Sport

Formula 1
GP del Canada, il circus torna a Montreal

Formula 1
GP del Canada, il circus torna a Montreal
Chiudi

Appena una settimana dopo la corsa di Baku, la Formula 1 è pronta a tornare nuovamente in pista dall'altra parte dell'oceano: si avvicina il fine settimana del Gran Premio del Canada.

Un gradito ritorno. Per motivi logistici e organizzativi legati alla pandemia di Covid-19, la Formula 1 ha dovuto rinunciare a due edizioni della gara di Montreal. L'ultima corsa disputata è stata quella del 2019, di cui i tifosi della Ferrari ricorderanno ancora l’amaro esito finale, con Vettel primo sotto la bandiera a scacchi ma privato del successo con una penalità quantomeno discutibile, mal digerita dal quattro volte campione del mondo.

Lo scenario di oggi. Adesso stiamo vivendo una situazione completamente differente. La Ferrari è protagonista, ma dopo un inizio di campionato scoppiettante, si è persa tra errori e problemi di affidabilità. A Baku, è stata proprio l’affidabilità del motore Superfast a mettere KO le F1-75. Un doppio zero in classifica che fa male al morale degli uomini del Cavallino, rimasti al palo proprio mentre i rivali della Red Bull Racing piazzavano una facile doppietta. Oggi Max Verstappen è leader del Mondiale Piloti con 150 punti e ha 21 lunghezze di vantaggio sul suo compagno di squadra Perez e ben 34 su Charles Leclerc. Il monegasco ha dimostrato di avere tutte le carte in regola per giocarsi ogni possibilità e non è un caso averlo visto conquistare sei delle otto pole position stagionali: il ragazzo ha fame di vittoria. Concretizzare quel potenziale in gara, però, è risultato alquanto problematico per la Rossa di Maranello e gli 80 punti di svantaggio rispetto alla Red Bull nella classifica costruttori sono ulteriore conferma che c'è molto da lavorare per addrizzare il tiro.

Salut, Gilles! Dopo Monaco e Baku, si corre su un altro circuito cittadino, quello di Montreal dedicato alla memoria dell’indimenticabile Gilles Villeneuve. Un tracciato definito "stop and go" per le sue continue accelerazioni e frenate che esaltano le doti di trazione e frenata delle varie monoposto. 14 curve in totale e un nastro d'asfalto lungo 4,3 km: una vera sfida per queste nuove monoposto. In particolar modo, i piloti affronteranno la pista in maniera diversa rispetto al solito, soprattutto per quel che riguarda i cordoli, con un occhio particolare all’ultima chicane che porta al rettilineo principale: lì basterà sbagliare solo di qualche centimetro per ritrovarsi rovinosamente contro il "Muro dei campioni". Da non sottovalutare l'incognita meteo: al momento c'è una ragionevole possibilità di pioggia, ma da queste parti non è mai facile prevedere le condizioni. Il meteo è stato spesso il protagonista nel Gran Premio del Canada: la gara del 2011 detiene il record della più lunga nella storia della Formula 1, a causa di sei periodi di safety car e una lunga interruzione che ha bloccato l’evento per diverse ore.

Gomme e strategie. Il tracciato di Montreal non viene usato quasi mai durante l'anno e questo lo rende particolarmente complicato per la gestione delle gomme. La Pirelli per questo evento ha scelto le mescole più morbide della propria gamma. Mario Isola, direttore motorsport della Pirelli, ha così commentato la scelta: “Il Gran Premio del Canada ha una serie di incognite con cui i team dovranno fare i conti: il meteo è spesso variabile, tutti i dati disponibili sono vecchi di tre anni, la gamma di pneumatici è completamente diversa rispetto all’ultima volta, con mescole e strutture rinnovate. Il tutto su una pista che viene usata raramente, cosa che determinerà un livello di evoluzione molto alto. Rispetto all’ultima volta a Montréal, le mescole dovrebbero risultare più stabili e con finestre di utilizzo più ampie, consentendo ai piloti di spingere di più in ogni stint, con un rischio di surriscaldamento molto più basso".

Occhio al fuso orario. Il GP del Canada sarà trasmesso in diretta esclusiva da Sky: le qualifiche andranno in onda alle 22 italiane, mentre la gara scatterà quando da noi saranno le 20. Per chi seguirà l'evento in differita, l'appuntamento è su TV8 alle 23.30 per le qualifiche e alla 21.30 per la gara.

COMMENTI