Scenari

Mercato

Un’Italia sempre più da serie B

Il nostro Paese rischia di retrocedere tra i mercati automobilistici di secondo piano in Europa, tra modelli elettrici che non sfondano e un parco circolante sempre più vecchio

di Rosario Murgida |

IN QUESTO ARTICOLO

  • Le ultime rilevazioni non lasciano adito a dubbi sul continuo aumento dell’età media del parco circolante e su un peso ancora eccessivo di veicoli ante Euro 4.
  • Le vendite di auto elettriche non riescono a sfondare, ma non bisogna attribuirne la colpa soltanto alla mancanza d'incentivi. Pesano anche i problemi geopolitici e la persistente crisi dei chip.
  • Senza un parco più moderno, l’Italia rischia di perdere attrattività per i costruttori e di non raggiungere gli obiettivi stabiliti a livello europeo, a dispetto delle ambizioni del Pnrr.

Per visualizzare questo contenuto nel migliore dei modi ti suggeriamo
di aggiornare il tuo browser all’ultima versione disponibile.

Aggiorna il browser