Fiat Freemont - Kia Sorento Suv a confronto

Fiat Freemont - Kia Sorento
Suv a confronto
Chiudi
 

Poco meno di 40 mila per la torinese, quasi 50 mila euro per la coreana. Stiamo parlando della Fiat Freemont 2.0 Aut. 4x4 Cross e della Sorento 2.2 Aut. 4x4 Rebel. Insomma, nulla a che vedere con i prezzi di un tempo. È vero che quelle in prova sono le versioni top delle rispettive gamme, tuttavia, anche se si dovesse rinunciare alla trazione integrale e al cambio automatico, magari asciugando pure, per quel che si può, la dotazione di accessori, il preventivo del concessionario resterebbe alto e comunque molto meno competitivo rispetto agli esordi di queste due Suv.

Caratteristiche. Dopo gli ultimi ritocchi la Freemont sfiora i cinque metri di lunghezza (4,92 per l'esattezza) e raggiunge, retrovisori inclusi, i 2,15 di larghezza. Inevitabilmente, ci si accorge che si sta portando in giro un gran macchinone, appena si deve manovrare in spazi ristretti. Tanta abbondanza si riflette dentro l’abitacolo, dove lo spazio non manca e, per di più, è molto ben sfruttato. A bordo, c’è posto anche per sette, su tre file di sedili modulabili a piacere. Con tutti i posti occupati, resta ancora spazio sufficiente per una valigia e abbattendo tutti gli schienali, compreso quello di fianco al guidatore, si rende disponibile un piano di carico degno di un furgone. La Sorento è molto più compatta, anche se non lo dà a vedere. Anzi, sembra assai più grande e importante di quello che è nella realtà. A dividerla dalla Freemont ci sono ben 14 centimetri in lunghezza. Questo scarto, però, non influisce sulle dimensioni interne. Dentro, infatti, la coreana dà l’impressione di essere persino più accogliente, anche quando non può far conto (l’opportunità è riservata alle versioni a due ruote motrici) sulla terza fila di sedili. Insomma, c’è posto solo per cinque, ma con tanta aria intorno e con buone possibilità di modulare l’abitacolo: i sedili posteriori sono separati e regolabili anche longitudinalmente. Quello del passeggero anteriore non si piega in avanti, come sulla Freemont, ma il piano di carico risulta comunque molto ampio; a filo della soglia, facilmente accessibile anche grazie al portellone elettrico e con generosi scomparti segreti sotto il piano d’appoggio.

Come vanno. La Sorento, oltre che più brillante, è indubbiamente più gradevole, complice il sei marce automatico, in buon accordo con il 2.2 turbodiesel. Insieme, rendono tutto più facile. La spinta è fluida, il rumore contenuto, la ripresa regolare e progressiva. E il cronometro conferma tutto. La coreana lascia al palo in accelerazione la Freemont e non fa fatica a starle davanti in ripresa. La Suv torinese risente, soprattutto, della lentezza del cambio automatico, contraddistinto da uno sgradevole scorrimento. Il motore gira sempre troppo e troppo in alto, con effetti prevedibili sui consumi, già penalizzati dalla trazione integrale, dall’aerodinamica e dalla massa (oltre due tonnellate in condizioni di prova). La Sorento è altrettanto pesante e non rinuncia alle quattro ruote motrici, ma al distributore è molto meno ingorda. Qualche risparmio lo si deve all'azione dello Start&Stop (non presente sulla Freemont). Su strada la coreana trasferisce un miglior feedback ed è più sincera, per merito dello sterzo e di un assetto di buon compromesso tra l’anima turistica e lo spirito off-road. Nessuna delle due affronta il fuoristrada con naturalezza: non sono sufficientemente attrezzate, sebbene la Kia disponga anche del bloccaggio del differenziale centrale, utile in qualche passaggio un po’ più complicato. Tornando sull’asfalto, la coreana può mettere sul piatto della bilancia alcuni dei sistemi di assistenza alla guida più raffinati oggi disponibili, come il regolatore di velocità attivo (che mantiene la distanza di sicurezza impostata) e tanto altro ancora. E di serie c’è pure il dispositivo per il parcheggio automatico, affiancato da ben quattro telecamere per una visione a 360° nel perimetro della vettura. Sofisticherie che non trovano posto sulla più pragmatica Freemont, che comunque fa più che dignitosamente la sua parte. E, dettaglio certo non trascurabile, senza costringerti a prosciugare il conto in banca.

