Tecnologia

Hyperloop-Fnm
Milano-Malpensa in 10 minuti a mille all'ora, inseguendo il sogno di Elon Musk - VIDEO

Hyperloop-Fnm
Milano-Malpensa in 10 minuti a mille all'ora, inseguendo il sogno di Elon Musk - VIDEO
Chiudi

Dopo la presentazione ufficiale a Roma, meno di due mesi fa, Hyperloop Italia, la startup che promette il treno da 1.000 all’ora (in teoria anche di più, fino a 1.800 teorici), vuole fare sul serio. A partire dal primo dei sei progetti annunciati, quello in collaborazione con le ferrovie lombarde. Il  trasporto elettromagnetico ideato dal numero uno della Tesla, Elon Musk, potrebbe diventare realtà nella pianura padana, sito ideale nel nostro Paese, sia per la conformazione del territorio, sia per la domanda effettiva di trasporti veloci. E in particolare, potrebbe riguardare il collegamento tra il centro città e l’aeroporto di Malpensa, ora raggiungibile con lo shuttle battezzato ottimisticamente Express, ma in realtà non molto più veloce dei comuni treni a due piani dei pendolari.

Il progetto lombardo. Il progetto è stato presentato dal 48enne ternano Bibop Gresta, già fondatore dell'americana Hyperloop Transportation Technology (HTT), affiancato dal presidente di Fnm, Andrea Gibelli, e dal vicepresidente della Regione, Fabrizio Sala. In una affollatissima sala del palazzo delle Nord, il padrone di casa ha annunciato che il cda di Fnm ha dato un mandato al presidente per sottoscrivere una lettera di intenti e valutare la collaborazione con Hyperloop Italia. "Fnm ha superato la crisi degli ultimi anni, ha di recente acquistato 176 treni per Trenord e ha una tratta significativa per i test con Hyperloop su raggi di curvatura e sedime, quella tra Milano e Malpensa", ha spiegato Gibelli paragonando la nuova tecnologia alla rivoluzione del treno a vapore nella Inghilterra del 1700. "Sembrava fantascienza e ora diventa realtà", ha promesso Gresta. "Hyperloop ha tutte le tecnogie per realizzare questo innovativo sistema di trasporto che sconfiggerà l'attrito, a partire dalla levitazione passiva di derivazione militare, sviluppata per stabilizzare i proiettili nei cannoni grazie a una sequenza di magneti". Le controparti locali hanno assicurato la disponibilità a collaborare, senza per ora  ipotizzare l'entità dei possibili investimenti pubblici, alla realizzazione di uno studio di fattibilità della durata di sei mesi. Gresta, riguardo ai costi, ha dato come cifra indicativa quella di 20-40 milioni di euro a km, dicendo però che si tratta di soldi ben spesi, perché grazie al surplus di energia prodotta si possono recuperare in 8-10 anni. Il nuovo sistema di trasporto, ideato da Musk nel 2013, richiede investimenti cospicui a partire dalle infrastrutture: nuove linee apposite realizzate lungo binari esistenti, o addirittura tunnel sotterranei.

In contatto con FS e altre regioni. Gresta ha confermato contatti ai massimi livelli anche con Anas, FS e le regioni Puglia, Basilicata, Sicilia, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Oltre alla tratta Milano-Malpensa, che diventerebbe un viaggio di appena dieci minuti (contro i tre quarti d’ora di oggi), si ipotizza una Verona-Trieste da mezz’ora. Come a Dubai. Il progetto lombardo potrebbe ispirarsi, per quanto riguarda i vettori, alla capsula presentata nel 2018 dai progettisti della BMW Designworks, a Dubai: il proiettile potrebbe essere realizzato al 90% in fibra di carbonio. Il team tedesco, in collaborazione con Virgin Hyperloop One e il Transport Authority of Dubai, hanno svilluppato un prototipo a grandezza naturale, presentato in occasione dell'UAE Innovation Month. Grazie al trasporto elettromagnetico, Dubai e Abu Dhabi, distanti 130 chilometri, potrebbero ritrovarsi a 12 minuti di "treno".

