Tecnologia

Batterie al grafene
La Skeleton Technologies promette ricariche "in 15 secondi"

Batterie al grafene
La Skeleton Technologies promette ricariche "in 15 secondi"
Chiudi

Per la Skeleton Technologies le tradizionali batterie al litio hanno i giorni contati: l’azienda tedesca, specializzata in brevetti di energy storage per il settore automotive, promette di sviluppare accumulatori basati su un materiale al carbonio denominato “Curved Graphene”, con tempi di ricarica di soli 15 secondi. Riuscirà a mantenere la promessa? È ancora presto per dare una risposta. Di certo, la Skeleton crede molto nel progetto della SuperBattery – questo il suo nome – che rivoluzionerebbe la mobilità elettrica, tanto da aver annunciato una collaborazione con il Karlsruhe Institute of Technology per il suo sviluppo.

Ultracondesatore. Per la precisione, parliamo di un condensatore, ovvero di un accumulatore che, rispetto alle soluzioni tradizionali, non necessita di reazioni chimiche per immagazzinare energia. “La SuperBattery è un punto di svolta per l'industria automobilistica”, spiega Taavi Madiberk, ceo dell’azienda. “Combinata con quella delle batterie agli ioni di litio (come buffer per la gestione di picchi di erogazione, in accelerazione e in assorbimento, ndr), tale soluzione può avere tutto: un’alta densità di energia e potenza, una lunga durata e un tempo di ricarica di 15 secondi”. Inoltre, questa tecnologia con elettrodi “a secco” potrebbe in futuro permettere di abbassare il peso e il costo di produzione delle batterie, tanto da aver spinto Tesla ad acquisire la Maxwell Technologies, specializzata, appunto, in ultracondensatori, caratterizzati da una capacità di accumulo elevato.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Batterie al grafene - La Skeleton Technologies promette ricariche "in 15 secondi"

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it