Q Storie

Michele Alboreto

Il campione tenace

A vent’anni dalla scomparsa del pilota milanese, gli rendiamo omaggio cercando di ricostruire, assieme al fratello Ermanno, l’ambiente familiare, i sogni di ragazzo e il suo carattere. Insomma, tutto quanto ha contribuito a renderlo non soltanto un driver molto versatile, ma un uomo formidabile. Che ancora oggi è nel cuore degli appassionati

di Andrea Stassano |

IN QUESTO ARTICOLO

 La sua è una famiglia di lavoratori, abituata a guadagnarsi tutto. Ed è in questo contesto, fatto di sacrifici e di una sana rivalità con il fratello, che Michele si forgia il carattere e si prepara a quello che arriverà dopo.

• Nonostante le difficoltà, non si perde mai d’animo e sa, in cuor suo, di avere le doti per diventare qualcuno nel mondo delle corse. L’esordio in Formula Monza, però, non è dei più facili...

• La Scuderia Salvati e altri personaggi del mondo delle competizioni aiutano Michele a farsi strada, perché riconoscono in lui un talento naturale. In Formula Italia arrivano le prime soddisfazioni. Poi in F.3…

Per visualizzare questo contenuto nel migliore dei modi ti suggeriamo
di aggiornare il tuo browser all’ultima versione disponibile.

Aggiorna il browser