Piedi per terra. Intanto, a Tolosa (la capitale francese dell'industria aerospaziale) si sono realizzati un sistema per i test lungo 300 metri e una capsula di 32: servirà per le prime certificazioni, ma non quella della velocità. Fin dalla sua presentazione, Hyperloop ha raccolto un certo scetticismo, essendo per gli scienziati "fattibile, ma costoso": tanto che l’idea del "proiettile pneumatico" è stata in un certo senso abbandonata anche dal suo creatore Elon Musk, che ha preferito renderla pubblica e realizzabile da chiunque fosse interessato. A suo tempo, Musk aveva calcolato un budget mostruoso di 9 miliardi di dollari. Da parte sua, il mitico MIT (Massachusetts Institute of Technology) ha in passato concesso una parziale, ottimistica apertura al progetto, sottolineando però i dubbi dal punto di vista dell'efficienza energetica e di quello economico". Il problema, di fatto, resta quello dei soldi. Per garantire un ritorno economico in tempi ragionevoli, i prezzi dei viaggi nei tubi dovrebbero essere astronomici. Ed è poco probabile che qualcuno sia disposto a pagare per andare all’aeroporto più di quanto gli costerà il biglietto per volare dall’altra parte del globo.

COMMENTI

  • Mi ricorda una puntata dei Simpson, in quel caso era una monorotaia. Mi sembra un progetto esagerato per una tratta da 50 km. Se non ho sbagliato i calcoli, basterebbe un treno lanciat o a "soli" 200km h e si arriverebbe in 15 minuti un tempo più che ragionevole contro i 3 minuti necessari a 1000km h più accelerazione e frenata.
  • curioso che un veicolo pesante e lanciato ad una velocita' elevatissima in un tubo che deve essere mantenuto a bassa pressione possa creare un surplus di energia...
  • Mi domando come sia possibile che venga dato credito ad un progetto così assurdo. Al di là delle purtroppo facili ironie sul nostro paese e sui tempi infiniti delle opere pubbliche faccio osservare che oggi la realizzazione di un cilindro del diametro di un treno, lungo centinaia di chilometri, dove si pratica il vuoto e dove dovrebbe transitare un treno alla velocità di 1000 km/h è una sfida tecnica ed economica assolutamente improponibile. Comunque se vogliamo farci prendere per i fondelli da uno come Musk ben venga...
  • Per quelli che parlano male dell'Italia. Tunnel ferroviario del Brennero, l'Italia ha finito prima e quindi sta proseguendo anche dal lato austriaco. I binari fuori dal tunnel sono quasi pronti fino a Bolzano. Da questa parte, dopo aver bocciato diversi progetti, stanno pensando di non costruirli più. Così i vagoni lanciati dall'Italia, cadranno nel vuoto della valle del Tirolo. Dimenticavo, siccome la linea era pensata per ridurre i camion dalla strada, ora, per raggiungere lo stesso risultato, vogliono fare il numero chiuso. Non si sa dove passeranno i camion per/da la Germania, ma chi se ne frega. Anche in Austria hanno il proprio Toninelli al governo.
  • Il Maglev in Giappone è realtà, a parte il record di velocità oltre 600 km/h, 2027 i primi collegamenti sarano operazionali. E riguardo al progetto di Elon Musk, bisogna avere fiducia, lui fino ad oggi ha realizzato ogni suo progetto ... e per dirla con le parole di Albert Einstein : se credi che qualcosa non sia fattibile levati dalle scatole mentre qualcun altro la sta realizzando …
  • L'italia è il paese giusto per realizzare queste opere futuribili, solo 50 anni per finire l'autostrada Salerno/Reggio Calabria ma con la linea ferroviaria TAV che si ferma a Salerno (ok è in costruzione la tratta per Bari), un paese dove si formano comitati contrari a qualsiasi cosa si voglia realizzare, dai gasdotti alle ferrovie. .... Quanto a Milano, forse prima di pensare a capsule sparate dentro un tubo sottovuoto, sarebbe il caso intanto di eliminare quei bugs presenti nella gestione delle linee tradizionali del metrò, i quali provocano improvvise attivazioni dei freni di emergenza dei convogli con passeggeri sballottati qua e la. ........ Se poi guardiamo al treno con tecnologia Maglev che somiglia tanto a questo progetto, fin'ora a parte studi di fattibilità e qualche piccola applicazione sperimentale poi abbandonata, l'unica tratta realmente in funzione commerciale è stata realizzata in Cina a Shanghai ed è costata un occhio.
     Leggi le risposte
  • Importantissimo. Da fare.
  • In italia siamo più di 20 anni che stiamo dietro a questa TAV e si vorrebbe fare un sistema che è per ora ancora allo stadio prototipale (ad essere generosi)? Ma vaa
  • Chi è il primo fesso che mette in cantiere un progetto costosissimo, inutile, pericolosissimo, uscito dai cartoni animati...? Ma l'Italia ....e la Lombardia in testa che crede di cavalcare la modernità e il futuro ma prenderà una grande fregatura. Speriamo che almeno non facciano pagare ai contribuenti.