Alfa Romeo 4C Il viaggio: 1700 km in una vasca di carbonio

×
 

Le orecchie sono avvolte dal respiro del turbobenzina che ci sta a pochi centimetri dalla testa: soffia o sbuffa, a seconda di come premo l’acceleratore. Non sarà mai chiaro fino in fondo quanto, in Alfa, si siano rifatti all’effetto decollo che Horacio Pagani ha inventato per la sua Huayra (perché il suono ricorda da vicino quello di un jet). Con le sfumature del caso, certo, ma l’effetto è simile: sfruttare i sibili prodotti dal turbo e renderli emozionali era stata una gran trovata dell’argentino. E lo è anche qui, su questa 4C. Non storcete il naso, so di aver pescato in alto nel novero di esempi possibili, ma le cose stanno così. Sotto molti aspetti quest’Alfa Romeo porta con se una quantità tale di sfumature, trovate ed emozioni che alla fine i suoi riferimenti, è chiaro, arrivano da altri mondi. È realmente una sportiva diversa, che ha preso il meglio dal passato e dal presente per proporre una formula inedita: sia per il modo d’intendere la velocità (un po’ alla SestoElemento) sia per quel modo tutto suo che ha di mettere insieme dotazioni non d’avanguardia (sterzo non servoassistito) ad altre ipermoderne (scocca di carbonio e cambio doppia frizione). Col risultato che offre un’esplosione ai "sensi" della guida.

Superdiretta. È come riscoprire i gusti dopo aver avuto per giorni il naso tappato. Si tuffa fra le curve all’istante: il mix fra un cut-off del motore di tipo motorsport, trasferimento di carico immediato e sterzo iperdiretto, fa sì che la velocità con cui si muove ti rapisca. Aumentando il passo, poi, hai pochi momenti di respiro mentre sudi per tenertela stretta fra le mani: col crescere della velocità in curva, aumenta il carico del volante. Dopo neppure 50 km percorsi sulla Route Napoleon sono già teso. In curva è un moltiplicatore di "g" e farla scodare è un gioco d’azzardo: devi levare l’elettronica mentre le auto che oggi andrebbero così veloci fra queste strade (12C, 458 e pochissime altre) hanno fior di elettronica proattiva a darti manforte nei traversi. E ci hanno drogato abituandoci a velocità (e ritmi) impressionanti in cambio di sforzi ridicoli. Qui niente. Sei tu, il suo assetto affilato e un volante che trasmette pure i cambi di spessore della segnaletica orizzontale. Non dico tanto per dire.

Va in scena la diva. Guidarla veloce crea un fil rouge continuo fra voi e la quantità di Jolly che vi volete giocare. La posta in gioco, viste le velocità, è altissima. Come la sequenza dei triangoli di pericolo "verglas frequent" che incontro. Sono le nove e mezza del mattino, la giornata è ancora lunga... I bambini impazziscono quando una 4C sbuca da dietro una curva e la vedono dai passeggini: aprono la bocca, urlano qualcosa e alzano le braccia al cielo; che la 4C è un cartoon: bassa (118 cm), larghissima (due metri), cattiva al primo sguardo, rassicurante un secondo dopo. Le cose non cambiano anche se osservi i grandi. Al di là di una bionda che, con la maliziosa leggerezza che solo le francesi sanno avere, all’altezza del Massif de l’Esterel s’è tuffata nella 4C, tutti la bramano: se poi hanno cultura dell’auto, possono trovarci tanti piccoli rimandi alle storiche del museo di Arese. Si fermano, fanno foto. Si fanno un "selfie".
 Se la vedono passare da lontano le fanno un video. Se ci passano di fianco, deviano per scrutare gli interni e toccarle i parafanghi. Se ti vedono accanto alla 4C, invece, ti becchi un “C’est tres bon!”. C’è un entusiasmo incredibile attorno a quest’Alfa Romeo. E in effetti è l’esempio più tangibile di quanto la gente ami quasi involontariamente il Biscione. Dalle chiacchiere raccolte in oltre 1700 km di viaggio, l’impressione è quella del "sospiro di sollievo"; come dire: “Evvai! L’han fatta giusta!”. Un po’ l’aria che si respirava il giorno dopo il "triplete" dell’Inter...

