Anteprima

Mazda

La scommessa di Hiroshima

Con la CX-60, in arrivo nel 2022, la Casa giapponese inaugura un layout longitudinale, con trazione di base affidata alle ruote dietro e sei cilindri inediti. Nel 2023 sarà il turno della variante a sette posti, la CX-80

di Roberto Lo Vecchio | disegni di Marcelo Poblete |
  • La Mazda è sempre stata una maison particolare: trainata dall’ingegneria, in tante fasi della sua storia ha cercato soluzioni tecniche originali e appassionanti. Lo fa di nuovo con una famiglia di veicoli medio-grandi, che andrà ad ampliare l’offerta nel settore delle ruote alte: due modelli per l’Europa e il Giappone e due per gli Usa.
  • Il primo ad arrivare sui mercati europei sarà la CX-60, che ricostruiamo: non va a sostituire la CX-5 rispetto alla quale si colloca in una fascia superiore, con carrozzeria più lunga di una ventina di centimetri. Ad essa si affiancherà più avanti la CX-80, con passo e lunghezza maggiori, per ospitare sette persone.
  • L’approccio della casa di Hiroshima sarà ancora una volta poco omologato. Al primo powertrain misto benzina-elettrico ricaricabile si affiancheranno motori endotermici longitudinali sei cilindri in linea, benzina e turbodiesel. Mentre nel 2022 l’elettrica MX-30 debutterà in variante ad autonomia estesa, con l’aiuto del Wankel.

Per visualizzare questo contenuto nel migliore dei modi ti suggeriamo
di aggiornare il tuo browser all’ultima versione disponibile.

Aggiorna il browser