Q Storie

Archeologia industriale

Quel che resta dei sogni

Un'esplorazione degli stabilimenti in cui un tempo nascevano le automobili più belle del mondo e che oggi sono lasciati al degrado e alla distruzione

di Emilio Deleidi | foto di Massimiliano Serra |

In questo articolo:

  • Un viaggio nelle fabbriche automobilistiche abbandonate, dalla Innocenti alla Pininfarina, dalla Osi di Torino all’Isotta Fraschini di Saronno.
  • Il Centro Tecnico dell’Alfa Romeo di Arese e la villa Cremonini dell’Autobianchi di Desio: palazzi per uffici abbandonati al loro destino.
  • I progetti di riqualificazione che interessano alcune aree e che non si sono ancora concretizzati.

Per visualizzare questo contenuto nel migliore dei modi ti suggeriamo
di aggiornare il tuo browser all’ultima versione disponibile.

Aggiorna il browser