Tecnologia

Motori

La grande bellezza del sei cilindri

Tutti i vantaggi di questo frazionamento, che sta prevalendo tra i propulsori più performanti. Al punto che ci sono costruttori che ne progettano di nuovi

di Paolo Massai |
  • I limiti alle emissioni rendono difficile l’adozione di otto e dodici cilindri: il frazionamento a sei permette invece di risolvere questi problemi.
  • La disposizione dei cilindri ottimale è quella in linea: i V6 di 90 e 120° risultano intrinsecamente meno equilibrati.
  • La potenza necessaria viene oggi raggiunta grazie all’aggiunta dei turbocompressori e, talvolta, di un e-booster: un compressore elettrico che elimina il ritardo di risposta delle turbine.

Per visualizzare questo contenuto nel migliore dei modi ti suggeriamo
di aggiornare il tuo browser all’ultima versione disponibile.

Aggiorna il browser