Motori, batterie, ricarica: ecco cosa c’è da sapere sulle auto elettriche - Quattroruote.it
Tecnologia

Auto elettriche
Motori, batterie, ricarica: ecco cosa c’è da sapere

Auto elettriche
Motori, batterie, ricarica: ecco cosa c’è da sapere
Chiudi

Ne parlano tutti e le loro vendite sono in forte crescita, nonostante l’emergenza coronavirus. Per molti, le auto elettriche rappresentano il futuro, sebbene siano ancora lontane dalla diffusione delle tradizionali vetture a motore termico: in Italia, per esempio, hanno rappresentato l’1,6% del mercato nei primi otto mesi del 2020, ma con un incremento del 108,3% rispetto allo stesso periodo del 2019 (dati Unrae). Nei prossimi paragrafi ripercorreremo un po’ di storia delle emissioni zero, spiegheremo come sono fatte e le caratteristiche delle loro batterie, oltre alle modalità di ricarica, ai connettori e ai prezzi.

Nata nell’Ottocento. Sembra un’idea recente, eppure quella dell’auto elettrica è una storia decisamente lunga. Basti pensare che tra le vetture che hanno finora fatto parte della Collezione Quattroruote c’è persino una curiosa Ohio M del 1912 (video) con carrozzeria di alluminio e parafanghi di cuoio; e, soprattutto, con un motore a emissioni zero sviluppato dalla General Electric. Del resto, i primi veicoli alimentati a batteria vengono addirittura collocati nella prima metà del XIX secolo: già nel 1828, l’ungherese Ányos Jedlik costruì un’auto in scala mossa da un’unità elettrica da lui progettata. La prima carrozza con tale propulsore, del tutto spoglia, risale invece al decennio successivo ed è opera dello scozzese Robert Anderson. Non solo: nel 1899, la celebre Jamais Contente a forma di siluro (una copia in dimensioni reali è esposta al Museo dell’Auto di Torino), è stata la prima automobile a superare la soglia dei 100 km/h.

A

Poco successo. All’epoca, gli ordini di questo tipo di alimentazione erano persino superiori a quello delle auto con motore a combustione interna, prima che quest’ultime si imponessero sul mercato qualche anno dopo. Da allora e fino alla fine del secolo scorso, le apparizioni significative di auto elettriche sono state sporadiche, se non con qualche flop negli anni 90, in Europa e oltreoceano (come la GM EV1, nella foto qui sopra). Nel nuovo millennio, tuttavia, batterie più efficienti e normative antinquinamento sempre più severe, ma anche prezzi di listino più bassi, incentivi all’acquisto e una generale presa di coscienza ecologista, hanno invertito la rotta.         

L’elettrica oggi. Ma com’è fatta un’auto a emissioni zero? Rispetto alle auto tradizionali a motore termico, un’elettrica è costituita da un minor numero di componenti e, pertanto, ha una struttura abbastanza semplice. Cuore pulsante del veicolo è il powertrain in cui lo statore, ovvero la parte fissa del meccanismo costituita da conduttori di rame isolati collocati attorno a un elemento ferromagnetico, deve creare un campo magnetico rotante. Il movimento di quest’ultimo è seguito dal rotore (nella tipologia più comune dotato di magneti permanenti) che, tramite un riduttore, il differenziale e i semiassi, eroga potenza meccanica trasmessa alle ruote del veicolo.

B

Piccoli ingombri. Semplice, ma anche piccolo: il motore elettrico è ben più compatto di quello a combustione interna, a tutto vantaggio dell’abitabilità se la vettura viene progettata per ospitare esclusivamente delle unità elettriche (diversi modelli, come sappiamo, affiancano alle versioni a emissioni zero quelle a motore termico). Se poi è necessaria una maggiore potenza, i motori possono essere più di uno: per esempio, quando viene installata un’unità per ogni asse, ottenendo peraltro la trazione integrale. Ma i propulsori a emissioni zero possono essere persino più di due, come accade con la Lotus Evija, che ne adotta quattro, uno per ogni ruota, per oltre 2.000 CV. A tal proposito, molti avranno notato cifre iperboliche quando si parla della potenza di alcune elettriche: in realtà, il riferimento è spesso al valore di picco e non a quello d’omologazione, di norma ben inferiore. Se la prima è quella istantanea, ossia il picco raggiungibile dal veicolo in un breve lasso di tempo, la potenza che risulta sul libretto di circolazione è invece erogata in media nell’arco di 30 minuti, secondo la normativa ECE R85. Per fare un esempio, la Jaguar I-Pace può erogare fino a 400 CV, ma quelli omologati sono 234.  