In mezzo alle supercar. A Montecarlo l’auto del giorno della Piazza del Casinò è stata la 4C. Non solo perché era "la" novità, ma anche (e soprattutto) perché Alfa Romeo è l’unico marchio al mondo che, se decide di tornare a fare qualcosa, non deve spiegare niente a nessuno: tutti sanno cos’è (e cosa può essere) un’Alfa Romeo. Sembra nata per i Track Day, la 4C; ci sono 875 kg, per 240 CV su 399 cm di lunghezza. Al telaio di carbonio è aggrappato il parterre tecnico del caso, d’alluminio: quadrilateri anteriori, McPherson con tre bracci al posteriore (una trovata degl’ingegneri Alfa che di fatto rende questo retrotreno molto simile a un piccolo Multilink). Difficile immaginare impacciata un’auto con questi presupposti, che poi sono gli stessi di P1, Aventador, MC12, Zonda e Huayra. È talmente connessa alla strada che a ogni minimo sobbalzo del corpo vettura corrisponde un minimo movimento del piede sull’acceleratore (soprattutto selezionando la modalità Race - ESP OFF - e Dynamic).

Levetta tuttofare. Qualcosa del genere, un link tanto diretto, lo ricordo solo sulle Caterham più spinte o su alcune Gardner Douglas. Auto "maledette" per la loro capacità di andar forte mettendoti quasi paura! È straordinariamente diretta, molto vera nelle reazioni. Sul bagnato il consiglio è quello di usare il programma All Weather del "manettino" Alfa DNA, che trattiene bene l’anteriore e gestisce al meglio le spinte extra del turbo, fastidiose (oltre che pericolose) quando il fondo è viscido. Questo, oltre al fatto che per viaggiare servono persone agili e munite di borse morbide (lo spazio è pochino), è tutto.

Guarda avanti. Guidandola, non puoi non trovare il lato gioioso e divertente. Non pecca di difetti, anzi. Per certi aspetti è un’auto anche controversa: è innegabile che un motore aspirato su un telaio così preciso sarebbe stato un ulteriore colpo di tacco (pensate al V6 "Busso", qui; o a un bel quattro cilindri "altiregimi"); il telaio di carbonio genera qualche rumore da risonanza alle velocità di crociera (soprattutto per via delle grandi ruote); e alcuni pezzi che ne compongono l’arredo (tipo il piattello al centro del volante che incorpora il logo del Biscione o i fianchetti dei sedili) potevano essere realizzati con materiali migliori. Ma questa non è una tedesca che in un certo tipo di perfezione trova i suoi punti di forza. E neppure un’auto che deve piegarsi alle logiche del confort o dei ricordi, perché la 4C oltre che essere un favoloso giocattolo è soprattutto uno sguardo in là. Che farà incazzare quel mondo auto che non ha avuto l’idea di osare tanto. È unica. E tutto questo è molto Alfa.

Marco Pascali - TopGear ITA
(servizio ripreso da TG74)

antonio leone

da possessore da un anno di 4c LE e con quasi 15 mila km percorsi posso dire, al di là di tanti presunti non so che,.....la vettura, per chi cerca doti tecniche ed esclusività tecnica,considerando anche il segmento,credo non abbia eguali e un servizio assistenza post vendita esemplare per come stanno seguendo in tutto e per tutto il cliente.Il solito paragone ahinoi è con i tedeschi.....sfortunatamente per loro al momento hanno solo auto con 500kg in più,(gli esterofili criticavano la Brera per questo a favore delle M1 per esempio......adesso non ne parlano) ben più costose all'acquisto e nella gestione fiscale e delle spese vive e senza avere neppure l'esclusività tanto acclamata da qualcuno.Apprezziamo questo made in Italy e lasciamo ai Teteski una volta tanto rosicare.....

