Citroën C1-Peugeot 108-Toyota Aygo Citycar a confronto

Citroën C1-Peugeot 108-Toyota Aygo
Citycar a confronto
Chiudi
 

Guarda il video su QuattroruoteTV

Meglio un pizzico di follia giapponese o l’eleganza francese, declinata in modo più o meno sportiveggiante? Di fronte alle tre nuove piccole nate dalla joint-venture tra Toyota e PSA, c’è solo l’imbarazzo della scelta. L'obiettivo comune è quello di tornare a riprendersi il giusto ruolo nel ricco mercato delle citycar, con la concorrenza che in questi nove anni non è stata certo a dormire: dal ciclone 500 alla rinnovata Panda, dalla Volkswagen che si è messa a fare sul serio con la up! (spalleggiata dalle sorelle Citigo e Mii) all'aguerrita Hyundai i10, le carte si sono rimescolate. Vediamo, dunque, cos’hanno da offrire le tre protagoniste di questa prova. Design a parte, quel che vale per l’una, vale – con poche eccezioni – anche per le altre due. Non per niente, il 90% dei componenti è comune. Più che un confronto fra le tre, dunque, questa prova sarà Aygo/C1/108 contro resto del mondo. Palla al centro.

Caratteristiche. Quanto a misure, sono cambiate pochissimo. Appena sotto i tre metri e mezzo, restano le cinque porte più compatte sulla piazza. Ed è ammirevole come riescano a offrire un’abitabilità più che dignitosa per quattro. C’è solo da annotarsi un dettaglio non da poco: se il divano è destinato a ospitare passeggeri alti, è meglio rinunciare al tetto apribile. Il meccanismo di ripiegamento della capote riduce di quattro centimetri l’altezza del padiglione e si rischia di toccare con la testa. Dietro restano i vetri a compasso, mentre lo spazio per le gambe risulta discreto, anche se lo schienale posteriore è stato spostato un pochino avanti per aumentare il vano del bagagliaio. Rispetto alla generazione precedente, dietro si trova uno spazio meno sacrificato e adatto a caricare persino qualche valigia.

Abbiamo provato la nuova Peugeot 108

Guarda il video su QuattroruoteTV

Strizzano l'occhio ai giovani. Come prima, si ritrovano una soglia di carico piuttosto alta e un portellone minimalista, di cristallo (senza la cornice di lamiera). Le novità più interessanti riguardano la plancia per la quale, rispetto a prima, non si è badato a spese: doppi tasti sul lato guida e impianti di refrigerazione automatici tra gli optional (se non addirittura di serie come nel caso della Aygo X-cite). Per non parlare delle immancabili prese Usb e Aux, e arrivare, infine, all’enorme touchscreen da 7˝. La soluzione scelta dai francogiapponesi è quella dell’integrazione con le funzioni del telefonino, non solo con l’ormai scontato Bluetooth per chiamare e messaggiare, ma anche per utilizzare alcune app dedicate, compresa quella per navigare. Un po’ come fanno Ford, Opel e Renault  con i vari sistemi Sync, IntelliLink e R-Link.

Toyota Aygo: l'abbiamo provata a Vairano

Guarda il video su QuattroruoteTV

Come vanno. Anche se non ci sono grandissime novità per quanto riguarda i motori, è ora di mettere in moto e riscoprire come vanno C1, 108 e Aygo. Con un’avvertenza: il propulsore è unico (in attesa dell’1.2 che equipaggerà, in un secondo momento, solo le francesi) e le versioni a cinque porte del tutto equivalenti. Identica anche la gommatura. I tre cilindri vanno di moda, ultimamente, quindi non c’era ragione di sostituire il “millino”, che da sempre equipaggia le tre vetture. Di aggiornarlo, però, sì. Il risultato? Sulla carta, poco: un cavallo in più e coppia aumentata di un paio di Nm, ma in gran parte disponibile già a 2.000 giri. In sostanza si viaggia bene alle medie andature, con spunti più che soddisfacenti nel traffico cittadino, dove si sfruttano al meglio le doti di maneggevolezza. Il pregio più grande del propulsore è che beve davvero poco, in tutte le condizioni. Le prestazioni, a ben vedere, sono simili a quelle delle migliori concorrenti provate. Nel caso di Aygo/C1/108 bisogna mettere in conto anche le ultime marce piuttosto lunghe, che obbligano a qualche scalata in più in caso di sorpasso. Il sound del motore, tra l’altro, non è niente male, nemmeno quando ci si spinge oltre i 5.000 giri e su verso la zona rossa. E in autostrada, comunque, più che l’effetto frullino del tre cilindri, quel che infastidisce di più è la rumorosità che proviene dalle ruote e dai fruscii aerodinamici. L’insonorizzazione dell’abitacolo è migliorata rispetto alle precedenti versioni, ma i decibel e soprattutto la qualità acustica riscontrata dal nostro centro prove sconsigliano i lunghi viaggi a velocità sostenuta. Motore a parte, si apprezzano lo sterzo, consistente e preciso a tutte le andature, il discreto lavoro delle sospensioni e, in generale, il comportamento sicuro. Ora, poi, si può contare sull’Esp di serie su tutte le versioni, che si porta dietro anche l’assistenza per le partenze in salita, un dispositivo non tanto diffuso in questa categoria, ma decisamente comodo. L’unico neo, riscontrato in pista, è quello delle frenate, sempre un po’ troppo lunghe.

