Viabilità

Strada dei Parchi
Il Consiglio di Stato riporta A24 e A25 nelle mani dell’Anas

Strada dei Parchi
Il Consiglio di Stato riporta A24 e A25 nelle mani dell’Anas
Chiudi

Ennesimo colpo di scena nella vicenda che vede contrapposti il Governo e il gruppo Toto per le autostrade A24 e A25. Il Consiglio di Stato, infatti, ha annullato una recente sentenza del Tar del Lazio e riportato nelle mani dell’Anas la gestione delle due arterie stradali, affidate alla società Strada dei Parchi fino alla decisione del governo del 7 luglio scorso di revocare la concessione per “gravi inadempienze contrattuali”. In particolare, la quinta sezione di Palazzo Spada ha accolto il ricorso presentato dalla Presidenza del Consiglio, dai ministeri dell’Economia e delle Infrastrutture e dalla stessa Anas, contro la pronuncia del tribunale amministrativo che, il 12 luglio, ha disposto la sospensione della revoca su istanza del concessionario.

Il decreto. “Considerato – si legge nel decreto monocratico depositato dai giudici dell'organo amministrativo italiano - che, per la delicatezza della fattispecie in esame (che attiene alla tutela della circolazione autostradale e all'incolumità degli utenti) e la tipologia delle questioni sottoposte (dove viene in rilievo la problematica della continuità della circolazione in condizioni di sicurezza e l'esigenza di scongiurare il rischio di cedimenti strutturali delle infrastrutture) in disparte il tema della valutazione del 'fimus boni iuris' ordinariamente riservata alla più articolata discussione collegiale appare prioritaria la considerazione delle ragioni di 'periculum' vantate, scaturenti dall'articolata ordinanza impugnata e dalle soluzioni ivi adottate che spingono per l'accoglimento dell'istanza cautelare monocratica". Dunque, le due autostrade tornano di nuovo nelle mani dell’Anas. Tuttavia, la vicenda è destinata a trasformarsi in una telenovela giuridica dall’esito estremamente incerto visto che il decreto monocratico dovrà essere confermato il 25 agosto prossimo dal collegio giudicante del Consiglio di Stato. Inoltre, il 7 settembre è prevista la discussione del merito del ricorso davanti al Tar e per il 20 settembre i giudici amministrativi del Lazio dovranno esprimere il loro “giudizio di merito”. Dopo di che non è escluso neanche il ricorso al giudizio della Corte Costituzionale, come già paventato dalla società del gruppo Toto.

COMMENTI([NUM]) NESSUN COMMENTO

ultimo commento
ultimo intervento

Strada dei Parchi - Il Consiglio di Stato riporta A24 e A25 nelle mani dell’Anas

Siamo spiacenti ma questo utente non è più abilitato all'invio di commenti.
Per eventuali chiarimenti la preghiamo di contattarci all'indirizzo web@edidomus.it