COMMENTI

  • da possessore da un anno di 4c LE e con quasi 15 mila km percorsi posso dire, al di là di tanti presunti non so che,.....la vettura, per chi cerca doti tecniche ed esclusività tecnica,considerando anche il segmento,credo non abbia eguali e un servizio assistenza post vendita esemplare per come stanno seguendo in tutto e per tutto il cliente.Il solito paragone ahinoi è con i tedeschi.....sfortunatamente per loro al momento hanno solo auto con 500kg in più,(gli esterofili criticavano la Brera per questo a favore delle M1 per esempio......adesso non ne parlano) ben più costose all'acquisto e nella gestione fiscale e delle spese vive e senza avere neppure l'esclusività tanto acclamata da qualcuno.Apprezziamo questo made in Italy e lasciamo ai Teteski una volta tanto rosicare.....
  • la Cayman con prestazioni inferiori alla 4 c a ottantamila euro va bene. la 4c a poco più di cinquantamila ha il volante dell'abarth, i sedili della ritmo, il telaio della y10. forse se gli italiani la smettessero di massacrare le proprie eccellenze anche il lavoro aumenterebbe e la crisi via via comincerebbe a scemare. una volta dovevo scegliere tra una fiat 500 ed una vw polo. quando sono salito sulla polo mi ricordava quelle macchine sovietiche che di eccitante hanno il freno a mano. Salite e provate una 4c magari cominciate ad essere un po' più orgogliosi di essere italiani. Credo che essere disfattisti a tutti i costi non giovi all'industria automobilistica italiana. i tedeschi comprano tedesco, i francesi francese e via dicendo. solo in italia c'e' tutta questa esterofilia. La motivazione sta nella speranza che una macchina tedesca duri trent'anni. Io preferisco emozionarmi con l'imperfetta alfa, che deprimermi con la teutonica audi o mercedes. Chiederei a quattroruote di fare una bella prova su strada confrontando una 4c ed una cayman e dimostrare come la prima stracci la seconda sotto tutti i punti di vista. Prezzo compreso. Dimenticavo: la mitica porsche e' stata fondata sulla base della defunta cisitalia ( marchio storico italiano). Vi dice niente ?
  • Grande fatica ho fatto a leggere le righe dell autore. Credevo fosse uno scherzo. Non si capisce niente. Una scrittura veramente complicata che non chiarisce cosa ,questa auto sia. Capisco che l Autore non ha avuto lezioni di giornalismo da Montanelli ma, almeno, essere semplici non si sbaglia mai.
  • sempre i soliti furboni noi italiani,invece di lodare un prodotto estremamente valido ed emozionante...critichiamo gli specchietti e le manopole,la miura aveva i fari anteriori della 850 spider,i posteriori della 124 sport ed altro derivato dalla grande serie...certo la miura era un cesso di macchina...con i fari della 124 poi...
  • Piccola divagazione: Per chi ha scritto che il V6 Busso non rispettava la normativa Euro 4 mi permetto di ricordare che nell'ultima evoluzione da 3.2 litri montata sulla triade 156/147/Gt il medesimo era già omologato Euro 4. I motivi del suo pensionamento erano altri. Chiuso OT.
  • Comuqnue complimenti al fotografo: foto bellissime
  • Superba, bellissima, cattivissima, da batticuore. Come solo un'Alfa Romeo può essere.
  • Mi fa sorridere chi rimane deluso dalla componentistica "popolare" adottata per la 4C, tipo i fari posteriori della MiTo, il clima della Fiat 600 o lo sterzo della 500 Abarth e gli specchi della Punto. Allora la Lancia Stratos che adottava gli stop della Fiat 850? Che vuol dire che era una ciofeca pure la Stratos? Chi acquista un'auto del genere manco le guarda queste cose, gode per ilsolo pensiero di avere un telaio in carbonio il motore centrale e la trazione posteriore, mentre a chi le trova come insopportabili cadute di stile probabilmente piacerà di più un'Audi TT TDI.
     Leggi risposte
  • auto interessante ma non la comprerei mai, forse usata, nuova no. Design molto bello, interni osceni, meccanica raffinata.
  • certo che paragonare la 4C al triplete dll'inter ci vuole un gran bel coraggio. Mi sa che sto pascali o è gobbo o è casciavit
     Leggi risposte
