• player icon Mini John Cooper Works Clubman al Salone di Parigi
    News
    Mini John Cooper Works Clubman al Salone di Parigi
  • player icon Director's cut: Mercedes C63 AMG S
    Première
    Director's cut: Mercedes C63 AMG S
  • player icon Audi A5 Coupé a Parigi 2016
    News
    Audi A5 Coupé a Parigi 2016
  • player icon Hyundai Ioniq: l'ibrida coreana al Salone di Parigi
    News
    Hyundai Ioniq: l'ibrida coreana al Salone di Parigi

Sei in: Home > Auto > Concept > Techrules, a Ginevra debutta la ricarica a turbina

ElettricheTechrules, a Ginevra debutta la ricarica a turbina

 

Viene presentata come una "rivoluzionaria tecnologia di ricarica a turbina", sviluppata per estendere l'autonomia delle auto elettriche ed extended range fino a percorrenze oggi impensabili: parliamo del sistema TREV (Turbine-Recharging Electric Vehicle), una novità che la start-up cinese Techrules mostrerà all'imminente Salone di Ginevra.

La concept da 2 mila km. L'azienda di ricerca e sviluppo - basata a Pechino - non fornisce molte informazioni, ma per ora si sa che la tecnologia TREV alimenterà una super concept da 768 kW (1.044 CV), in grado di garantire un'autonomia di "oltre duemila km": specifiche da far saltare sulla sedia, ma che dovranno essere evidentemente spiegate nel dettaglio dai tecnici di Techrules. La quale, peraltro, è una sussidiaria di TXR-S, un produttore specializzato in materiali high-tech e tecnologie aerospaziali.

La seconda versione della C-X75, destinata alla produzione e poi stoppata dalla Casa


Appuntamento tra dieci giorni.
Il teaser diffuso oggi rivela poco, se non che la showcar potrebbe presentarsi in due versioni, una stradale e una da pista: tuttavia, non può non tornare in mente l'avveniristica Jaguar C-X75 del 2010, una supercar con quattro motori elettrici mai andata oltre la fase di prototipazione e dotata di due microturbine a gas per ricaricare le batterie. L'appuntamento con il presunto futuro è fissato per il prossimo 1° marzo, data scelta da Techrules per la presentazione del sistema TREV.

Davide Comunello