In sintesi. In attesa che arrivi anche la nuova Renault Twingo, la sfida tra le citycar si fa sempre più impegnativa e interessante, e in questo contesto s'inserisce il trio Citroën C1-Peugeot 108-Toyota Aygo, profondamente rinnovato a nove anni dalla nascita. Dimensioni e motore rimangono molto simili a prima, mentre le novità più importanti sono tutte nei contenuti. Esp finalmente di serie, abitacoli molto migliorati nelle finiture e nelle dotazioni, infotainment da vetture di categoria superiore. La sostanza è uguale per tutt’e tre.

Pregi e difetti

CITROEN C1 C1 VTi 68 5p. Shine

Pregi

Difetti



leggi tutto

Dati & prestazioni

Pagelle

Confronta queste auto

Marco Molinaro

non riesco a vedere nè le prestazioni nè i pregi e difetti della sezione di questa prova, qui sul sito internet, la redazione o qualche gentile utente può postare almeno le prestazioni della prova? grazie

COMMENTI

  • non riesco a vedere nè le prestazioni nè i pregi e difetti della sezione di questa prova, qui sul sito internet, la redazione o qualche gentile utente può postare almeno le prestazioni della prova? grazie
  • Aygo a stile 10 a 0
  • Sono stato a fare un giro per concessionarie, intenzionato a cambiare la mia gloriosa clio del '99. Peccato che nessuno voglia venderti le citycar, facendoti desistere dall'acquisto. Il gioco è semplice, le citycar costano come le utilitarie al massimo poche centinaia di euro di differenza. Alcune poi costano più delle relative sorelle maggiori (Punto/Panda o Twingo/Clio)
  • Sono stato a fare un giro per concessionarie, intenzionato a cambiare la mia gloriosa clio del '99. Peccato che nessuno voglia venderti le citycar, facendoti desistere dall'acquisto. Il gioco è semplice, le citycar costano come le utilitarie al massimo poche centinaia di euro di differenza. Alcune poi costano più delle relative sorelle maggiori (Punto/Panda o Twingo/Clio)
  • La mia ragazza ha la Aygo, è proprio carina, il vero difetto secondo me (che sarà certamente per tutte e 3 le auto) è la frizione che mi sembra veramente scarsa... spero duri i 4 anni (e 80 mila km) che dovrà durare la macchina...
  • Salve a tutti personalmente vedo le 3 vetture piu avanti della panda. infatti come optional e equipaggiamenti di serie il confronto fra le tre vetture e la panda non è possibile in quanto l'italiana non prevede molti accessori. dobbiamo comunque dire che la panda ha sulle spalle un po di anni che secondo me si fanno sentire e , spero che la fiat si svegli un po dal letargo. io personalmente tra le 3 scegliere la C1 poi 108, mentre la toyota non mi dice nulla, anzi mi sa di brutto. Internamente sono fatte bene , risaltano al colpo d'occhio e prevedono accessori mai visti su una city car. per il motore, ma... sono city car e non machine da f1 quindi vanno bene se consumano poco, fanno pagare meno l'assicurazione e tassa di possesso e fanno risparmiare su manutenzione. Ora mi domano: ma a che serve spingere forte questi motori se anche iniziamo ad premere sull'acceleratore stiamo sempre li? sono motori che prevedono cambi di marcia a bassi regimi, sia per rumorosità che per consumi, quindi penso che chi critica la rumorosità del motore è solo per un fattore critico e fuori luogo Non mancano personalizzazioni che ormai vanno di moda. Internamente sono ben fatte sono molto simpatiche, vogliamo paragonarle alla panda? Ma di cosa parliamo se la fiat prevede ancora lo stereo della Clarion, ma dai siamo nel 2015 esteticamente viste per strada si fanno notare quindi , penso che saranno auto molto vendute e ben riuscite a tutti un buon anno
  • ..."in attesa che arrivi la nuova twingo..".. ma non è già arrivata?
  • ho già detto tra le tre aygo. Invece tra una delle tre e panda, vado in bicicletta e coi soldi compro il fondo tanzania di belsito oppure faccio l'abbonamento al bus per i prossimi 6 anni e col resto prendo una cucina ikea che è più robusta e rifinita di tutte e quattro....
  • Nella nostra ditta abbiamo avuto la Aygo precedente, un disastro, rumorosa, instabile alle a lte velocità, finitura molto cheap, l'abbiamo sotituita con la nuova Panda 1,2 fire, un macchinone in confronto, spero che l'attuale sia migliorata molto rispetto alla precedente se no molto meglio la Panda.
  • ho provato la panda a metano con 2 cilindri in salita faceva un gran rumore dissi al concessionario è un po rumoroso questo motore , mi rispose bisogna farci l'orecchio gli ho detto ma va.
  • se il 3 cilindri fa rumore(che non è vero) il 2 cilindri della panda e della 500 per guidarla ci vogliono i tappi nelle orecchie, io lo provata mi sembrava di essere ritornato a guidare la 500 del 1970.
  • se il 3 cilindri fa rumore (che non è vero) sulla panda e sulla 500 a 2 cilindri ci vogliono i tappi nelle orecchie io lo provata la panda, mi sembrava di essere ritornato a guidare la 500 del 1970 .
  • Ma c'è ancora gente che elogia la panda? Ok per la bellezza non discuto perchè è soggettiva, ma guardate mai la sicurezza di un'auto prima di comprarla? Queste 3 sono auto decisamente sicure (cosi come il trio VW alias mii/citygo/up!) rispetto ad una panda nonostante le dimensioni possano far sembrare più sicura la fiat. Mia madre è alla ricerca di un'auto nuova e vorrebbe proprio una panda...sconsigliata in partenza vista la pericolosità in caso di collisione!
     Leggi risposte
  • Tre autentici obbrobri, in particolare la Toyota. La Fiat Panda non se le vede proprio.
  • Le ho provato tutte ma, non so perché, la 108 mi ha dato l'idea di essere più robusta e curata nei dettagli. Anche da fuori sembra la più "raffinata".
  • Da settembre ,in famiglia è arrivata la nuova aygo xcitye.Come quella della prova di 4r.Per quello che riguarda la rumorosita ,si e vero ad alta velocita si sente ma non disturba più di tanto ,mentre a bassa velocità rispetto al modello precedente è migliorata,anzi prima avevamo la 106 e l'aygo a bassa velocità e in manovra non si sente,anzi quando mio padre(la aygo è la sua)entra nel cancello di casa,daquasi l'impressione che sia ibrida come la mia auris hsd da quanto è silenziosa.IL prezzo in effetti è un pò alto ma giustificato dalla buona dotazione di serie(telecamera ,clima aut.cerchi in lega ecc...)l'unica cosa negativa è che mancano le maniglie per i passeggeri,in compenso anno messo il comando dell'alzacristallo dx sulla porta del guidatore.rispetto alla 106 è buona anche l'abitabilita ei sedili sono più comodi,dietro si sta bene ma le porte post.un pò piccole creano qualche leggera difficoltà a salire escendere.Buoni i consumi,in linea con i rilevamenti di 4r,e anche col clima acceso non aumentano più di tanto,e non crea problemi di ripresa col motore nonostante sia un 3cilindri.In sintesi,per ora siamo soddisfatti.Per noi è sembrata sopra le aspettative,tanto da non farci rimpiangere la 106.
  • Le vecchie generazioni avevano gli stessi difetti di queste, "mascherati" dalle personalizzazioni estetiche e non. Esteticamente apprezzo la 108, poi Aygo e ultima Citroen, ma penso che nessuna delle 3 arriverebbe nel mio garage.Le trovo troppo macchinine, a differenza ad esempio della Panda che sembra (e probabilmente è) di un altro segmento. Poi il rumoraccio che fa il 3 cilindri fa passare ogni voglia di acquistarle. Capitolo prezzi: mi sembrano piuttosto care nell'insieme, specie la Citroen, ci si lamenta che 500 e Panda costano care ma queste hanno gli stessi livelli di prezzo e una dotazione molto simile
     Leggi risposte
  • La mia preferenza va alla Toyota, più "coraggiosa" nel look. Segue Peugeot e ultima, giusto per non smentirsi mai, Citroen.
     Leggi risposte
  • SERVIZI QUATTRORUOTE