  • Citando il Cavicchi, direi che qui é pieno di "maigoduti". Ce ne vuole per lamentarsi del fatto che "ci vuole qualcosa di piú esclusivo" quando questa é l' unica che offre un telaio in carbonio, che ha un rapporto peso/potenza atomico e caratteristiche tecniche che piú esclusive non si puó. E allora via a cercare le motivazioni per soddisfare le proprie preformate convinzioni (specchietti della Punto, fari della MiTo, ignorando che forma e contenuti sono stati per prima scelti sulla 8C), bla bla bla.... Resta il fatto che, chi i soldi li ha, a quanto pare se la sta comprando e aspetta pure un bel pó per averla. Quindi probabilmente qualcosa di esclusivo ce l' ha.
     Leggi risposte
  • ma quante 4 c si vende mensilmente in italia ?
     Leggi risposte
  • per daniele e tutti quelli che si lamentano che ha gli specchi della punto. compratevi una punto e potete dire che la vostra macchina ha gli specchi della 4c.
  • per daniele e tutti quelli che si lamentano che ha gli specchi della punto. compratevi una punto e potete dire che la vostra macchina ha gli specchi della 4c.
  • Perfettamente d'accordo, plastica è e plastica rimane. Il vero valore, per quelli come il sottoscritto, è il sentimento, la storia, il senso di appartenenza e quel brivido appagante che ti trasmette un'alfa vecchia maniera. Vivi il rombo, leggi lo stemma vivi il condensato di emozioni.vivi la tua storia cosa che un qualsiasi altro stemma non ti trasmetterà mai.
  • Certo che Pascali ha ragione in pieno: su un così bel telaio il V6 Busso avrebbe fatto meraviglie! Altro che il 1.8 turbo Pratola Serra....che peccato.
     Leggi risposte
  • Daniele CEvolani......la wv fa lo stesso.... guarda le audi da tot soldi...altro che pezzi dedicati....
  • purtroppo manca una versione d' ingresso aspirata, 1800 cc sui 160 cv ,con cambio manuale ,
     Leggi risposte
  • Eppure io avrei preferito qualcosa di diverso... Non so, non riesco a inquadrarla, non riesco a capire a chi è rivolta, contro chi vuole competere... e non ci vedo niente di operazione nostalgia rispetto agli antichi fasti... Penso che mi innamorerò di più della 3 volumi che uscirà..
     Leggi risposte
  • Ho avuto la fortuna (vista la produzione ridotta e ormai sold out x almeno 1 anno...) di vederne una nera sfrecciare in autostrada per pochi secondi (ed ero a velocità codice con la mia Giulietta...)! Niente da fare: si cerca al solito di giudicare questa macchina dalle manopole stile Punto o, all'opposto, x il telaio in carbonio o altre chicche tecniche; personalmente non sono d'accordo, quest'Alfa restituisce, x 50/60 K€, appercezioni e immagine a quintalate, sicuramente di più di qualsiasi macchina pari prezzo. Insomma un'autentica e bellissima supercar al prezzo di una suv o sw premium (?) appena di fascia media. E, soprattutto negli USA, vola.... Saluti
     Leggi risposte
  • Io abito a Modena e vedo spesso 4C che escono dallo stabilimento per giri di prova in tangenziale o in città, vi assicuro che solo il sound del motore fa dimenticare, ammesso che siano quelli i dettagli importanti, gli specchietti della Grande Punto, i fari della Mito e le manopole della Punto. Altro che passato e memoria, quando ti passano a fianco o sotto casa tutto è molto presente!
  • "...perché Alfa Romeo è l’unico marchio al mondo che, se decide di tornare a fare qualcosa, non deve spiegare niente a nessuno: tutti sanno cos’è (e cosa può essere) un’Alfa Romeo..." Qui Pascali ha detto tutto.
     Leggi risposte
  • Se è per questo allora ha anche le manopole della climatizzazione della punto 1a serie quella del 93 per intederci! Credo però che se ci soffermiamo su questi dettagli... plastica sono e plastica rimangono anche se fossero di forma diversa. Il problema forse è che nella scelta di un'auto ormai ci di focalizza troppo su dettagli di plastica che cambiano in continuazione e ci fanno sembrare i modelli nuovi ma che non intoducono vero valore aggiunto all'auto.
     Leggi risposte
  • ma mi lascia perplesso la frase: "ma questa non è una tedesca che in un certo tipo di perfezione trova i suoi punti di forza". secondo me quando si descrive un'auto bisogna evidenziare pregi e difetti indipendentemente se è tedesca o italiana. la qualità di alcuni particolari interni della 4C non è eccelsa può essere un difetto. poi chi ha la possibilità di acquistarla sarà conquistato dalle eccellenti qualità dinamiche, dimenticandosi delle pecche di finitura è solo un fattore soggettivo.
     Leggi risposte
  • FOTO

