• player icon Ford avrà la guida autonoma nel 2021
    News
    Ford avrà la guida autonoma nel 2021
  • player icon Hyundai i30: il design alla base nuova generazione
    News
    Hyundai i30: il design alla base nuova generazione
  • player icon Il sound dell'Aston Martin DB11
    News
    Il sound dell'Aston Martin DB11
  • player icon Una SEAT Ateca di sabbia
    News
    Una SEAT Ateca di sabbia
  • player icon Lamborghini Centenario: in pista a Nardò con la supercar da 770 CV
    News
    Lamborghini Centenario: in pista a Nardò con la supercar da 770 CV

Auto ultraventennaliBollo, la mappa aggiornata delle esenzioni

 

A tre mesi dall’approvazione della Legge di stabilità 2015, avvenuta il 23 dicembre 2014, non è ancora definita la situazione sulla tassa automobilistica per le auto immatricolate da più di vent’anni (ma meno di trenta), fino all’anno scorso esentate dal pagamento (in alcuni casi), da quest’anno obbligate a pagare (sempre in alcuni casi). Alcune regioni, infatti, hanno approfittato del regalo che graziosamente ha fatto loro il governo Renzi (le stime di maggior gettito complessivo per le amministrazioni regionali, grazie alla legge di stabilità, parlano di 56 milioni di euro), altre stanno pensando di farlo. Ecco il quadro della situazione aggiornato al 27 marzo. Con l’avvertenza che, come detto, in alcune realtà le cose potrebbero cambiare ancora nei prossimi giorni. Anche perché il ripristino del bollo per le auto con più di vent’anni oltre a essere un’opportunità oggettivamente allettante per amministrazioni sempre a caccia di soldi, è oggetto delle pressioni di chi sostiene, a nostro avviso sbagliando, che le regioni non possono derogare a una legge statale, anche se approvata successivamente a quella regionale. Ciò, nonostante la tassa automobilistica sia disciplinata, dal punto di vista delle esenzioni, delle agevolazioni e delle tariffe, dalle stesse regioni, nelle cui casse, peraltro, finiscono i quattrini pagati dagli automobilisti.

Le singole regioni. Attualmente è prevista l’esenzione per le autovetture ultraventennali, a certe condizioni, in Basilicata, provincia di Bolzano, Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte. L’esenzione dalla tassa è invece prevista solo per le ultratrentennali in Abruzzo, Calabria, Campania, Friuli, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, provincia di Trento, Umbria, Valle d’Aosta, Veneto. Nel dettaglio:

Abruzzo: esenzione solo per le ultratrentennali. La regione è allineata al governo. “Ai sensi dell'art. 63 della legge 342 del 21/11/2000 come modificato dall'art. 1 comma 666 della legge 190 del 2014 sono esentate dal pagamento del bollo i veicoli ed i motoveicoli, esclusi quelli adibiti ad uso professionale, a decorrere dall'anno in cui si compie il trentesimo anno dalla loro costruzione. Se questi veicoli vengono posti in circolazione sono soggetti ad una tassa di circolazione forfetaria annua di Euro 31,24 per gli autoveicoli e Euro 12,50 per i motoveicoli”. (www.regione.abruzzo.it/portale/index.asp?modello=bolloEsenzioni&servizio=lista&stileDiv=monoLeft&template=intIndex&b=bolloAut9)

Basilicata: esenzione solo per quelle iscritte ai registri. L’amministrazione regionale ha modificato la legge preesistente prevedendo l’esenzione solo per i veicoli iscritti nei registri Asi, Storico Lancia, Italiano Fiat, Italiano Alfa Romeo, Storico Fmi, al 31.12.2014. Questi veicoli, in caso di utilizzazione, pagheranno una tassa di circolazione forfettaria di 25,82 euro. La modifica della legge, approvata dal consiglio regionale il 24 marzo scorso, è in attesa di essere pubblicata sul bollettino regionale.

Bolzano: esenzione anche per le ultraventennali. Nulla è cambiato rispetto alle disposizioni previgenti. Se non si circola non bisogna pagare nulla, se lo si fa bisogna pagare una tassa su base trimestrale di circolazione basata sulla tariffa più alta, quella prevista per le autovetture di classe di emissioni Euro 0 ed Euro 1 (Euro 5 se la vettura ha alimentazione, esclusiva o doppia, elettrica, a gas metano, GPL e idrogeno. (www.altoadigeriscossioni.it/it/tassa-automobilistica.asp)

Calabria: esenzione solo per le ultratrentennali. “A seguito dell'entrata in vigore della legge 23 dicembre 2014, n.190 art.1 comma 666 (Legge Finanziaria 2015), sono esentati dal pagamento delle tasse automobilistiche soltanto i veicoli e motoveicoli trentennali, esclusi quelli adibiti ad uso professionale. I proprietari di veicoli, precedentemente esentati in quanto ultraventennali ed iscritti negli appositi registri, a decorrere dall'anno tributario 2015 e fino all'anno in cui si compie il trentesimo anno dalla costruzione del veicolo stesso, sono tenuti al pagamento (anticipato e per intero) della tassa automobilistica". (http://tributi.regione.calabria.it)

