Scenari

Mercato

Un futuro di rincari per i listini italiani

I prezzi delle vetture, una delle componenti chiave nelle scelte d’acquisto, sono destinati ad aumentare già nei prossimi mesi non solo per colpa della carenza dei chip ma anche per un sempre più probabile cambiamento nell’approccio commerciale dei costruttori

di Rosario Murgida |

In questo articolo:

  • Negli ultimi decenni i listini hanno subito profondi cambiamenti per motivi tecnologici e normativi. Eppure il caso della Panda dimostra che, dopo oltre 40 anni, non ci sono grandi differenze di prezzo. È cambiata, invece, la capacità di spesa degli italiani.
  • Ora la crisi dei chip costringe i costruttori a un cambio di passo che la BMW e la Mercedes hanno già deciso di perseguire: manterranno gli attuali rincari per aumentare la propria redditività.
  • Già oggi emergono segnali preoccupanti: gli economisti di Euler Hermes prevedono rincari tra il 3% e il 6% per l’Europa e di ben il 5,8% per la sola Italia già nel primo semestre dell’anno prossimo.

Per visualizzare questo contenuto nel migliore dei modi ti suggeriamo
di aggiornare il tuo browser all’ultima versione disponibile.

Aggiorna il browser