C

Batterie essenziali. Il motore rappresenta sempre il cuore della vettura elettrica, ma è la batteria la sua parte fondamentale: tale componente rappresenta il serbatoio d’energia dell’auto a emissioni zero, ma è ben più pesante e costoso di quelli dei normali combustibili; peraltro, rispetto a questi ultimi, i tempi per il rifornimento sono ancora piuttosto lunghi, nonostante gli importanti (e continui) progressi tecnologici. Com’è noto, le batterie sono basate sul principio della pila elettrochimica: gli elettroni vengono scambiati tra due elementi, detti anodo e catodo, mentre un terzo elemento, detto elettrolito, assume la funzione di tramite ed è di norma allo stato liquido (è il caso delle batterie necessarie all’avviamento delle vetture tradizionali) o gelificato. Negli ultimi anni si stanno studiando accumulatori alternativi, come quelli con elettroliti allo stato solido o gli ultracondensatori, che non richiedono reazioni chimiche per immagazzinare energia, promettendo tempi di ricarica molto rapidi. Del resto, superata la scarsa autonomia delle vecchie batterie al piombo, la sfida di oggi è ridurre drasticamente i tempi per un “pieno”. Non va dimenticato che la densità di energia degli accumulatori al litio è assai più ridotta di quella dei combustibili: per dare un ordine di grandezza, tenendo anche conto del diverso rendimento dei motori (circa il 90% quello degli elettrici, contro il 30% di quelli a combustione), servono circa 30 kg di batterie per ottenere lo stesso lavoro offerto da un kg di benzina.

D

La ricarica domestica. Nelle elettriche, i sistemi di recupero di energia in fase di rallentamento influiscono positivamente sull’autonomia residua del veicolo, incrementandola fino al 30% nei migliori dei casi. Nonostante ciò, la ricarica esterna rimane, ovviamente, la principale fonte di approvvigionamento dell’energia, con tempi e costi diversi a seconda della modalità adottata. Quella più lenta (ma economica) avviene da casa avvalendosi di un cavo di collegamento dotato di control box, da collegare a una presa domestica a 230 Volt: la quantità di energia erogata è modesta, limitata per legge con corrente a 10 Ampere e, quindi, potenza di 2,3 kW. Con tale modalità, una batteria da 40 kWh può richiedere più di 17 ore per un “pieno”. Per questo, se le ricariche dalla propria abitazione sono frequenti, è consigliabile l’adozione di una wallbox, più rapida e più sicura grazie all’adozione al suo interno di dispositivi di controllo (come la JuiceBox di Enel X, che ha appena vinto il Compasso d’Oro 2020 per il suo design): alla wallbox, l’auto viene collegata mediante un connettore dedicato a sette poli. Va ricordato, inoltre, che le infrastrutture per le ricariche domestiche o condominiali godono di una detrazione del 50% delle spese sostenute per l’acquisto e la posa in opera, che sale al 110% se quest’ultime sono effettuate congiuntamente con gli interventi previsti dall’art. 119, comma 1, del decreto Rilancio (isolamento termico e sostituzione degli impianti di riscaldamento).   

