Le Case stanno investendo molto sulle bifuel sia per ridurre le emissioni medie di CO2 sia per attirare i clienti più sensibili al portafoglio. Abbiamo voluto portare, su un immaginario ring, proprio due modelli che offrono, oltre all?alimentazione a benzina, rispettivamente quella a metano e quella a Gpl.

Ecco le sfidanti: da una parte la Mercedes B 170 NGT (ossia, Natural Gas Technology), dall?altra, la Seat Altea 1.6 Dual. Sono entrambe multispazio interessanti - anche se declinate in modo ben diverso - che fanno della praticità e godibilità i loro punti di forza. A scavare un solco tra i due modelli è il prezzo di listino, più ?corposo? sulla B 170 NGT di oltre 10.000 euro. La Mercedes, però, nasce come modello ecologico di gamma, mentre la Seat viene trasformata a Gpl in seguito, dalla Landi Renzo.

Sulla Classe B, la disposizione delle cinque bombole è ben studiata: poste sotto il pianale, non modificano il baricentro e sono meno esposte agli urti. L?Altea, invece, conserva nel doppio fondo del vano bagagli il serbatoio toroidale da 58 litri di Gpl: una scelta collaudata, che non penalizza la capacità di carico. Un sacrificio, la doppia alimentazione lo richiede a entrambe: in caso di foratura si può far conto solo su un kit di riparazione e il ruotino o la ruota non si possono avere, neanche pagando.

Ma eccoci, finalmente, su strada. I motori non sono propriamente da corsa, ma chi sceglie il metano o il Gpl bada più alla convenienza che non alle prestazioni. La B NGT ha un due litri da 116 CV, regolare nell?erogazione, ma pure piuttosto pigro a salir di giri. Di coppia - 165 Nm -, ne ha quanto un buon 1600, ma bisogna anche considerare il peso dell?auto, di 1530 chili in condizioni di prova. Il bello è che, a metano, sembra più disinvolto che a benzina, anche se i dati d?accelerazione e ripresa confermano una sostanziale parità di prestazioni.

L?Altea Dual è invece dotata di un 1600 da 102 CV docile, ma non certo un fulmine nella zona alta del contagiri. Motore, cambio (bello) e frizione sono ben raccordati e offrono davvero una buona gradevolezza d?insieme. Peccato che, gravata in coda dal peso dell?impianto a Gpl e sprovvista di Esp, abbia incontrato qualche difficoltà nel test di stabilità: bisogna per forza mettere in conto i 500 euro del controllo di stabilità. A Gpl il 1600 dell?Altea perde un filo di mordente, ma è più una sensazione che altro. Le rilevazioni, infatti, dicono che in accelerazione il Gpl richiede poco dazio, mentre in ripresa il divario diventa più sensibile.

Ma ciò che accomuna (in negativo) le macchine della prova è il risultato nel test di frenata: entrambe hanno ottenuto spazi d?arresto lunghi, pur senza mostrare fading.

Per quanto riguarda i consumi, abbiamo provato le due bifuel su un percorso misto fra Pavia, Bobbio, Piacenza e ritorno. Il consumo medio è stato molto buono per la B NGT: 7,1 litri di benzina ogni 100 km oppure 4,5 kg di metano ogni 100 km. Bene, comunque, anche la Altea Dual, che ha utilizzato 7,7 litri/100 km quando alimentata a benzina e 9,2 litri/100 km a Gpl.