Viabilità

Autostrade e cantieri
Al via il Cashback con targa sulla rete Aspi

Autostrade e cantieri
Al via il Cashback con targa sulla rete Aspi
Chiudi

Il servizio Cashback di Autostrade per l’Italia diventa più facile da utilizzare. Dopo la prima fase di sperimentazione dei mesi scorsi, è infatti ora è possibile ottenere il parziale rimborso dei pedaggi registrandosi sull’app Free To X, inserendo i dati personali e la targa del veicolo, che sarà verificata tramite la banca dati della Motorizzazione civile, per ricevere automaticamente il rimborso nei casi previsti. In questo modo il sistema, che prima richiedeva l’utilizzo del telepedaggio, è allargato anche agli utenti che pagano ai caselli con carta di credito, bancomat o contanti.

Lo scontrino. Agli utenti registrati, l’app notifica ora il rimborso, senza che sia necessario inoltrare una richiesta; il riconoscimento della targa evita la necessità di fotografare e caricare la ricevuta del viaggio sulla rete di Aspi, anche se la società consiglia di ritirarla comunque al casello e di conservarla, per poterla esibire in caso di eventuali anomalie della lettura della targa o se il viaggio ha comportato la percorrenza di tratte gestite da altre società, che ancora non partecipano al programma Cashback.

Chi ne ha diritto. Dal 1° maggio, a beneficiare del rimborso saranno gli utenti che hanno subito ritardi a partire da 10 minuti, contro i precedenti 15, per viaggi lunghi fino a 99 chilometri. Attenzione, però: la procedura è valida solo in caso di code dovute a cantieri, e non ad altri eventi come incidenti, e solamente sulla rete di Autostrade per l’Italia, pari a circa metà (oltre 3 mila chilometri) di quella italiana a pedaggio.

COMMENTI

  • Francamente non mi fido, al massimosi tratta di rimborsi di pochi centesimi, quindi non ne vale la pena, considerando poi le limitazioni alla privacy
  • Buongiorno, funziona anche per le targhe straniere ?