Campania: esenzione anche per le ultraventennali. Anzi no… Nei giorni scorsi una nota della regione è stata tranchant: “La legge nazionale di stabilità 2015 ha ripristinato il pagamento della tassa per i veicoli di particolare interesse storico e collezionistico con anzianità dai venti ai trent'anni. La norma è immediatamente precettiva. Dal primo gennaio 2015, pertanto, i veicoli ultraventennali esentati sono nuovamente soggetti al versamento della tassa automobilistica di proprietà, da pagarsi sino al compimento del trentesimo anno dalla loro costruzione”. Peccato che sul sito della regione, nella sezione sulle tasse automobilistiche, si dica esattamente il contrario: “Gli autoveicoli ed i motoveicoli di particolare interesse storico e collezionistico che abbiano compiuto vent'anni dalla data di prima immatricolazione o costruzione possono essere esentati dal pagamento delle tasse automobilistiche... Il fatto è che il sito non è aggiornato, ma in realtà l'amministrazione regionale sta valutando l'ipotesi di introdurre in qualche forma l'esenzione per le ultraventennali. (https://portale.tasseauto.regione.campania.it/web/guest/veicoli-storici)

Emilia Romagna: esenzione anche per le ultraventennali. L’amministrazione regionale ha mantenuto l’esenzione per gli autoveicoli e i motoveicoli, esclusi quelli adibiti a uso professionale, di anzianità tra i venti e i trenta anni, classificati d'interesse storico o collezionistico, iscritti in uno dei registri ASI, Storico Lancia, Italiano Fiat, Italiano Alfa Romeo, Storico FMI. Se la macchina circola è previsto il pagamento di una tassa di circolazione di importo ridotto. (http://finanze.regione.emilia-romagna.it/tributi-regionali/temi/tassa-automobilistica/esenzioni-dal-pagamento-della-tassa)

Friuli Venezia Giulia: esenzione solo per le ultratrentennali. Ma sul sito internet della regione non vi è alcuna notizia (www.regione.fvg.it/rafvg/cms/RAFVG/GEN/tributi/)

Lazio: esenzione solo per le ultratrentennali. “A partire dal periodo d’imposta decorrente dal 1 Gennaio 2015, tutti i veicoli (autoveicoli e motoveicoli) compresi tra i 20 e i 29 anni sono assoggettati alla normale tassa automobilistica regionale di possesso istituita con DPR. n. 39/1953 e disciplinata dalla legge n. 53/1983”. (www.regione.lazio.it/rl_tributi/?vw=contenutidettaglio&id=200)

Liguria: esenzione solo per le ultratrentennali. “Ai sensi dell'art. 1, comma 666, della legge 190/2014 con decorrenza 01/01/2015 non è più consentito il pagamento forfettario in misura agevolata ai veicoli "storici" di anzianità fra 20 e 30 anni. Dal gennaio 2015 la tassa per detti veicoli deve essere corrisposta in misura ordinaria”. (https://bolloauto1.regione.liguria.it/tributi/tassaAuto/sta/stasiba/home.do)

Lombardia: esenzione anche per le ultraventennali. Fino all’anno scorso la regione Lombardia consentiva l’esenzione "automatica" dal pagamento del bollo per tutte le autovetture immatricolate da più di vent’anni. Da quest’anno l’esenzione è limitata alle sole vetture iscritte ai registri ma indipendentemente dall'età: “Autoveicoli e motoveicoli di interesse storico (di qualunque anno di immatricolazione) iscritti nei registri Automotoclub Storico Italiano, Storico Lancia, Italiano FIAT, Italiano Alfa Romeo, Federazione Motociclistica Italiana (esenzione dal pagamento di tutte le tasse automobilistiche regionali)”. In questo caso non è dovuta alcuna tassa di circolazione. Sul sito non c’è alcuna notizia ma il tariffario scaricabile parla chiaro: www.tributi.regione.lombardia.it/ds/ccurl/11/732/Tariffario%202015.pdf

Marche: esenzione solo per le ultratrentennali. “Il comma 666 dell’ art. 1 della legge di stabilità statale n. 190 del 23/12/2014, apportando modifiche all’art.63 della L.342/2000, dispone a partire dal 01/01/2015 l’eliminazione dell’esenzione dal bollo auto per gli autoveicoli e motoveicoli ultraventennali di particolare interesse storico e collezionistico, mentre rimane fermo che i veicoli e i motoveicoli ultratrentennali sono esentati dal bollo ed in caso di utilizzazione sulla pubblica strada, sono assoggettati ad una tassa di circolazione forfettaria annua, se non sono adibiti ad uso professionale. Pertanto dal 01/01/2015 avrà termine il beneficio di tale esenzione ed i contribuenti interessati saranno tenuti al pagamento del corrispondente importo dovuto della tassa automobilistica regionale”. (www.tributi.marche.it/Home/tabid/1028/EntryId/237/Novita-esenzione-veicoli-storici.aspx)

