Tecnologia

Batterie al grafene
La Skeleton Technologies promette ricariche "in 15 secondi"

Batterie al grafene
La Skeleton Technologies promette ricariche "in 15 secondi"
Chiudi

Per la Skeleton Technologies le tradizionali batterie al litio hanno i giorni contati: l’azienda tedesca, specializzata in brevetti di energy storage per il settore automotive, promette di sviluppare accumulatori basati su un materiale al carbonio denominato “Curved Graphene”, con tempi di ricarica di soli 15 secondi. Riuscirà a mantenere la promessa? È ancora presto per dare una risposta. Di certo, la Skeleton crede molto nel progetto della SuperBattery – questo il suo nome – che rivoluzionerebbe la mobilità elettrica, tanto da aver annunciato una collaborazione con il Karlsruhe Institute of Technology per il suo sviluppo.

Ultracondesatore. Per la precisione, parliamo di un condensatore, ovvero di un accumulatore che, rispetto alle soluzioni tradizionali, non necessita di reazioni chimiche per immagazzinare energia. “La SuperBattery è un punto di svolta per l'industria automobilistica”, spiega Taavi Madiberk, ceo dell’azienda. “Combinata con quella delle batterie agli ioni di litio (come buffer per la gestione di picchi di erogazione, in accelerazione e in assorbimento, ndr), tale soluzione può avere tutto: un’alta densità di energia e potenza, una lunga durata e un tempo di ricarica di 15 secondi”. Inoltre, questa tecnologia con elettrodi “a secco” potrebbe in futuro permettere di abbassare il peso e il costo di produzione delle batterie, tanto da aver spinto Tesla ad acquisire la Maxwell Technologies, specializzata, appunto, in ultracondensatori, caratterizzati da una capacità di accumulo elevato.

COMMENTI

  • Tutto bello, adesso mancano solo delle facility di ricarica in grado di erogare 24 MW, potenza necessaria a trasferire 100 kWh di energia elettrica in 15 s.
     Leggi le risposte
  • Si parla di supetcondensatori, i quali si possono caricare in millesimi di secondo, bufferizzati da celle litio...la fisica e rispettata... grazie a mister Faraday
  • Ma come è possibile caricare una batteria in 15 secondi???? E' contro la fisica elementare. Quale rete elettrica sarebbe in grado? Pazzia.
     Leggi le risposte
  • Ammesso che una tale batteria venga realizzata e prodotta in serie il collo di bottiglia diventerebbe poi la rete elettrica che non sarebbe sicuramente in grado di rendere disponibile in tempi così brevi la quantità di energia necessaria per la ricarica.
     Leggi le risposte
  • se fosse vero, sarebbe la svolta decisiva per la mobilità elettrica
  • Era meglio dire 5 minuti, ma sembrano pochi anche quelli, senza contare che quel tipo di batterie avrà costi altissimi.
  • Facciamo 2 conti: per caricare in 15 secondi una batteria occorre una potenza disponibile di almeno 240kw per ogni kwh di batteria. Teoricamente fanno 12.000 kw (dodicimila) per caricare in 15 secondi una batteria da 50kwh. Teoricamente. Ma in pratica una batteria da 50kwh che riceve 12.000 kw di intensità di ricarica esplode in una frazione di secondo.
  • Ah ecco, non è una batteria ma un condensatore, allora ci stanno i 15 secondi. Solo un dubbio: o è una batteria che da 50-60 METRI di autonomia o il cavo di alimentazione deve essere grosso come il braccio. Un suggerimento: quando appare la parola GRAFENE, di qualsiasi cosa si parli, nel 95% dei casi è un stupidaggine
     Leggi le risposte