La ricarica fuori casa. Lo stesso connettore a sette poli, di Tipo 2 e comunemente denominato “Mennekes”, viene utilizzato anche con la maggior parte delle colonnine pubbliche e permette d’inviare all’auto fino a 43 kW, sempre che l’auto sia in grado di accettarli. Infatti, il caricatore interno del veicolo, che converte la corrente alternata in continua, ha una capacità ridotta, in genere variabile tra 3,6 e 11 kW. Con il più comune caricatore da 7,4 kW, la ricarica di un accumulatore da 40 kWh comporterà una sosta di circa 5 ore e mezza. Collegandosi invece alle colonnine fast (come quelle Enel X, le Ionity o le Tesla Supercharger), che erogano corrente continua, si bypassa il caricatore di bordo dell’auto e si può così ripristinare la batteria con potenze variabili tra 50 e 150 kW (e addirittura 270 kW nel caso della Porsche Taycan): in tal modo, la sosta per il ripristino di 100 km di autonomia può richiedere dai 5 ai 30 minuti. Ovviamente, in questi casi è necessario che l’elettrica disponga di un connettore in grado di supportare la ricarica fast (CCS Combo 2 e, nel caso delle giapponesi, CHadeMO).

I prezzi. Per molti, il listino è sempre stato il vero tasto dolente delle elettriche.  Ma è ancora così? I prezzi, in realtà, sono in discesa: con il generoso ecobonus, la nuova Renault Twingo Electric scende a un minimo di 16.450 euro e addirittura a 12.450 in caso di rottamazione, mentre la Skoda Citigo EV può essere portata a casa rispettivamente con un esborso di 16.300 e 12.300 euro. A queste cifre, i modelli più economici diventano decisamente più accessibili. E non va dimenticato che i costi di esercizio sono assai ridotti rispetto a quelli di una vettura convenzionale.

COMMENTI

  • Condivido il pensiero di Bernieri, in più occorre dire che la vita media di un pacco batterie è di molto inferiore a quella di un motore termico e che la sostituzione delle batterie è estremamente costosa, molto di più che "rifare " il motore. Quindi aumentano ulteriormente i costi complessivi, in pratica l'elettrica è un auto "usa e getta". Quindi oltre ai maggiori costi d'acquisto, alla scarsa autonomia, ai tempi e difficoltà di ricarica, i costi di manutenzione rendono l'auto elettrica solo un "gadget alla moda", di di ben scarsa utilità reale.
     Leggi risposte
  • C'è da capire almeno per Italia,che per acquistare una vettura elettrica a parte i costi molto più elevati rispetto ad analogo modello a combustione interna.occorre il posto auto per ricaricarla la sera(non ho ancora letto un commento di chi l'ha acquistata contando solo sulle colonnine pubbliche) e in Italia il 70% o forse più non ha posto auto anche per le politiche miopi dei verdi che se per costruire autorimesse interrate occorreva abbattere due alberi..apriti cielo!Poi sul motore elettrico nulla da dire anzi..se solo potesse avere linea di contatto come filobus o treni.