    VIDEO
     -
     -

     -
     -

     -
     -

     -
     -

    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/19388/poster_1e908834-49cc-4c75-903f-3ab1b5e74a28.jpg La Renault Symbioz Concept ci prioetta al 2030 http://tv.quattroruote.it/news/video/la-renault-symbioz-concept-ci-prioetta-al-2030 News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/19389/poster_197bca3e-cfa7-43e1-b30b-0d144719e116.jpg Il design della nuova Bentley Continental GT (in inglese) http://tv.quattroruote.it/news/video/il-design-della-nuova-bentley-continental-gt-in-inglese- News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/19394/poster_1f0d2ae2-6884-49eb-b126-74094abb6edc.jpg Mercedes-Benz al Salone di Francoforte 2017 (in inglese) http://tv.quattroruote.it/news/video/mercedes-benz-al-salone-di-francoforte-2017-in-inglese-1 News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/19396/poster_d11e1091-badc-4887-b615-bd7ad416e48c.jpg Mercedes EQ-A Concept in 60 (in inglese) http://tv.quattroruote.it/news/video/mercedes-eq-a-concept-in-60-in-inglese- News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/19400/poster_5bc718e4-8b86-4400-9590-58a22de2bedb.jpg Audi Elaine Concept: l'auto è sempre più intelligente http://tv.quattroruote.it/news/video/audi-elaine-concept-l-auto-sempre-pi-intelligente News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/19405/poster_fd8b1cfb-e0ea-49d1-bcd4-59efc1729934.jpg Bugatti Chiron da record: 0-400 km/h in soli 42 secondi http://tv.quattroruote.it/news/video/bugatti-chiron-da-record-0-400-km-h-in-soli-42-secondi News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/videos/19456/poster_001.jpg Il record della Stelvio Quadrifoglio al Ring http://tv.quattroruote.it/news/video/il-record-della-stelvio-quadrifoglio-al-ring News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/videos/19459/poster_011.jpg Citroën C3 Aircross: al volante della Suv compatta http://tv.quattroruote.it/news/video/citro-n-c3-aircross-al-volante-della-suv-compatta News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/videos/19477/poster_001.jpg Alfa Romeo Giulia: i crash test IIHS http://tv.quattroruote.it/news/video/alfa-romeo-giulia-i-crash-test-iihs News
    https://video.player.edidomus.it/images/290/193/thumbnails/videos/19479/poster_001.jpg Il crash test Euro NCAP della Range Rover Velar http://tv.quattroruote.it/news/video/il-crash-test-euro-ncap-della-range-rover-velar News

