• player icon Tesla: l'autopilot evita un incidente
    News
    Tesla: l'autopilot evita un incidente
  • player icon Polizia: controlli a tappeto in tutta Italia
    News
    Polizia: controlli a tappeto in tutta Italia
  • player icon Porsche Panamera: un'anteprima della nuova generazione
    News
    Porsche Panamera: un'anteprima della nuova generazione
  • player icon Citroën: primo video-teaser della C3
    News
    Citroën: primo video-teaser della C3
  • player icon Cinque stelle EuroNCAP per l'Alfa Romeo Giulia
    News
    Cinque stelle EuroNCAP per l'Alfa Romeo Giulia

Mercato italianoNuovo incremento a doppia cifra

 

Il mercato italiano continua a crescere, facendo registrare un incremento record del 24,2% nel mese di aprile, per un totale di 148.807 veicoli immatricolati. Si tratta dell'undicesimo risultato positivo consecutivo, il quarto a doppia cifra. Grazie a questo risultati il quadrimestre italiano si chiude a quota 578.088 unità, in crescita del 16,2% rispetto allo stesso periodo del 2014 e con una stima dell'UNRAE per l'intero 2015 di 1.480.000 immatricolazioni complessive, con un incremento previsto dell' 8,8%.

In crescita privati e noleggio. Nel miglior mese di aprile degli ultimi quattro anni, la consueta analisi della struttura mercato ha confermato un importante ritorno delle vendite ai privati, che salgono del 28% fino a tornare a volumi simili a quelli del 2012 grazie anche alle numerose offerte delle reti vendita. I privati raggiungono il 60,7% del mercato totale ad aprile (il 59,4% sul quadrimestre), mentre il noleggio continua la sua crescita in aprile (+18,1%): grazie ai nuovi dati disponibili è ora possibile dividere anche il noleggio a breve termine (13,5% di quota sul totale) da quello a lungo termine (11,5% di quota). Anche le società crescono del 17,1%, con un miglioramento del 9% nel quadrimestre e una quota di mercato del 15,1%.

Gruppo FCA. Rimane leaser incontrastato con 43.484 immatricolazioni nel mese (+24,8%), grazie ai risultati positivi di Fiat (32.387 +21,2%), Lancia (5.512 +24,12%) e all'inarrestabile ascesa di Jeep (2.684 +252,69%). Se è vero che in classifica assoluta dopo FCA troviamo il Gruppo Volkswagen (19.542 +19,51%), con tutti i marchi capaci di crescite in doppia cifra, è il Gruppo Renault a ottenere un risultato record: i modelli Dacia e Renault hanno immatricolato 14.843 unità, il 67,7% in più rispetto allo stesso mese del 2014. Crescono anche PSA (13.915 +18,2%), grazie al +31,65% di Peuget, e Ford (10.238 +23,8%), mentre è più limitato il risultato del Gruppo GM (7.845 +4,41%) ormai limitato al solo sul marchio Opel. Positivi anche i risultati del Gruppo Hyundai (7.781 +15,94%), di Daimler (7.104 +18,34%), della Toyota (6.123 +23,80%), della BMW (5.864 +16,03%) e della Nissan (5.141 +21,65%).

Top ten per segmento... Gli italiani continuano a preferire la Fiat Panda, venduta ad aprile in 11.841 esemplari. Il podio virtuale è tutto in mano al Gruppo FCA con la Fiat Punto (5.514), la Lancia Ypsilon (5.449) e la Fiat 500 (5.201), seguite dalla Renault Clio (4.957) e dalla Fiat 500L (4.667). Importante il risultato della Volkswagen Golf (4.171) in mezzo a vetture ben più economiche, mentre nella top ten fa il suo ingresso l'apprezzata Fiat 500X con 3.256 unità immatricolate.

... e alimentazione. La classifica per alimentazione mostra un ritorno piuttosto importante dei modelli a benzina (46.390) che rappresentano il 41,6% del venduto, contro il 29,9% dell'aprile 2014. Il diesel rimane il più gettonato con 82.300 unità, che rappresentano il 55,2% del totale, in calo del 5% rispetto all'anno passato. Cresce il Gpl (12.641) fino a rappresentare l'8,5% del totale, mentre è in leggero calo il Metano (5.618) al 3,8% di quota. Prosegue, intanto, la crescita delle ibride (2.014), che rappresentano ora l'1,4% del totale, mentre le elettriche sono raddoppiate rispetto al 2014, ma si fermano a 91 unità. Osservando il primo quadrimestre 2015 le ibride immatricolate sono 8.802 contro le 6.717 del 2014 e le più gettonate sono le "classiche" Toyota e Lexus, mentre le elettriche sono passate da 285 a 676, grazie soprattutto a Nissan Leaf, Renault Zoe e Citroen C-Zero.

Lorenzo Corsani