Molise: esenzione solo per le ultratrentennali. “La Legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge distabilità per il 2015) all'art. 1 comma 666 ha disposto modifiche(un'abrogazione parziale) dell'art. 63 della legge 342/2000.
A seguito delle citate modifiche, a partire dal periodo d'imposta decorrentedal 1° Gennaio 2015, tutti i veicoli (autoveicoli e motoveicoli)compresi trai 20 e i 29 anni sono assoggettati alla ordinaria tassaautomobilistica regionale. (www3.regione.molise.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/365)

Piemonte: esenzione anche per le ultraventennali. Sul sito internet non c’è alcuna notizia ma sono riportati un numero di telefono e un indirizzo email. Ci hanno risposto che “la regione Piemonte prevede l’esenzione dal pagamento della tassa automobilistica per le auto immatricolate da più di vent’anni ma meno di trenta ma siamo in attesa delle decisioni della Giunta Regionale sul recepimento o meno della normativa nazionale”. (www.regione.piemonte.it/tributi/tassa_automobilistica.htm)

Puglia: esenzione solo per le ultratrentennali. “I veicoli storici ultratrentennali sono esenti di diritto dal pagamento della tassa automobilistica di proprietà. Ove, però, siano posti in circolazione su strade e aree pubbliche è dovuta una tassa di circolazione forfettaria pari ad € 30,00 per gli autoveicoli e ad € 20,00 per i motoveicoli". (https://tributi.regione.puglia.it/tassaauto-approfondimento)

Sardegna: esenzione solo per le ultratrentennali. Sul sito internet della regione non si dice nulla: www.sardegnaentrate.it/entrate/tributiregionali/tributiminori/tassaautomobilisticaregionale/

Sicilia: esenzione solo per le ultratrentennali. Nessuna notizia sul sito della regione

Toscana: esenzione solo per le ultraventennali. Il 25 marzo 2015 il consiglio regionale della Toscana ha approvato, su proposta della giunta, l’abolizione della normativa previgente, che prevedeva l’esenzione dalla tassa automobilistica e il pagamento di una quota forfettaria di 63 euro per gli autoveicoli e di 26,25 per i motoveicoli, da corrispondere negli stessi termini e con le stesse modalità previste per il pagamento della tassa automobilistica ordinaria e dovuta anche se il veicolo non circolava. Il nuovo regime prevede che i veicoli immatricolati da più di vent’anni ma meno di trenta paghino la normale tassa automobilistica prevista per la rispettiva classe di emissioni ridotta però del 10% rispetto alla tariffa ordinaria. La modifica non è ancora stata pubblicata sul bollettino ufficiale della regione.

Trento: esenzione solo per le ultratrentennali. Sul sito internet della provincia autonoma non si dice nulla: “Per informazioni contattare i nostri uffici al numero verde 800 901305, valido solo da telefono fisso. Per chiamate dal cellulare il numero da chiamare è 0461 495511". Se però si chiama gli operatori rispondono e le informazioni sono chiare. (www.trentinoriscossionispa.it/portal/server.pt/community/tributi_e_oneri/1012/tributo/233401?item=DA_2049880#atitolo3xyz)

Umbria: esenzione solo per le ultratrentennali. “Con il comma 666 dell'art. 1 della L. 190/2014 (legge di stabilità 2015) è stato modificato l'art.63 (Tasse automobilistiche per particolari categorie di veicoli) della legge 21 novembre 2000 n.342. In particolare sono stati abrogati i commi 2 e 3 dell'art.63 che prevedevano il regime di esenzione dal pagamento delle tasse automobilistiche per gli autoveicoli e motoveicoli di particolare interesse storico e collezionistico di età compresa tra i 20 e i 29 anni. (www.regione.umbria.it/la-regione/esenzioni-e-riduzioni/#sthash.1Yq20mKo.dpuf e www.regione.umbria.it/la-regione/bollo-auto)

Valle d’Aosta: esenzione solo per le ultratrentennali. “La legge di stabilità 2015 (L. 190/2014) ha abolito l'esenzione della tassa automobilistica e l'agevolazione sull'imposta provinciale di trascrizione per i veicoli di particolare interesse storico e collezionistico di età compresa tra i venti e i trenta anni”. … “Rimane in vigore l'esenzione dal pagamento della tassa di proprietà per i veicoli ultra trentennali”. (www.regione.vda.it/finanze/tributi/default_i.asp)

Veneto: esenzione anche per le ultraventennali. Sul sito della regione non si dice nulla, si dirottano gli utenti a un servizio telefonico (www.regione.veneto.it/web/tributi-regionali/veicolistorici).

Mario Rossi