  • FOTO


    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/19610/poster_001.jpg La Yamaha Sports Ride Concept diventa T40 http://tv.quattroruote.it/news/video/la-yamaha-sports-ride-concept-diventa-t40 News https://video.player.edidomus.it/video/1/2/c2850f38-63b8-4397-bfc8-d991da56abb5?ap=1 https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/19610/poster_001.jpg https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/640/360/edidomus/thumbnails/videos/19610/poster_001.jpg
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/19665/poster_001.jpg Apre Garage Italia Milano, il nuovo atelier di Lapo Elkann http://tv.quattroruote.it/news/video/apre-garage-italia-milano-il-nuovo-atelier-di-lapo-elkann News https://video.player.edidomus.it/video/1/2/1807d2c8-0fa0-4a52-8879-ad2e30c8da9a?ap=1 https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/19665/poster_001.jpg https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/640/360/edidomus/thumbnails/videos/19665/poster_001.jpg
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/19688/poster_017.jpg Il making of del Calendario Pirelli 2018 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-making-of-del-calendario-pirelli-2018 News https://video.player.edidomus.it/video/1/2/df1238b7-1cd1-4cb8-acf5-ca5fc8337b3e?ap=1 https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/19688/poster_017.jpg https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/640/360/edidomus/thumbnails/videos/19688/poster_017.jpg
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/20579/poster_005.jpg Ferrari 488 Pista, primo test a Fiorano! http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-488-pista-primo-test-a-fiorano- News https://video.player.edidomus.it/video/1/2/253cf716-80d8-4880-ab39-eabf3d118da3?ap=1 https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/20579/poster_005.jpg https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/640/360/edidomus/thumbnails/videos/20579/poster_005.jpg
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/20600/poster_002.jpg Al volante della Porsche Mission E Cross Turismo http://tv.quattroruote.it/news/video/al-volante-della-porsche-mission-e-cross-turismo News https://video.player.edidomus.it/video/1/2/a95ae857-45f7-489b-860c-6e28e21f3203?ap=1 https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/20600/poster_002.jpg https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/640/360/edidomus/thumbnails/videos/20600/poster_002.jpg
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/21060/20181025_200301.jpg Primo incontro con la Volkswagen T-Cross http://tv.quattroruote.it/news/video/vw-t-cross-mp4 News https://video.player.edidomus.it/video/1/2/0e551540-8c39-4bd4-9c53-ff80a95b1f86?ap=1 https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/21060/20181025_200301.jpg https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/640/360/edidomus/thumbnails/21060/20181025_200301.jpg
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/22072/thumb mini 2.jpg Mini Clubman John Cooper Works: mai così potente http://tv.quattroruote.it/news/video/mini-clubman-john-cooper-works-mai-cos-potente News https://video.player.edidomus.it/video/1/2/753afb91-23a6-4832-ad30-4ff338b60128?ap=1 https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/22072/thumb mini 2.jpg https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/640/360/edidomus/thumbnails/22072/thumb mini 2.jpg
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/22535/2019-ford-mustang-mach-e-00312.jpg Ford Mustang Mach-E: ecco com'è http://tv.quattroruote.it/news/video/ford-mustang-mach-e-ecco-com- News https://video.player.edidomus.it/video/1/2/6c30ff53-f367-4ad2-8f3d-bbaec152cf8b?ap=1 https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/videos/22535/2019-ford-mustang-mach-e-00312.jpg https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/640/360/edidomus/thumbnails/videos/22535/2019-ford-mustang-mach-e-00312.jpg
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/22651/THUMB.png Ferrari Roma, l'analisi stilistica: tutti i dettagli del design spiegati in esclusiva http://tv.quattroruote.it/news/video/ferrari-roma-lanalisi-stilistica-tutti-i-dettagli-del-design-spiegati-in-esclusiva News https://video.player.edidomus.it/video/1/2/1e796388-f887-4d33-9e4e-a409c24906b4?ap=1 https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/22651/THUMB.png https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/640/360/edidomus/thumbnails/22651/THUMB.png
    https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/22925/FAST LAP CORVETTE.jpg Il giro di pista della Chevrolet Corvette C8 http://tv.quattroruote.it/news/video/il-giro-di-pista-della-corvette-c8 News https://video.player.edidomus.it/video/1/2/af2b964e-f99d-4d83-a0e4-556894578f94?ap=1 https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/350/200/edidomus/thumbnails/22925/FAST LAP CORVETTE.jpg https://eclexiaedidomuscdn.azureedge.net/images/640/360/edidomus/thumbnails/22925/FAST LAP CORVETTE.jpg

    Servizi Quattroruote

    quotazione

    Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

    Non ricordi la tua targa? Clicca qui

    logo

    assicura

    Assicurazione? Scopri quanto puoi risparmiare

    Trova il preventivo più adatto alle tue esigenze in 4 semplici passi!

    In collaborazione con logo

    finanziamento

    Cerca il finanziamento auto su misura per te!

    Risparmia fino a 2.000 €!

    In collaborazione con logo

    usato

    Cerca annunci usato

    Da a

    listino

    Trova la tua nuova auto

    Vuoi vedere il listino completo? Oppure Scegli una marca

    provePdf

    Scarica la prova completa in versione pdf

    A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!

    Cerca