Eco news

Auto elettriche

La solitudine della colonnina

Il governo annuncia un piano di forte sostegno alla mobilità elettrica, il quale prevede sei milioni di auto a batteria e 21 mila nuovi impianti di ricarica per il 2030. Numeri che rischiano di restare sulla carta, se non si creano le premesse per il loro effettivo utilizzo. Come dimostra il centinaio di prese scollegate dalla rete a Roma. Per non parlare del 50% degli stalli occupati abusivamente a Milano

di E. Deleidi, C. Murianni | foto di Lorenzo Imprescia |

In questo articolo

  • Secondo il governo, nel 2030 le strade italiane saranno percorse da sei milioni di auto elettriche, ma per raggiungere numeri simili servirà ampliare la rete di ricarica. Una vera e propria impresa, vista l'attuale situazione.
  • Una volta che le colonnine sono installate e pronte per l'attivazione, infatti, inizia un nuovo, lunghissimo, iter burocratico. Che in alcuni casi ritarda l'avvio del servizio per mesi, generando ulteriori disagi.
  • L'assenza di connettori operativi, tuttavia, è solo uno dei problemi: come dimostra la nostra indagine, la ricarica è ostacolata anche dalla maleducazione degli altri utenti.

Per visualizzare questo contenuto nel migliore dei modi ti suggeriamo
di aggiornare il tuo browser all’ultima versione disponibile.

Aggiorna il browser