......... Ferrari al solito fa proclami di essere la 3° forza della griglia, (e già questo, visto il budget e il blasone, dovrebbe essere deprimente), ma poi la situazione in gara si sfalda come la neve al sole e le cose vanno molto peggio, continuano a prendere un secondo al giro dai migliori nonchè a mangiarsi le gomme precocemente, aggiungiamoci pure che le strategie, come da tradizione, lasciano a desiderare, e la frittata è completa. Vero è che coi soli 2 tocken a disposizione i miracoli non si potevano fare rispetto alla disastrosa monoposto 2020, ma credo sia ormai chiaro anche ai tifosi più incalliti e coi paraocchi, che con questo staff tecnico, ma soprattutto manageriale, si sta solo procedendo ad un accanimento terapeutico, il paziente non guarirà mai. ........ infine, la Mercedes verde (alias Aston Martin) continua ad essere la delusione dell'anno, ok le regole del nuovo fondo vettura che sembrano averla penalizzata oltremodo, ma un disastro tale credo fosse "impronosticabile" da chiunque, una bella "botta" per Vettel che credeva di essersi liberato del catorcio rosso e poter lottare la davanti coi migliori. .... Un'ultima citazione la riserverei per "Shumacherino", pur con la peggiore monoposto del lotto, qualche sprazzo di possibile talento comincia a mostrarlo, vedremo prossimamente se il bocciolo si trasformerà in fiore o appassirà senza schiudersi come purtroppo avvenuto per altre giovani promesse.....
  • Come già scritto, nell'era del Turbo-ibrido, il motore è fondamentale. Quindi, siccome Mercedes è una spanna sopra tutti (Honda compresa), vincerà l'ennesima coppia di titoli. Anche perché il Maggiordomo si è rimesso a fare il maggiordomo. Il muso duro di Max è la dimostrazione della sua raggiunta maturità: alla terza gara ha già capito che anche per quest'anno rimangono solo briciole. Ferrari? I progressi ci sono, ma quando rimedi 7/8 decimi al giro, velleità di podio sono un miraggio. Formula Mercedes continua la sua opera di distruzione di questo sport. D'altronde, è il riflesso di quello che hanno fatto nel mercato auto. Colonialismo teutonico senza esclusione di colpi.
     Leggi le risposte