Entro il 2030, saranno 400 milioni le persone che si affideranno al car sharing senza conducente. La cifra parrebbe una boutade se a sostenerla non fosse ABI Research, azienda leader mondiale nelle informazioni di mercato sulla innovazione tecnologica. E significherebbe uno sconvolgimento nel trasporto privato, in quello pubblico e per l’intera industria automobilistica. Inizia così l’ultimo intervento dell’ex direttore di Quattroruote, Carlo Cavicchi, che nel suo blog Via Mazzocchi 2.0 si chiede se andrà davvero come prevedono gli analisti; e se sì, per chi e in quali Paesi. Potete leggere per intero il post e commentarlo cliccando qui.