    Scarica la prova completa in versione PDF

    A soli € 3,59 tutte le caratteristiche tecniche e le considerazioni di Quattroruote. Scegli la tua prova con un click!
    Seleziona
    • Seleziona
    • ABARTH
    • ALFA ROMEO
    • ALPINA-BMW
    • ASTON MARTIN
    • AUDI
    • BENTLEY
    • BMW
    • CADILLAC
    • CHEVROLET
    • CHRYSLER
    • CITROEN
    • CORVETTE
    • DACIA
    • DAEWOO
    • DAIHATSU
    • DODGE
    • DR
    • DS
    • FERRARI
    • FIAT
    • FORD
    • GREAT WALL
    • HONDA
    • HUMMER
    • HYUNDAI
    • INFINITI
    • INNOCENTI
    • IVECO
    • JAGUAR
    • JEEP
    • KIA
    • LAMBORGHINI
    • LANCIA
    • LAND ROVER
    • LEXUS
    • LOTUS
    • MASERATI
    • MAZDA
    • MERCEDES
    • MG
    • MINI
    • MITSUBISHI
    • NISSAN
    • OPEL
    • PEUGEOT
    • PORSCHE
    • RENAULT
    • ROVER
    • SAAB
    • SEAT
    • SKODA
    • SMART
    • SSANGYONG
    • SUBARU
    • SUZUKI
    • TATA
    • TESLA
    • TOYOTA
    • VOLKSWAGEN
    • VOLVO
    Seleziona
    • Seleziona