Prove su strada

Mercedes-Benz EQA

Sul filo dei 300 km (d’autonomia) - VIDEO

L'elettrica, le cui fattezze e piattaforma (adattata) sono quelle della GLA, è equipaggiata con batterie dalla capacità piuttosto generosa (66,5 kWh), che consentono percorrenze su strada di tutto rispetto, seppur non eccezionali

di Andrea Rapelli |

Nel 1997, il debutto della Classe A servì a democratizzare un marchio fino ad allora incrollabilmente legato a macchine con dimensioni e standing di alto lignaggio. Il progetto funzionò: la prima lettera dell'alfabeto ampliò verso il basso, fin da subito, la clientela della Stella. Portando il concetto all'oggi, la sfida è simile, ma con connotazioni diverse. Non è più soltanto una questione di look, dimensioni e praticità, ma si tratta di qualcosa di ben più importante. In gioco c'è il cambio di paradigma più complesso mai affrontato dal mondo dell'auto: l'abbandono (progressivo, naturalmente) del motore termico a favore della propulsione elettrica. Nell'affrontare questo delicato quanto lungo periodo di transizione, in cui dovranno convivere modelli a benzina e gasolio mild, ma anche full hybrid e plug-in, la EQA si propone come porta d'ingresso al mondo a zero emissioni della Mercedes. Una entry level di lusso, siamo d'accordo, ma che beneficia, in quanto elettrica, di una scontistica notevole, grazie all'ecobonus statale e ai contributi delle concessionarie: 6.000 euro sempre, 10.000 se avete una vettura usata da rottamare. Senza contare le agevolazioni previste dalle Regioni.

Per visualizzare questo contenuto nel migliore dei modi ti suggeriamo
di aggiornare il tuo browser all’ultima versione disponibile.

Aggiorna il browser