Industria e Finanza

Software ed elettriche

Il grande dilemma delle Case

Sviluppare in-house i programmi informatici, con i relativi problemi di tempi e costi, o affidarsi all’esterno, rischiando di perdere il controllo di una parte della catena del valore? È la domanda che si stanno ponendo i grandi gruppi nel passaggio alla mobilità a batteria. Ecco le risposte, a partire dal caso Volkswagen

di Rosario Murgida |
  • La rivoluzione tecnologica imposta dal passaggio alla mobilità elettrica richiede ai costruttori di rivedere i paradigmi operativi e rispondere alla domanda se sia meglio l'outsourcing o l'internalizzazione delle attività informatiche, sempre più importanti. Lo dimostra la recente defenestrazione di Herbert Diess dal gruppo Volkswagen.
  • La questione dei software assume ancor più rilevanza alla luce dell'interesse dei colossi della Silicon Valley verso la prossima, grande miniera d'oro dell'industria automobilistica: i dati generati dalle auto connesse e autonome.
  • La risposta dei costruttori è una combinazione tra attività interne e crescente collaborazioni esterne, come nel caso di Renault, Stellantis o, più di recente, della stessa Volkswagen.

Per visualizzare questo contenuto nel migliore dei modi ti suggeriamo
di aggiornare il tuo browser all’ultima versione disponibile.

Aggiorna il browser