La americana Bell ha presentato al Ces di Las Vegas il modello completo del Nexus, un innovativo veicolo volante destinato ai servizi di Air Taxi, che in futuro offriranno una alternativa alle trafficate strade metropolitane. Per il momento è stato svelato uno scenografico modello a grandezza naturale, ma l'intenzione è quella di avviare i collaudi già nel corso del 2020. L'obiettivo commerciale è invece quello di avviare il servizio per i clienti a partire dal 2023 e uno dei partner del progetto è il gigante del settore, Uber, all'interno del nuovo concept Uber Elevate
 
Sei rotori elettrici per il decollo e l'atterraggio verticale. Il Bell Nexus ha una forma che ricorda un drone: è dotato infatti di sei eliche orientabili che permettono i decollo e l'atterraggio verticale, fondamentali per i trasporti urbani e per poter utilizzare spazi ristretti come il tetto dei grattaceli e delle costruzioni per evitare qualunque problema sulle strade. Viene quindi classificato come eVOTL (electric Vertical Take-Off and Landing).

Propulsione ibrida, pilota a bordo. Contrariamente ad altri progetti, il powertrain è ibrido e sviluppato dalla Safran e sfrutta una turbina a gas che alimenta i motori elettrici per circa 240 km di autonomia totale, ma in futuro è prevista anche la possibilità di sfruttare solo gli accumulatori quando la tecnologia li renderà sufficienti per questo utilizzo. L'abitacolo può ospitare in totale 5 passeggeri e nel padiglione è integrato un display che fornisce indicazioni sulla posizione e sul tragitto. Inoltre, sono previsti anche sistemi di realtà aumentata per i cristalli laterali. La guida sarà affidata a un pilota coadiuvato da sistemi autonomi attualmente in fase di sviluppo insieme a Garmin e anche la tipologia e la logica di funzionamento dei comandi saranno oggetto di studi e ricerche approfondite, per consentire anche a piloti non molto esperti di poter controllare il veicolo.