    UTILITÀ

    SERVIZI PER LA TUA AUTO

    SERVIZI QUATTRORUOTE

    Inserisci la targa e ottieni la tua quotazione

    Non ricordi la tua targa? Clicca qui >
    Targa
    Cerca

    SCOPRI
    QUANTO PUOI RISPARMIARE

    Uilizza subito il servizio calcola assicurazione per trovare la soluzione più adatta alle tue esigenze
    In collaborazione con https://www.facile.it
    1. Inserisci i tuoi dati anagrafici
    2. Inserisci i dati del veicolo
    3. Inserisci i dati assicurativi
    4. Confronta i risultati

    Calcola il tuo tagliando

    ×
    Lorem ipsum dolor

    Cerca gli pneumatici più adatti a te

    Oltre 23.000 pneumatici a prezzi incredibili.
    In collaborazione con
    Dimensioni
    Larghezza
    • Larghezza
    Altezza
    • Altezza
    Diametro
    • Diametro
    Tipologia
    Cerca

    Cerca annunci usato

    Marca
    Seleziona
    • ABARTH
    • ALFA ROMEO
    • ASTON MARTIN
    • AUDI
    • BENTLEY
    • BMW
    • CADILLAC
    • CHEVROLET
    • CITROEN
    • DACIA
    • DR
    • DS
    • FERRARI
    • FIAT
    • FORD
    • HONDA
    • HYUNDAI
    • INFINITI
    • JAGUAR
    • JEEP
    • KIA
    • LAMBORGHINI
    • LANCIA
    • LAND ROVER
    • LEXUS
    • LOTUS
    • MAHINDRA
    • MASERATI
    • MAZDA
    • MAZZANTI
    • MCLAREN
    • MERCEDES
    • MINI
    • MITSUBISHI
    • NISSAN
    • OPEL
    • PAGANI
    • PEUGEOT
    • PORSCHE
    • RENAULT
    • ROLLS ROYCE
    • ROMEO FERRARIS
    • SEAT
    • SKODA
    • SMART
    • SSANGYONG
    • SUBARU
    • SUZUKI
    • TAZZARI EV
    • TESLA
    • TOYOTA
    • VOLKSWAGEN
    • VOLVO
    Modello
    Seleziona
    • Seleziona
    Prezzo

    da a

    CAP

    PROVE SU STRADA QUATTRORUOTE

    Costo di una singola "prova su strada": 3,59 euro (IVA inclusa). Pagamento da effettuare con carta di credito.
    Seleziona
    • Seleziona
    • ABARTH
    • ALFA ROMEO
    • ALPINA-BMW
    • ASTON MARTIN
    • AUDI
    • BENTLEY
    • BMW
    • CADILLAC
    • CHEVROLET
    • CHRYSLER
    • CITROEN
    • CITROËN
    • CORVETTE
    • DACIA
    • DAEWOO
    • DAIHATSU
    • DODGE
    • DR
    • DS
    • FERRARI
    • FIAT
    • FORD
    • GREAT WALL
    • HONDA
    • HUMMER
    • HYUNDAI
    • INFINITI
    • INNOCENTI
    • IVECO
    • JAGUAR
    • JEEP
    • KIA
    • LAMBORGHINI
    • LANCIA
    • LAND ROVER
    • LEXUS
    • LOTUS
    • MASERATI
    • MAZDA
    • MERCEDES
    • MG
    • MINI
    • MITSUBISHI
    • NISSAN
    • OPEL
    • PEUGEOT
    • PORSCHE
    • RENAULT
    • ROVER
    • SAAB
    • SEAT
    • SKODA
    • SMART
    • SSANGYONG
    • SUBARU
    • SUZUKI
    • TATA
    • TESLA
    • TOYOTA
    • VOLKSWAGEN
    • VOLVO
    Seleziona
    • Seleziona