Tecnologia

FCA
Scatta la seconda fase del progetto dedicato al geofencing

FCA
Scatta la seconda fase del progetto dedicato al geofencing
Chiudi

L’obiettivo finale è creare un ecosistema intelligente, in cui, grazie al geofencing, le auto ibride plug-in riconoscono i varchi delle Ztl cittadine e, in automatico, passano all’elettrico per avere libero accesso. La divisione E-Mobility di FCA e il Comune di Torino hanno avviato da tempo un progetto pilota per studiare e mettere a punto questo protocollo che coniuga tecnologie di connettività e mobilità green: con la consegna di due Jeep Renegade 4xe all’amministrazione municipale, è iniziata ufficialmente la fase due.

Il software di FCA. Su questi esemplari dell’ibrida ricaricabile è installato un software di geolocalizzazione sviluppato dal CRF (il Centro Ricerche del gruppo FCA) che consente all’auto di riconoscere preventivamente le zone a traffico limitato e di attivare, così, la “staffetta” tra la trazione termica e quella elettrica. Il sistema è riconosciuto dalla piattaforma infrastrutturale del Comune: la prima fase del progetto, infatti, è servita proprio a predisporre i protocolli di dialogo. Ora, con l’utilizzo delle due vetture da parte del Comune per vari servizi, la sperimentazione proseguirà verso l’integrazione del geofencing nelle attuali norme di circolazione all’interno delle Ztl torinesi, in modo che, come già accade per le elettriche, anche le ibride plug-in possano accedere al centro senza limitazioni.    

Accessibilità semplificata. Il progetto punta chiaramente a stimolare il passaggio alla mobilità elettrificata per chi vive o su muove in città, facilitandone la circolazione, anche nelle zone con restrizioni al traffico. Il concetto di “accessibilità semplificata” viene poi ulteriormente sottolineato dalla missione di una di queste due Jeep Renegade, che è stata adatta al trasporto dei disabili e verrà messa a disposizione del servizio “Passepartout” del Comune di Torino, che promuove, organizza e gestisce le attività rivolte ai cittadini con disabilità fisico motorie.

COMMENTI