In sintesi. Le nostre due Suv hanno molto in comune. Sono simili per dimensioni, motorizzazioni, tipo di trazione e filosofia. E sono al top delle rispettive gamme. In sostanza, si contendono lo stesso pubblico. Quel genere di automobilista che cerca una vettura familiare, accogliente, flessibile, versatile e capace di affrontare anche fondi a bassa aderenza. Un'auto sicura, robusta e a guida alta per vedere prima e meglio. Tutte esigenze ampiamente soddisfatte da entrambe le vetture, sia pure con sensibilità diverse. Che, però, giustificano solo in parte la sostanziosa differenza di prezzo. Passando dalla Freemont alla Sorento, bisogna spendere circa 11 mila euro in più. Ma è giustificata una differenza tanto marcata? La Sorento è sicuramente un'auto più moderna, completa e meglio costruita, oltre che provvista di una dotazione di livello più elevato. E, soprattutto, vanta una guida più gradevole della Freemont, sfavorita dal poco convincente accoppiamento motore-cambio automatico. Al tutto bisogna aggiungere la ciliegina finale: i sette anni di garanzia offerti dalla Kia. La Freemont è indubbiamente meno ambiziosa e risente in qualche modo dell'originale impostazione yankee di quando faceva ancora parte della squadra Dodge. Soffre un po' sul misto, complice la generale morbidezza, e obbliga a fermate al distributore con maggior frequenza rispetto alla coreana. D'altro canto, fa più che dignitosamente la sua parte. E tutto sommato, di questi tempi, fa anche comodo tenersi in tasca un gruzzoletto di 11 mila euro...

Marco Ghezzi
(Prova su strada ripresa da Quattroruote di giugno 2015)

Pregi e difetti

FIAT Freemont Freemont 2.0 Mjt 170 CV 4x4 aut. Cross

Pregi

Abitabilità. Nella Suv torinese lo spazio abbonda. E con un semplice meccanismo si può richiudere la seconda fila e accedere alla terza, per far sedere comodamente sette persone.

Difetti

Freni. Gli spazi d'arresto sono lunghi e la modulabilità del pedale è caratterizzata da una notevole spugnosità. Nessun problema, invece, sulla bassa aderenza.



KIA Sorento Sorento 2.2 CRDi AWD Rebel

Pregi

Versatilità. Abitacolo molto ben sfruttato: dentro ci stanno comode cinque persone, che possono contare su un vano davvero sterminato. Utili i grandi ripostigli sotto il piano.

Difetti

Prezzo. È vero che a listino ci sono allestimenti della Suv coreana meno cari, ma con 50 mila euro si possono acquistare marchi e modelli più prestigiosi.



leggi tutto

Dati & prestazioni

 
FIAT Freemont 2.0 Mjt 170 CV 4x4 aut. Cross
  • FIAT Freemont 2.0 Mjt 170 CV 4x4 aut. Cross
KIA Sorento 2.2 CRDi AWD Rebel
  • KIA Sorento 2.2 CRDi AWD Rebel
Velocità
Massima
190,765 km/h (IN D)
203,333 km/h (IN D)
Accelerazione
0-100 KM/H
11,6 s
9,5 s
400M DA FERMO
17,7 s
16,7 s
1KM DA FERMO
33,1 s
30,8 s
RIPRESA A MIN/MAX CARICO
70-120 KM/H
11,5 (IN D)
9,3 (IN D)
1 KM DA 70 KM/H
29,4 (IN D)
27,5 (IN D)
FRENATA
100 KM/H A MINIMO CARICO
45,2 m
43,2 m
CONSUMI MEDI
STATALE
13,8 km/l
13,3 km/l
AUTOSTRADA
12,0 km/l
11,5 km/l
CITTÀ
8,9 km/l
10,9 km/l

Pagelle

 
FIAT Freemont 2.0 Mjt 170 CV 4x4 aut. Cross
  • FIAT Freemont 2.0 Mjt 170 CV 4x4 aut. Cross
  • KIA Sorento 2.2 CRDi AWD Rebel
KIA Sorento 2.2 CRDi AWD Rebel
  • FIAT Freemont 2.0 Mjt 170 CV 4x4 aut. Cross
  • KIA Sorento 2.2 CRDi AWD Rebel
Abitabilità
Accelerazione
Accessori
Audio e navigazione
Bagagliaio
Cambio
Climatizzazione
Confort
Consumo
Dotazioni sicurezza
Finitura
Freni
Garanzia
Motore
Plancia e comandi
Posto guida
Prezzo
Ripresa
Sterzo
Strumentazione
Su strada
Visibilità

Confronta queste auto