Viabilità

Decreto legge coronavirus
Le regole per gli spostamenti tra Natale e Capodanno

Decreto legge coronavirus
Le regole per gli spostamenti tra Natale e Capodanno
Chiudi

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il decreto legge che, modificando la legislazione emergenziale, regola gli spostamenti durante il periodo delle festività natalizie. Nel testo pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale viene indicato il divieto di spostamento in entrata e uscita da Regioni e Province autonome dal 21 dicembre al 6 gennaio indipendentemente dalla classificazione della propria zona. Ancora più rigide le limitazioni nei giorni di festa: il 25-26 dicembre e il 1° gennaio saranno vietati anche gli spostamenti tra Comuni, salvo comprovate esigenze lavorative o per motivi di salute.

Sempre consentito il rientro alla propria residenza. Il decreto legge, infatti, afferma che "dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 è vietato, nell’ambito del territorio nazionale, ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse Regioni o Province autonome, e nelle giornate del 25 e del 26 dicembre 2020 e del 1° gennaio 2021 è vietato altresì ogni spostamento tra Comuni, salvi gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute". Nonostante ciò, sarà comunque possibile - come già visto nei Dpcm emanati dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte - rientrare alla propria residenza, ma non raggiungere le seconde case: "È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, con esclusione degli spostamenti verso le seconde case ubicate in altra Regione o Provincia autonoma e, nelle giornate del 25 e 26 dicembre 2020 e del 1°gennaio 2021, anche ubicate in altro comune, ai quali si applicano i predetti divieti", si legge nel decreto.  

In arrivo anche un Dpcm. Queste misure si applicheranno unicamente nel periodo delle festività: nelle prossime ore il presidente del Consiglio firmerà un nuovo Dpcm pensato per fornire regole sugli spostamenti e sull'apertura delle attività commerciali per le prossime settimane che, probabilmente, includerà delle limitazioni simili a quelle di questo Dl: "Con riguardo all’intero territorio nazionale, nel periodo dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 i decreti del Presidente del Consiglio dei ministri di cui all’articolo 2 del decreto-legge n. 19 del 2020 possono altresì prevedere, anche indipendentemente dalla classificazione in livelli di rischio e di scenario, specifiche misure rientranti tra quelle previste dall’articolo 1, comma 2, dello stesso decreto-legge." Il decreto legge firmato da Mattarella ha inoltre prolungato da 30 a 50 giorni la durata massima dei Dpcm: il documento che Conte firmerà nelle prossime ore potrebbe così avere una validità che andrà ben oltre l'Epifania.

COMMENTI

  • Ma fare ancora qualche mese di sacrifici è così difficile? Magari in primavera potremmo tornare a una vita quasi normale, altrimenti continueremo all'infinito con la situazione di adesso.
  • in pratica blocco completo senza dirlo, di conseguenza ulteriore crollo dell'economia. Quindi ulteriore crollo delle vendite delle auto, in quanto bene non indispensabile,